CronacaStato news
Nota stampo

Sulla costa di Bisceglie un’eccellenza Made in Puglia

L’Associazione Baywatch è la prima in tutta Italia a garantire gratuitamente la presenza di bagnini di salvataggio sulle spiagge libere e non attrezzate

Di:

Per il terzo anno consecutivo, l’Associazione Baywatch di Bisceglie mette in campo il progetto Spiagge Sicure, con il patrocinio del Comune di Bisceglie e in collaborazione con la Capitaneria di Porto. Dal 1° luglio, i bagnini dell’ASD Baywatch sono presenti su alcune spiagge libere biscegliesi. I bagnini, in possesso di brevetto per il salvataggio e di attestato Basic Life Support per il primo soccorso, assistono quotidianamente i cittadini in maniera completamente gratuita: tutti i costi infatti sono a carico dell’Associazione che si sostiene grazie ad un piccolo contributo annuale erogato dal Comune e alla generosità degli sponsor e di chi destina all’ASD Baywatch il proprio 5×1000.

Nel primo mese di attività nell’estate 2016, sono stati decine gli interventi in spiaggia per medicare e assistere i bagnanti. Uno solo finora, fortunatamente, l’intervento in mare: una giovane bagnina ha riportato a riva sane e salve tre bambine che, a bordo di un materassino gonfiabile, erano state trascinate troppo al largo dalla corrente. Ancora due gli aspetti da non sottovalutare. Il progetto Spiagge Sicure rappresenta un unicum in Italia: l’Associazione Baywatch è stata infatti la prima ad aver promosso la presenza di bagnini di salvataggio sulle spiagge libere e non attrezzate, gratuitamente. Un’eccellenza tutta Made in Puglia, pensata e voluta da un gruppo di biscegliesi appassionati di mare e desiderosi di dare una mano alla collettività. E ancora, il progetto permette di dare lavoro per i mesi estivi a circa 30 ragazzi, assicurati e con regolare contratto.

“Siamo felici – ha commentato Asia Innocenti, giovane presidente dell’Associazione – di dare il nostro contributo anche quest’anno. Il mio grazie soprattutto ai nostri sponsor e ai ragazzi che ci permettono di offrire questo servizio così importante per i bagnanti. E abbiamo un sogno nel cassetto: realizzare una spiaggia dove i disabili possano godere pienamente del loro mare e delle loro spiagge”.



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati