BATStato prima
Uno dei feriti, Michele Pellicani, morto nella notte

Esplosione fabbrica fuochi a Modugno, 7 le vittime

Pellicani, parente dei titolari della ditta è stato sottoposto ad un intervento chirurgico dopo essere stato estratto ancora in vita dalle macerie della fabbrica in fiamme


Di:

(ANSA) – BARI, 25 LUG – E’ salito a sette il numero delle vittime dell’esplosione nella fabbrica di fuochi pirotecnici Bruscella a Modugno, alle porte di Bari. Nel corso della notte è deceduto Michele Pellicani uno dei cinque feriti. Pellicani, parente dei titolari della ditta è stato sottoposto ad un intervento chirurgico dopo essere stato estratto ancora in vita dalle macerie della fabbrica in fiamme. Tra i feriti c’è anche Michele Bruscella uno dei soci dell’azienda, con ustioni sull’85% del corpo. (ANSA)

“Quella di Modugno è probabilmente una delle più grandi tragedie accadute in questo settore produttivo così importante per la nostra identità culturale. Un dolore fortissimo quello di dover accettare che persone straordinarie, che hanno donato negli anni tanta bellezza e tanta felicità a chi ha potuto ammirare la loro opera, oggi abbiano perso la vita vittime del loro pericoloso lavoro. I feriti e i familiari delle vittime sentano l’affetto di tutta la Regione Puglia che si stringe attorno a loro in questo momento di dolore”. Lo ha scritto su facebook il governatore Michele Emiliano.

(ANSA) – BARI, 25 LUG – La Procura di Bari ha aperto un fascicolo per disastro colposo, al momento senza indagati, sull’esplosione nella fabbrica di fuochi d’artificio Bruscella che ha causato la morte di sette persone e il ferimento di quattro. Il pm che coordina le indagini, Domenico Minardi, sta incontrando in questi minuti il medico legale del Policlinico di Bari Francesco Vinci che ha effettuato un primo esame esterno delle vittime e al quale sarà affidato l’incarico per le autopsie.

Esplosione fabbrica fuochi a Modugno, 7 le vittime ultima modifica: 2015-07-25T12:33:56+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This