Manfredonia
Fotogallery a cura di Benedetto Monaco

Manfredonia, “Diomedes 2016: collettiva nazionale di pittura contemporanea”

Di:

Manfredonia. “Diomedes 2016” – collettiva nazionale di pittura contemporanea inaugurata nel chiostro del comune di Manfredonia il 17 di Agosto – sarà accessibile a tutti fino al 27 dello stesso mese dalle ore 18.00 alle ore 23.00. Il Presidente dell’associazione culturale “Diomedes” , Vittorio D’Ambrosio, evidenzia come “Anche quest’anno l’Associazione ha voluto dare un contributo culturale alla nostra amata città; esprimendo il suo vivo ringraziamento per tutti quelli che si sono adoperati per la realizzazione di tale evento”.

Di seguito riportiamo le dichiarazioni del Presidente della mostra, Avv. Matteo Ognissanti, e di uno dei due coordinatori designati, nonché Consiglieri Comunali, Antonella della Patria e Adamo Brunetti.

Matteo Ognissanti: “Credo di non peccare di presunzione quando dico che la mostra collettiva Diomedes è divenuta un appuntamento fisso dell’estate sipontina. Quest’anno abbiamo riscontrato una partecipazione degli artisti sempre più rilevante, sono più di venti da Nord a Sud. Ognuno di loro ha rappresentato due quadri, a tema libero. Non sono mancati quadri del faro di Manfredonia, del Gargano, del porto… Ognuno ha preferito dipingere il luogo preferito del nostro territorio, inoltre quest’anno abbiamo avuto l’onore di esporre una personale del grande artista Salvo Caramagno.”

Alla domanda sul valore anche economico dei quadri il presidente della mostra così si esprime: “I quadri sono in vendita, ogni artista ha messo un proprio valore per l’opera messa in esposizione in una location storica e pregevole come il chiostro del comune di Manfredonia. La collettiva contemporanea di pittura non è più un concorso, quindi non ci sarà più un vincitore, comunque a premiare sono i dati dell’affluenza. Al momento i visitatori si attestano sui 5.000 tra cui possiamo annoverare gente provenuta anche fuori dalla nostra città. La mostra giunta alla sua settima edizione va avanti grazie al lavoro dei soci dell’associazione Diomedes, tra questi anche i coordinatori della Mostra: Adamo Brunetti ed Antonella della Patria.

A quest’ultima domandiamo: “Come nasce l’idea di questa esposizione d’autore?” Antonella della Patria: “ L’idea dell’esposizione d’arte nasce dal presidente dell’associazione culturale Diomedes nella persona di Vittorio D’Ambrosio, è ideata prima come concorso per dare la possibilità agli artisti di esporre le proprie opere, poi si è sviluppata come una mostra collettiva nazionale dove partecipano tanti artisti da tutta l’Italia. Della Patria puntualizza, inoltre, che non trattandosi di una galleria il costo dell’opera è inferiore, per questo l’acquirente è incentivato a portare a casa un opera di pregio ad un prezzo più modico. La mostra comunque è stata pensata come un interessante contenitore d’arte, culturalmente ammirevole. In conclusione formuliamo alla coordinatrice questa domanda: “Con questa esposizione possono venire alla luce nuovi talenti?” Della Patria: “Si perché possono partecipare tutti per dare a tanti la possibilità di crescere assieme ad artisti più quotati che ne alzano il livello. Questo dato è confermato anche dalle cospicue presenze dei visitatori accorsi a valutare questa pregevole vetrina dell’arte pittorica contemporanea”.

Ricordiamo al lettore che la fruizione delle opere pittoriche sono di libero accesso, rispettando gli orari di apertura, dopo che il visitatore avrà visionato le opere gli sarà data la possibilità di esprimere il proprio parere sul registro delle presenze e volendo potrà contattare chi presenzia la mostra per prenotare il quadro che lo ha maggiormente suggestionato. Di seguito riportiamo i nominativi degli autori delle opere d’arte ed il loro luogo di provenienza:

Altieri Antonio di San Tammaro (CE);
Altobelli Cristina di Ortona (CH);
Bartolomei Santina di Cesena;
Basaglia Marina di Cerea (VR);
Cammarata Antonino di Augusta (SR);
Cavedon Giampietro di Thiene (VI);
Civitarese Antonio di Canosa Sannita (CH);
Cocomazzi Grazia Pia di San Giovanni Rotondo (FG);
D’Alessandro Benito di Miglianico (CH);
Frisco Vincenzo di Campobasso;
Ingino Domenico di Serino (AV);
Loconsole Michele di Bari;
Manco Carmen di Taranto;
Mazziale Carmine A. di Campobasso;
Papa Massimo di Nettuno (RM);
Papale Silvio di Pinerolo (TO);
Pelosi Giuseppe di Avellino;
Pennesi Laura di Camerino (MC);
Prima Manet Gian di Rovigo;
Rosati Francesca di Montelibretti (RM);
Rosati Vittoria R. di Montelibretti (RM);
Sukova Larysa di Castel Volturno (CE).

(Pubblicazione a cura di Benedetto Monaco
Foto sulla personale di Caramagno gentilmente concesse da un socio della Diomedes)

FOTOGALLERY A CURA DI BENEDETTO MONACO



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati