GarganoManfredonia
Testo del 30.06.2012

Terremoti, come è stata classificata la Puglia

Per quanto riguarda le province di Lecce, Brindisi e buona parte di Taranto, fanno parte della 4° categoria, non sismica

Di:

In Puglia buona parte della regione e’ stata classificata sismica e quindi gli interventi edilizi ”sono stati realizzati nel rispetto della normativa sismica”. E’ quanto fanno notare all’ADNKRONOS i geologi della sezione pugliese della Societa’ Italiana di Geologia Ambientale (Sigea), che ricordano come a essere dichiarati a rischio siano stati dal 1980-81 il foggiano, e dal 2003-04 Bari, Barletta e buona parte del tarantino.

Per quanto riguarda le province di Lecce, Brindisi e buona parte di Taranto, fanno parte della 4° categoria, non sismica, o comunque ”meno pericolosa sismicamente”, e quindi in quelle aree ”non viene applicata la normativa specificamente antisismica, fatta eccezione per le verifiche antisismiche relative agli edifici di interesse di protezione civile come ospedali, scuole e siti pubblici o di apertura al pubblico”.

(LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO SU METEOWEB.EU – DATA: A cura di Peppe Caridi
19:18 30.05.12



Vota questo articolo:
38

Commenti


  • Comunicatore

    condizioni idelai per installare il deposito di GPL più grande d’europa 🙁

  • Il megadeposito GPL verrebbe situato fra 3 faglie sismiche: a nord la faglia di Mattinata, a est la faglia di Rignano e a sud la Faglia del Candelaro. A Ovest cè il mare…ed è la zona più a rischio di dissesto idrogeologico.

    AUGURI


  • manfredoniano

    Scusate la mia domanda stupida e ingenua…..ma se nel foggiano avete detto che è un territorio ad alto rischio sismico con una scala Mercalli 9…come -vi permettete di insidiare aziende e fabbriche e altre diavolerie che potrebbero saltare in aria in caso di terremoti..????????? Sono io lo stupido e ignorante della situazione oppure voi !!!!!!!!!!!!!!!!!!!??????????????? E in caso di -da chi dobbiamo andare poi….??????!!!!!!! Scusate la mia ignoranza e preoccupazione.


  • Dino

    Il più grande deposito d’Europa, in una zona altamente sismica.

    ……….oltre all’analisi di rischio sismico dovrà essere prevista l’elaborazione di .
    un piano di emergenza;
    un piano di sicurezza;
    un piano dei sistemi di controllo periodico;
    da far approvare alle rispettive autorità competenti. Tali piani dovranno essere integrati da un’analisi degli effetti ambientali ( e dell’uomo?) da eventuali malfunzionamenti e incidenti di rottura alle condotte, anche in considerazione della natura climalterante del GPL……..

    In merito alla sismicità……omissis… tenuto conto della lunghezza del tracciato del gasdotto e della varietà delle condizioni topografiche e di suolo, dovrà essere effettuato uno studio approfondito sulla risposta sismica (risposta minima?procuriamo un terremoto per verificare se effettivamente mantiene la conduttura?)
    Lo studio fatto da parte di chi? di privati?

    Che Dio c’è la mandi buona.


  • Francesco

    Con un terremoto come quello di Amatricia i problemi sono solo per i fabbricati di Manfredonia, Tubi, serbatoi etc, essendo elastici non hanno problemi. Infatti in quelle zone come pure all’Aquila non ci sono stati incendi o altro da gas. Quanti fabbricati crollano? Secondo me l’80%.


  • Uno di Voi

    SUL CASO ENERGAS, DOVE UN SINDACO HA DICHIARATO TESTUALMENTE:

    “….CONTINUEREMO LA NOSTRA BATTAGLIA PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLA SALUTE COLLETTIVA….”

    MAI PERVENUTI SEGNALI DI BATTAGLIA AI RADAR PIU’ SOFISTICATI!!!!!!!

    SOLO PAROLE INUTILI E VUOTI PALLEGGIAMENTI CHE HANNO FATTO SCENDERE IN CAMPO APERTAMENTE ADDIRITTURA IL NOSTRO ARCIVESCOVO, GIUSTAMENTE PREOCCUPATO PER LA DISTRUZIONE DI UNA PARTE DEL CREATO E DELLA SALUTE DEI FEDELI!

    Per chi volesse approfondire…..

    STRALCIO DALLE CONTRODEDUZIONI CONTRO L’ENERGAS INVIATE L’ANNO SCORSO DAL M5S DI MANFREDONIA AL MINISTERO E ANCORA IN ATTESA DI RISPOSTE!

    http://www.mit.gov.it/mit/mop_all.php?p_id=26215

    “CRITICITÀ CON IL FATTORE SISMICITÀ
    Osservazioni sulla compatibilità del progetto con il fattore sismicità (punti 4.3.3.6 / 4.4.2.3.12/ 4.4.3.3.3, 4.4.4.3.11 della S.I.A.).
    Nel fattore di compatibilità con la sismicità dell’area si deve tener conto:
    8. Nella relazione tecnica non si fa cenno, tra le condizioni di carico, a quelle sismiche, né a quelle idrodinamiche derivanti dallo spostamento del liquido in pressione di 23 bar all’interno delle cisterne ;

    9. non esiste una normativa tecnica di riferimento per definire le azioni sismiche agenti su un serbatoio di GPL, in quanto le Norme Tecniche delle Costruzioni si riferiscono solo agli edifici; pertanto il riferimento normativo deve essere quello dell’EuroCodice 8, cosa che non viene menzionato nella relazione che fa genericamente riferimento all’Ordinanza del 2003 e alle N.T.C. 2008;

    10. il rischio sismico della zona comporta anche un rischio incidente rilevante, ai sensi della Direttiva 2012/18/UE del 4 luglio 2012, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell´Unione Europea n. 197 del 24 luglio 2012 che entrerà in vigore dal 1° giugno 2015, si esplicita l’introduzione dell’obbligo di valutare tra i possibili scenari incidentali anche quelli derivanti da eventi naturali, quali ad esempio terremoti o inondazioni;

    11. nei fatti, anche nel terremoto dell’Emilia Romagna, si è constato che l’accelerazione del suolo è stata superiore a quella prevista in modo statistico dalla normativa: a favore di sicurezza devono essere presi in considerazione azioni sismiche derivanti da accelerazioni orizzontali al suolo superiori a quelli previsti dalla zonizzazione attraverso il metodo internazionale denominato NDSHA che è basato sulla definizione di “terremoti di scenario”, ossia sulla modellazione di un ampio insieme di possibili sorgenti sismiche (caratterizzate indicando almeno dove e quanto forte può avvenire un terremoto) definite sulla base della sismicità storica e la sismotettonica;

    12. l’area, come si evince dalla Tav. A1 – Tutela dell’integrità fisica – del P.T.C.P. della Provincia di Foggia approvato, viene a trovarsi a meno di 3 Km da una faglia sismica e a circa 1,5 da una faglia presunta. In caso di sisma è prevedibile che tale faglia si prolunghi e si potrebbe avere uno scorrimento relativo del terreno. Tale frattura potrebbe interessare l’area del deposito, il gasdotto o i binari di collegamento con la stazione di Frattarolo;

    13. dal punto di vista costruttivo, in zona sismica la tipologia di sella d’appoggio della cisterna in cemento armato scelta dall’Energas è fortemente sconsigliabile, in quanto crea delle elevate sollecitazioni puntuali che agiscono lungo il contatto con la cisterna portando discontinuità strutturali e quindi punti di possibile rottura; in zona sismica è consigliabile un sistema di fondazione con isolatori sismici, con vincoli d’appoggio tipo carrello unilatero;

    14. dal punto di vista costruttivo, in caso di progettazione di edifici in zona sismica con una dimensione lineare in pianta superiore ai 25-30 metri,s’inserisce un giunto sismico affinché la costruzionesi deformi in maniera prevedibile e controllata; in caso di cisterne alte più di 9 metri e lunghe in pianta 96 metri, i modi di rispondere e di deformarsi della singola cisterna in caso di sisma risulta alquanto aleatoria;

    15. in zona sismica le tubazioni a pressione di 18 bar, devono essere di limitata lunghezza e raccordate in testa da giunti elastici poco distanziati tra loro, in modo da non subire spostamenti relativi eccessivi e spezzarsi in caso di sisma. Questa soluzione corretta dal punto di vista sismico è incompatibile con la sicurezza antincendio, in quanto per evitare facili e prevedibili perdite ai giunti tra le tubazioni, si consiglia di distanziare il più possibile i giunti saldati testa-testa;

    16. l’area è nelle immediate vicinanze della costa e siccome, nelle verifiche statiche si considerano tutte le possibili azioni agenti in riferimento alla storia del luogo, il deposito deve essere verificato ad azioni dovute a maremoto, in quanto l’antica Siponto è stata letteralmente colpita e seppellita da un maremoto;

    17. nella relazione tecnica non si fa riferimento alla compatibilità dell’intervento con il fattore sismicità del pontile del Bacino Alto fondali del Porto Industriale dove ci sarà lo sversamento delle gasiere da 15.000 litri e il carico di gasiere più piccole. Il pontile fu costruito nei primi anni ‘70 quando la progettazione antisismica delle costruzioni non era obbligatoria;oggi il pontile risulta in pessime condizioni statiche, soggetto a continue sollecitazioni dovute alle correnti marine e al passaggio degli autotreni. Occorre pertanto sottolineare che nel progetto non si fa riferimento alla capacità del suddetto pontile a resistere sia alle azioni sismiche che ai nuovi sovraccarichi permanenti ed accidentali puntuali come quello del locale tecnico e dei bracci delle pompe per il carico/scarico della navi gasiere di grande pescaggio”

    E tanto altro!

    Il M5S, la sua battaglia l’ha fatta veramente fino a raggiungere il suo obiettivo: far esprimere il Consiglio Comunale contro l’Energas.

    Ora la staffetta tocca alla maggioranza del PD che dormendo dice ai 4 venti che sta conducendo una battaglia!

    E la gente si affida al mistero della fede!

    Il M5S prima che il Consiglio Comunale si esprimesse contro Energas:

    – ha fatto due interrogazioni parlamentari nel 2014;
    – ha fatto banchetti informativi dal 2014,
    – ha fatto comunicati dal 2013;
    – ha mandato un dossier su Energas ai suoi eurodeputati nel 2014;
    – ha fatto la raccolta delle firme per indire un referendum nel 2015;
    – ha spinto a modificare lo Statuto Comunale per indire un referendum popolare nei tempi giusti, cioè l’anno scorso, prima della conferenza dei servizi;
    – ha fatto venire a Manfredonia il Vicepresidente della Camera dei Deputati Di Maio nel 2015,
    – ha fatto osservazioni scritte ed inviate ai ministeri, controdeduzioni nel 2015,
    – ha spinto il Sindaco a svegliarsi, visto che fino ad aprile 2015 minimizzava, prendendosela con “gli ambientalisti con la pancia piena”;
    – ha fatto interrogazioni alla Regione nel 2015;

    ha creato un’opinione pubblica attenta a questa tematica!

    Almeno si spera!


  • Un cittadino si chiede....?

    Quale autorità e sotto quale nome, si sono assunti o si assumeranno la responsabilità di dichiarare idoneo il territorio di Manfredonia affinchè vengo depositato nel suo ventre una quantità pazzesca, terribile, ciclopica di gpl!
    Siano resi noti i nomi di questi funzionari e resi pubblici a tutta la cittadinanza di Manfredonia! Basta con questa storia, ci state stressando, che cosa abbiamo fatto di male? Perchè dobbiamo vivere sotto questo spaventoso incubo?


  • lontano sia!

    Non ci può essere posto per il megadeposito. Chi sono coloro che si ostinano a volerlo qui?


  • lontano sia!

    Se qualcuno si è accordato con quei signori dell’Energas, torni sui suoi passi!
    Si metta una mano sulla coscienza…


  • MATTEO

    COME MAI GLI AMBIENTALISTI SI SONO SCHIERATI A FAVORE????? HANNO QUALCHE RITORNO DI FIAMMA?????


  • disdignato

    Vorremmo i nomi dei signori che vorrebbero energas qui.perche se succede qualcosa saranno loro a pagare.ma ci rendiamo conto.ma di cosa stiamo parlando.spero proprio che troveranno un altro posto per insidiare questo benedetto energas.poveri noi.


  • Silvana

    Uno di voi perché sei così accanito contro Energas? Capisco e traspare lampantemente la tua simpatia……verso il movimento 5 stelle , cosa che in tutti i casi non giustifica i tuoi continui comizi ! Scrivi di interrogazioni disattese , di intervento disperato del vescovo , di frasi pubblicitarie pronunciate dal Vs Beppe Grillo nei suoi infiniti ed interminabili viaggi a caccia disperata di simpatizzanti e futuri voti , ma MAI ho letto nei tuoi proclami di cose concrete e reali. Sono mesi che tenti in tutti i modi di provocare il sindaco per spingerlo ad una sorta di insurrezione guidata senza avere giustamente un riscontro ad una simile stupidaggine. Ma che fai sei a favore dei 5 stelle e cerchi aiuto al PD ? Non bastano le stupidaggini che dite voi ed il modo ridicolo e cabarettistico di fare politica che avete ? Volete che tutti ripetano le cose inesatte e tendenziose che voi tentate di propinare alla gente ? Già il vescovo è stato forzatamente spinto pur di assecondare una piccola parte del suo gregge a fare dichiarazioni arrangiate nelle quali dice e non dice , si schiera e non si schiera , che altro vuoi ? E dillo che la Energas ha avuto tutti i pareri favorevoli ! Dillo che tali pareri sono pubblici e con essi i nomi e cognomi di chi ha firmato assumendosi responsabilità inimmaginabili ! Dillo che le commissioni non sono formate da singoli funzionari ma da tanti professionisti super competenti in materia e per cui assolutamente non condizionabili al fine di renderle ” COMPIACEMTI ” come qualcuno di qualche associazione ha dichiarato e poi immediatamente corretto e cancellato per paura di essere a giusto motivo querelato per diffamazione ! Dillo che i tuoi amici 5 stelle convivono in Puglia dove amministrano una città nella quale c’è già un deposito enorme di GPL senza dire una parola ed in tutta serenità !
    Che succede Manfredonia è diversa da alte città e non idonea ad un deposito di gol solo perché a Manfredonia non siete voi ad amministrare o cosa ?
    Ma……io dimentico spesso che Voi vivete in Italia , usufruire dei servizi (buoni o cattivi ) che questo paese offre , prendete le pensioni che i lavoratori Italiani vi pagano , ma poi di questo paese non riconoscere e rispettate le leggi e gli organi preposti al rispetto di leggi e regole comuni. Siete italiani a convenienza , cristiani e cattolici all’occorrenza , ma pagnottisti nel cuore e nell’anima SEMPRE !!


  • Dino

    Silvana, Brindisi non è una città sismica, Manfredonia si!
    Io invece ringrazio UNO DI VOI, chi non può deve ricordare e chi può deve agire.


  • per Silvana

    Non so chi siano i tecnici che, assumendosi gravi responsabilità, hanno espresso parere favorevole sul progetto Energas e può darsi che l’abbiano fatto in coscienza e buona fede.
    Ricordo, tuttavia, che quando si diede il parere favorevole sull’ubicazione del petrolchimico Anic nel lontano 1967-68 qualcuno disse che non comprendeva le proteste dei pochi cittadini che si opponevano (pochi per la verità) dal momento che la fabbrica sarebbe sorta a 15 chilometri dal centro abitato del Comune in cui la fabbrica doveva sorgere, SORVOLANDO sul fatto che vi era un altro centro abitato al confine di quel Comune (Monte Sant’Angelo) ad appena due chilometri…
    I rischi potenziali del megadeposito (in una zona ad alto rischio sismico) sono elevatissimi, la distanza da una strada statale di grande traffico, da una ferrovia e da un aeroporto militare (oltre che da un centro abitato) è davvero esigua.
    Perché ostinarsi?…
    I danni


  • ancora per Silvana

    I danni (scusi, mi son dovuto allontanare) per il paesaggio, l’ambiente, la pesca, il turismo sarebbero enormi. I vantaggi? Inesistenti.


  • Seguace virtuale di uno di Voi

    Strepitoso, sei grande grandissimo dal 2013 ti segue, grazie di esistere se la luce in questo oceano infinitivo di falsità e commedia di squallido spessore.
    Con stima e simpatia.


  • Matteo Guerra

    Volevo solo dire a “uno di voi” che ha dimenticato di aggiungere il rischio della caduta di asteroidi e satelliti, che in teoria è comunque possibile, in sostanza anche uscire per fare la spesa comporta dei rischi, quindi che facciamo?

  • Che cosa sarebbe successo se amatrice ci fosse stata la grande bestia compreso i tubi?Dovete sparire da Manfredonia!!!

  • Ignoranti la sapete leggere la cartina?dovete sparire da qui voi e tutti i bomboloni!!


  • Silvana

    Ma chi siete voi per mettere in discussione pareri tecnici rilasciati da Ministri , da commissioni tecniche presiedute da funzionari del ministero dell’interno , ufficiali ingegneri dei Vigili del Fuoco , professori universitari , esperti di sicurezza , ambiente , beni culturali ? Fare ciò , vuol dire non riconoscere l’autorità , non rispettare le leggi , non ritenere Manfredonia parte del territorio Italiano ! Tutto è un pericolo , anche andare in bicicletta a siponto ed essere fatalmente investiti da un’auto ! Che vogliamo fare chiudere al traffico tutta Manfredonia ? Perché la ENI ha creato in passato un danno ( bisognerebbe capire come e perché quel danno ebbe luogo ) sul territorio di Manfredonia mai più potremo avere un insediamento o un attivita ? Io capisco che si può essere favorevoli o contrari a qualcosa , ma si dovrebbe sempre restare lucidi , corretti , onesti e più di tutto nella verità ! Io su questa vicenda ho letto da parte degli oppositori solo menzogne , dati tecnici falsi , e ancor più grave ho visto commettere diffamazione pur di tentare con una falsa informazione di far valere il propio pensiero. Dalla cartina sismica della Puglia Brindisi ha lo stesso coefficiente di rischio sismico di Manfredonia , eppure i 5 stelle in quel comune non mi sembrano abbiano mai fatto opposizione al deposito gpl esistente. Cosa si deve pensare allora ? Energas meno brava ….di altre aziende , o altre aziende spaventate dalla concorrenza Energas ? Se si ritiene il GPL fonte di energia non utile e da contrastare allora per coerenza si contrasta sia a Brindisi che a Manfredonia ! Se ciò non avviene , io sento puzza di bruciato e mi sento preso in giro dai tanti articoli e commenti contro l’inserimento previsto a Manfredonia. Meditate è più di tutto non rendetevi partecipi di strane alleanze…..sulle quali si dovrebbe indagare un po !! Saluti a tutti !!

  • Qualcuno oltre ad avere evidenti problemi di vista igrora grossolamento una nozione ekementare ossia che Brindisi non e’ a rischio sismico e inserito a rischio 4 mentre Manfredonia e’ catakogata a rischio 2. MA ci credete cosi imbecilli? Esmettetela di scrivere autentiche idiozie.


  • Silvana

    Qualcuno oltre ad avere evidenti problemi di ignoranza riguardo vari argomenti tecnici e scientifici , ha interessi personali ben diversi da quelli dietro i quali si nasconde ! Continuate a guadagnarvi la ricompensa…..onestamente !!


  • Uno di Voi

    X Silvana.

    Informati leggendo il progetto e l’iter seguito e poi scrivi!

    Ok?

    Ti do alcune informazioni che sono proprie solo di manfredonia.

    1. Area zps, area sic, parco, natura 2000, tutte insistenti su un’area vergine, considerata però dal Comune “industriale” proprio nel 1998 quando isosar presentò il progetto.

    2. Il primo progetto fu respinto. Isosar si oppose e sool un giudice ha deciso di accogliere il ricorso.

    Come?

    Attraverso la compensazione, cioè siccome manfredonia è stata multata dall’europa, il comune pagò lamulta e vincolo’ 500 ettari come zona zps e sic.

    Pertanto per il giudice si è potuto violare i vincoli nel sito dell’energas.

    3. Riperimetrazione. Siccome il sito cadeva nel parco nazionale del gargano, lo stesso parco si è tolto il terreno previsto per l’energas.

    4. Il sito è fratturato, inidoneo per costruirci anche una palazzina!

    E tante altre belle storie tutte sipontine completamente diverse da altri siti.

    Le.successive autorizzazioni fanno perno sulla riperimetrazione, sull’area industriale, sulla sentenza di un solo uomo e sul silenzio dell’amministrazione tutte del Pd.

    Per quanto riguarda la.fiducia nelle autorità ti ricordo che l’italia primeggia in europa per la corruzione!

    Ti ricordo di striscio che la corruzione è un fenomeno che avviene tra il mondo politico e quello industriale specialmente nei casi di autorizzazioni!

    Se lo ricordi: lì il terreno è vergine!


  • Uno di Voi

    X matteo guerra

    Ciò che ho riportato fa riferimento alle leggi italiane dove stanno scritte quelle misure di PREVENZIONE.

    Gli asteroidi e altre stupidaggini non sono previste dalle norme.


  • Uno di Voi

    X Silvana

    Dimenticavo un’altra “casualità” recente.

    Ora sono arrivati 117 milioni di euro pronti per spenderli per aggiustare il porto industriale che lo vede da decenni senza traffici e domanda, guarda caso partiranno dalla banchina a5 dove sbarcheranno le navi da turismo le navi gasiere, pardon le navi da crociera.su un porto industriale!

    I miracoli sipontini


  • Silvana

    X uno di voi :
    Caro amico io sono stato sul sito ” vergine ” di cui tu parli , e di vergine non ho trovato veramente nulla , se non un cumulo di sporcizia perfino tossica tipo eternit , pneumatici di auto e batterie di auto abbandonate. Ho letto attentamente inoltre tutta la documentazione riguardante il progetto compresa la SENTENZA che ti ricordo è stata vero emessa da un ” solo uomo ” ma quell’uomo è per tua sventura un GIUDICE DELLA REPUBBLICA ITALIANA !!
    Per quanto riguarda invece i pareri favorevoli ottenuti dalla Energas , a me non piace commettere diffamazione con illazioni del tipo ” l’ Italia è un paese dove esiste la corruzione ” ! Preferisco invece dove si hanno le prove che quella corruzione sia avvenuta , denunciare è battermi con tutte le mie forze affinché chi ha violato la legge finisca in galera. Questo modo di fare si chiama serietà , onestà e senso civico , ma comprendo perfettamente che è molto più facile fare cabaret e far valere i propri interessi infamando e diffamando tutto e tutti coloro che non la pensano come si vorrebbe. Ti ricordo inoltre visto che MAI viene detto che quel suolo a tuo avviso ” vergine ” , non è di proprietà né del comune né della comunità , ma comprato e pagato dalla Energas con soldi propri !
    Su una sola cosa posso convenire con te :” se ci sono state mancanze da parte del comune o di altri enti in passato come tu continui a dire , è giusto che siano questi enti a pagare i danni ( ammesso e non concesso che sia come tu affermi ) non solo alla comunità , ma anche alla Energas che….giustamente secondo la sentenza di quel ” solo uomo ” è parte lesa e non certo il mostro su cui si tenta di scaricare ogni responsabilità !


  • IL GRANDISSIMO INCUBO DEL MOSTRO DI SAN SPIRITICCHIO

    LASCIATECI IN PACE ANDATE VIA DA MANFREDONIA! PER DIO! STATE PROVOCANDO LA POPOLAZIONE! CREDETEVATE CHE BASTAVANO MILLE PANETTONI E LO SPONSOR DEL CALCIO PER ZITTIRCI! SMAMMATE!!


  • Manfredonia ad alto rischio sismico punto e basta!

    Dio Mio sono sconcertato…paladini di Energas che mettono il territorio di Brindisi e Manfredonia allo stesso livello di rischio sismicità. E’ pazzesco!
    In che mani siamo? Ignoranti presuntuosi e arroganti!


  • La più spaventosa quantità di Gpl sotto i piedi e in territorio a rischio sismico!!

    Non è -..è peggio..follia allo stato puro! FOLLIA!
    Chi ha firmato documenti dove attesta che il territorio di Manfredonia non è a rischio sismico…-e semplicimente “uno non idoneo al servizio”!! Prima della -esiste il pressapochismo e la cialtroneria e queste attitudini sono più pericolose …


  • Ci vogliono trattare come gli indigeni della foce del Niger

    Guardate la cartina è terrificante la superficialità di chi anonimamente cerca di abbindolarci!!!


  • Manfredonia - Foggia (miliardi di litri di gpl cx tutti)

    I 12 TERRIBILI BOMBOLONI DI OLTRE CENTO METRI MONTATELI A CASA VOSTRA!!


  • Il gatto con gli stivali

    Lo Stato Italiano con delle leggi ha provveduto ha catalogare il territorio italiano in quattro fasce di rischio, Brindisi, Livorno sono nella fascia 4 Manfredonia nella fascia 2. Come la mettiamo emeriti scienzati dei miei stivali?

    http://www.protezionecivile.gov.it/jcms/it/classificazione.wp


  • Uno di Voi

    x Silvana

    Le tue sono motivazioni simili a quelle di Kios e a quelle dell’ Ing. Marino.

    E’ vero che bisogna rispettare la Legge e le sentenze, ma è anche vero che la sovranità appartiene al popolo nei limiti delle Leggi, pertanto nel caso del territorio comunale in primis dai suoi cittadini residenti.

    Quando l’Europa, l’Italia, la Regione Puglia e la Provincia di Foggia hanno posto un vincolo di inedificabilità assoluta vuol dire che quelle aree sono da proteggere dagli enti pubblici non ci sono santi che tengano!

    La protezione di quelle aree o è fatta dagli enti preposti o se gli enti preposti danno le autorizzazioni per distruggerle ecco che il popolo deve far sentire la propria volontà che è quella preposta dalle autorità:

    PROTEGGERE LE AREE VINCOLATE!

    Poi quelle aree sono sismicamente inidonee perchè lì la crosta terrestre è fratturata e nessun ente può prendersi una tale responsabilità nel rilasciare le autorizzazioni se non facendo finta di niente!!!!

    Tac, ecco che interviene di nuovo il popolo sovrano che si poneuna domanda semplice:

    come è possibile costruire 12 serbatoi enormi in area fortemente sismica?

    Qui i burocrati si inventeranno un’altro escamotage, come la”compensazione”, la “riperimetrazione”, l'”area industriale”, ma il sisma seguirà le Leggi della natura e non le leggi del diritto!

    Inoltre, i pareri tecnici riguardano la “compatibilità” che è un’espressione politica e non scientifica in quanto non oggettivamente misurabile, pertanto i pareri tecnici sulla compatibilità sono più che altro “politici” ed opportunistici.

    Infine, io non ho nulla contro Energas, ma me la prendo “mi accanisco” contro il mondo politico a cui sono affidati precisi compiti di tutela del territorio e di tutela della salute pubblica, invece lorohanno favorito la distruzione del territorio mettendo a rischio di incidente rilevante la popolazione attraverso atteggiamenti ipocriti e gretti!

    E’ come se si costruisse su un terreno vergine sul Vesuvio un deposito di gpl, i napoletani sarebbero contenti della propria amministrazione?


  • Uno di Voi

    Ah dimenticavo: con lo “Sfascia Italia” i depositi di gpl sono “opere strategiche” senza che l’Italia abbia un piano strategico energetico!

    Altro miracolo di San Gennaro!


  • Seguace di " Uno di Voi"

    Come mai la cittadinanza era ignara di tutti i provvedimenti del caso ed è stata informata non dagli organi Comunali ma dal Movimento 5 stelle e Manfredonia Nuova, Caons e Collettivo in Apnea? Come mai non si legge mai niente circa le prove di evacuzione della città e delle zone vicine il grandissimo deposito di Gpl..dove nelle immediate vicinanze ci sono decine di aziende “attive” lavorano centinaia di persone addette alle attività? E’ un deposito di bibite analcoliche o di gas?


  • Lello

    Cittadine e cittadine di Manfredonia,
    se amate Manfredonia, in primis non recatevi al Miramare
    a sostenere chi ha preso i soldi dai predatori del nostro territorio.


  • I POLITICI SIPONTINI RESPONSABILI DEL MALESSERE DELLA POPOLAZIONE DI MANFREDONIA

    I POLITICI SIPONTINI TUTTI SPECIALMENTE DI QUELLI CHE GOVERNANO DA TEMPO CITTA’ E REGIONE SONO RESPONSABILI! TOCCA A LORO RISOLVERE IL PROBLEMA! LA GENTE HA CAPITO TUTTO!!


  • Silvana

    X uno di voi :
    Ecco….quando si diventa perdenti rispetto a leggi e regole immediatamente la vena rivoluzionaria penta sellata viene fuori e si invoca immediatamente l’intervento del Popolo sovrano del principato di Manfredonia ! Non c’è nulla da fare , con chi da un lato siede in parlamento , prendendo compensi pubblici , vitalizi e ogni sorta di beneficio e dall’altra sogna di trasformare la nostra repubblica attraverso azioni rivoluzionarie con potere al ” popolo ” !
    Ma…..fortunatamente quando a gestire e dirigere in modo dittatoriale i sognatori c’è un capo che porta i sui soldi all’estero e fonda la propria popolarità facendo ridere la gente , tutto assume un aspetto sicuramente più tranquillo !
    Su tutta la parte tecnico legale della vicenda di cui abbiamo discusso , credo non sia più il caso di replicare alle tue farneticazioni , ed IO da onesto , leale e rispettoso cittadino ITALIANO non posso che fidarmi delle leggi e delle istituzioni del paese in cui credo è mi riconosco , ed accettare ciò che gli organi preposti decideranno riguardo la fattibilità o meno del deposito. A te lascio invece la parte insurrezionalista , auspicando che se e quando ( cosa molto improbabile ) riuscirete a governare con il potere al popolo sovrano , vorrete avere pietà di me evitando di tagliarmi la testa !! Affettuosamente ti saluto !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati