Capitanata

Tragedia di San Ferdinando, Gentile: “sicurezza lavoro, presto nuovo ddl”


Di:

vigili-del-fuoco2

vigili-del-fuoco2

San Ferdinando di Puglia – LA Puglia si appresta ad approvare un disegno di legge sulla sicurezza e la qualità del lavoro. Lo ha annunciato, in una dichiarazione resa all’Agenzia Ansa, l’assessore al welfare ed al lavoro, Elena Gentile, così rispondendo al Ministro Tremonti e l’assessore assicura che “Il disegno di legge che la Puglia si appresta a varare segue l’istituzione di un fondo di solidarietà per le famiglie delle vittime di incidenti sul lavoro voluto dalla giunta guidata da Nichi Vendola, e la decisione dell’esecutivo pugliese di costituirsi parte civile nei processi riguardanti gli incidenti sul lavoro“.

“ Il disegno di legge – dice l’assessore Gentile -implementerà in maniera sostanziale le norme per la sicurezza nei luoghi del lavoro e riguarderà non solo il sistema delle imprese, ma anche gli enti pubblici e, quindi, tutte le stazioni appaltanti.

ALLARME LAVORO NELLE CAMPAGNE – “ Una particolare attenzione verrà posta per quanto riguarda la sicurezza nelle campagne – ha detto l’assessore Gentile – luoghi diventati,afferma l’assessore, soprattutto in Puglia, ‘cantieri’ a maggiore rischio”.

Secondo l’assessore Gentile, il ddl che la Giunta si appresta ad approvare prevede, in particolare, nuovi obblighi per i proprietari di vasconi e pozzi: dovranno, ad esempio, impiantare una cartellonistica che dia indicazioni precise, con disegni e frasi scritte in più lingue, del pericolo di morte.

L’ULTIMA TRAGEDIA: MUORE A SAN FERDINANDO DI PUGLIA DURANTE LAVORI IN CISTERNA – ALTRI DUE UOMINI SALVI PER MIRACOLO – Muore dopo essere scivolato nella melma mentre stava lavorando alla coibentazione di una cisterna d’acqua piovana in un terreno di un carabiniere della zona. Con la vittima: il proprietario del fondo (il carabiniere) e il cognato. Il tragico incidente è avvenuto questo pomeriggio a San Ferdinando di Puglia (Fg).

L’UOMO deceduto si chiamava Antonio Della Pietra, 51 anni, originario di Cerignola, scivolato in modo accidentale nella cisterna e rimasto impigliato nella melma. In seguito i soccorsi prestati dalle altre due persone, che avrebbero cercato di infilarsi nella cisterna per salvare l’uomo. Ultimo ad entrare il carabiniere, con tutti e tre i soggetti rimasti intrappolati. Come detto i tre uomini avrebbero dovuto impermeabilizzare, con catrame e diluente, le pareti della cisterna.

L’incidente è avvenuto in contrada Lupo: le forze dell’ordine intervenute sono state avvertite da una chiamata dei familiari degli uomini rimasti intrappolati nella cisterna. Familiari che, in attesa dell’arrivo dei vigili del Fuoco, avrebbero cominciato a chiamare i loro cari dall’imboccatura del pozzo, ma senza ricevere risposte.

INIZIALMENTE si era ipotizzata la morte di tutti e 3 i soggetti: ma grazie all’ausilio di bombole di aria compressa, calate durante i lavori in superficie, due dei tre uomini sono stati rianimati, con Della Pietra morto invece in precedenza. I due feriti sono stati trasportati all’ospedale di Cerignola, ma non sarebbero in pericolo di vita.

L’INDAGINE DELLA PROCURA – Sull’incidente è stata aperta un’indagine da parte della Procura della Repubblica di Foggia, indagine affidata al sostituto procuratore della Repubblica Alessandra Fini. Accertamenti sono stati avviati anche da parte del Servizio di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro (Spesal) della Asl di Barletta.

IL CORDOGLIO DEI RAPPRESENTANTI DELLA REGIONE PUGLIA – La tragedia sul lavoro a San Ferdinando colpisce profondamente tutti i pugliesi. A nome del Consiglio regionale e mio personale esprimo lo sgomento e la costernazione per questo nuovo, doloroso episodio. Ad affermarlo, a caldo, appena avuta notizia, è il presidente del Consiglio regionale, Onofrio Introna. “Come uomo, come politico, come militante da sempre vicino alla causa dei lavoratori, sono sinceramente commosso e mi stringo alle famiglie ed alle comunità locali”.

Morte operaio San Ferdinando di Puglia: il cordoglio di Pastore (SEL) – “Sono molto addolorato per la morte di Antonio Della Pietra, l’operaio di San Ferdinando di Puglia, il 51enne che stava lavorando alla coibentazione di un pozzo in una campagna del posto. Era lì con il proprietario del fondo e con il cognato di quest’ultimo. Loro due, per fortuna, si sono salvati, l’operaio è morto. Di lavoro si muore e senza pure. Ora il magistrato dovrà accertare le circostanze, appurare se quel lavoro si stesse svolgendo in sicurezza e nel rispetto delle norme e della legge. Intanto un’altra persona è morta, lascerà una famiglia nel dolore in una terra in cui si fatica duramente per tirare avanti. Alla famiglia di Antonio Della Pietra le mie più sentite condoglianze”, ha concluso Pastore.

Losappio (SEL): “Cordoglio alla famiglia Della Pietra” “Ancora una morte sul lavoro nonostante il tempestivo intervento che ha evitato una tragedia più grande. Nell’esprimere solidarietà alla famiglia Della Pietra non si può sottacere che al di là delle regole e delle precauzioni a carico di imprese e dipendenti è la fame di lavoro, la necessità di garantire comunque il futuro delle proprie famiglie che spinge ad accettare senza indugi tipologie che comportano alti rischi”, ha detto in una nota il presidente del Gruppo Sel, Michele Losappio. “Spetta alla Magistratura accertare se nel caso specifico sono state infrante norme e disposizioni e sono certo, come per la Truck Center di Molfetta, che questo verrà fatto con il massimo scrupolo. Alla politica ed alle istituzioni spetta invece il compito di contrastare il lavoro precario e irregolare che contiene il germe dell’insicurezza e la crescita del rischio. In questo senso si è mossa negli ultimi anni la Regione con le sue politiche attive e con il contrasto alle forme di lavoro nero nel tentativo di prosciugare quanto più è possibile quelle pratiche che possono portare a un incremento degli infortuni. Spiace constatare che il Governo Nazionale si è mosso e si muove invece nella direzione opposta, fino a contrastare le scelte della Puglia tesa a ridurre la precarietà e l’illegalità”.

Tragedia di San Ferdinando, Gentile: “sicurezza lavoro, presto nuovo ddl” ultima modifica: 2010-08-25T22:36:35+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi