Attualità
“Abbiamo deciso di portare nuovamente all’attenzione della magistratura la situazione assai grave legata al caos generato dalle assemblee sindacali"

Pompei, Codacons presenta esposto in Procura e Corte dei Conti

In particolare l’associazione ipotizzerà il reato di cui all’Art. 340 del Codice Penale


Di:

Pompei – Il Codacons presenta domani un esposto alla Procura della Repubblica di Napoli, alla Corte dei Conti della Campania e alla Commissione di vigilanza sugli scioperi, denunciando i sindacati che, nella giornata odierna, hanno dato vita ad una assemblea impedendo l’accesso dei visitatori al sito archeologico di Pompei. “Abbiamo deciso di portare nuovamente all’attenzione della magistratura la situazione assai grave legata al caos generato dalle assemblee sindacali che, di fatto, tengono in ostaggio il sito archeologico più importante del mondo, oltre che patrimonio dell’Unesco, producendo un danno all’intero paese e rovinando l’immagine dell’Italia all’estero – afferma il Presidente Carlo Rienzi – Il comportamento delle sigle sindacali responsabili della chiusura di Pompei potrebbe configurare addirittura dei reati di natura penale, per i quali chiederemo alla Procura di procedere”.

In particolare l’associazione ipotizzerà il reato di cui all’Art. 340 del Codice Penale, “Interruzione di un ufficio o servizio pubblico o di un servizio di pubblica necessità”, e quello di “Violenza privata” (art. 610) in relazione alle conseguenze prodotte dall’assemblea su oltre 2.000 turisti che hanno trovato stamattina l’accesso agli scavi sbarrato.

“Ma tale situazione produce un danno economico all’intera collettività, rovinando l’immagine dell’Italia all’estero e riducendo il flusso di turisti nel nostro paese – prosegue Rienzi – Per tale motivo abbiamo investiremo della questione anche la Corte dei Conti, affinché valuti eventuali ripercussioni per le casse pubbliche”.

Pompei, Codacons presenta esposto in Procura e Corte dei Conti ultima modifica: 2015-07-25T13:45:04+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This