ManfredoniaMonte S. Angelo
Disposto una remissione in libertà

“Rinascimento”, in Appello rideterminate pene per Pacilli, Miucci e Facciorusso

Soddisfazione è stata espressa dall'avvocato Innocenza Starace

Di:

Bari. CON recente provvedimento, la III sezione della Corte di Appello di Bari, ottemperando a quanto disposto dalla Cassazione, ha rideterminato la pena nei confronti di Tommaso Pacilli nella misura di anni 3 e mesi 4, nei confronti di Enzo Miucci , nella misura di anni 5, e di Nicola Facciorusso, nella misura di anni 1. Contestualmente, la Corte d’Appello ha disposto la remissione in libertà di Enzo Miucci. Si fa riferimento all’operazione Rinascimento della Mobile di Foggia, coordinata dalla DDA di Bari, che aveva portato all’esecuzione di 18 ordinanze di custodia cautelare nell’aprile 2012 per altrettanti soggetti accusati tra l’altro di aver favorito la latitanza del 43enne Giuseppe Pacilli, detto “Peppe u’ montanar”, arrestato il 13 maggio 2011 dagli agenti della Squadra Mobile di Foggia e di Bari, del Commissariato di Manfredonia e dello Sco, Servizio centrale operativo. Il 13 maggio 2011 dunque circa 10 mesi prima dell’arresto dei 18 presunti fiancheggiatori.

L’avvocato Innocenza Starace esprime “soddisfazione per l’ottimo risultato già ottenuto in Cassazione che ha prodotto riverberi positivi in Corte d’Appello”.

Focus
“Fiancheggiatori”, nulla sentenza Appello su Tommaso Pacilli: no aggravante mafia
FOCUS SENTENZA CORTE D’APPELLO DI BARI FIANCHEGGIATORI G.PACILLI

Redazione Stato Quotidiano.it – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
10

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati