FoggiaManfredonia
"300 lavoratori a casa per mancanza di prodotto e senza alcun messaggio in via preventiva"

“Princes Industrie Alimentari Foggia: beffa ai lavoratori”

Di:

Foggia. ”È di pochi minuti fa la notizia che l’azienda Princes, sita in zona ASI a Borgo Incoronata, beffa circa 300 lavoratori rispedendoli a casa per mancanza di prodotto e senza alcun messaggio in via preventiva, per evitare che si recassero ad iniziare il primo turno (06/14).

Ci spiega una lavoratrice “ho ricevuto il messaggio – TI COMUNICHIAMO CHE OGGI, GIOVEDI’ 25/08/2016, PER ASSENZA DI MATERIA PRIMA NON LAVORI. GRAZIE – alle ore 05.19, stavo lì per timbrare il cartellino quando mi arriva l’sms. La rabbia di tutti i lavoratori che – arrivano da ogni parte della capitanata – raggiungono ogni giorno, per circa un mese lavorativo, la predetta azienda per la lavorazione dell’oro rosso, è stata il minimo che potessero esprimere. Preciso che a molti colleghi il messaggio è arrivato alle 05.35 e, a chi non è arrivato affatto. A questo punto chiedo – continua la lavoratrice stagionale – per quale motivo siamo stati avvisati in netto ritardo? Chi ci rimborserà le spese del viaggio? Chi tutela i circa 300 lavoratori rispediti a casa dalla sicurezza all’entrata dell’azienda? Dove sono i sindacati in difesa dei lavoratori?”

Oltre il danno di non aver ricevuto il messaggio, da parte della Princes, in via preventiva, la beffa di chi si è visto preso in giro e mandato a casa”.

Lettera a Stato Quotidiano, 25.08.2016



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • perpiacere

    Ma perpiacere…in un era d9ve nin c’è una lira di lavoro…e per un giorno che non lavorate…alzate un polverone….vi posso assicurare che ci sono altri 5000 pronti a entrare a lavorare…..
    Non vi lamentate sempre…


  • sempre

    entra anche tu basta recarti in qualsiasi agenzia di lavoro!!!!
    ma voglio vederete io mi sono svegliatastanotte alle tre un’ora per arrivare a foggia su una strada bruttissima arrivi stai per entrare …e ti arriva il messaggio per piacere stai zitto


  • pio pio

    la fabbrica più piccola che fa lo stesso prodotto ha avvisato il giorno prima i dipententi di questa mancata produzione nn è corretto un comportamento del genere da un azienta di tale importanza ora se ne assumesse le responabilità il minimo deve rimborsare le spese di viaggio a vuoto che sono nulla confronto al disagio causato .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati