CulturaManfredonia
Su idea, richiesta e gentile concessione di Florian Lettl, che si ringrazia

“Manfredonia, la mia amata”: doodle “Volantini”

Il 'doodle' odierno - 25 agosto 2017 - fa riferimento a un quadro di una serie di opere (ben 20 schizzi) che Wolfgang Lettl ha dipinto tra il 1986 e il 1990 per il giornale tedesco "Die Welt"


Di:

Il "doodle" odierno - 25 agosto 2017 - fa riferimento a un quadro di una serie di opere (ben 20 schizzi) che Wolfgang Lettl ha dipinto tra il 1986 e il 1990 per il giornale tedesco "Die Welt“ - All rights reserved – © Wolfgang Lettl

Il “doodle” odierno – 25 agosto 2017 – fa riferimento a un quadro di una serie di opere (ben 20 schizzi) che Wolfgang Lettl ha dipinto tra il 1986 e il 1990 per il giornale tedesco “Die Welt“ – All rights reserved – © Wolfgang Lettl

Manfredonia, 25 agosto 2017. ATTRAVERSO la pubblicazione di testi, interviste, fotogallery e “doodle” – versioni speciali del logo della nostra testata, su un’idea di Florian Lettl -, StatoQuotidianosostiene la mostra “Wolfgang Lettl – Manfredonia, la mia amata“, visitabile gratuitamente dal dal 4 Agosto al 3 Settembre 2017 a Manfredonia, presso le “Ex Fabbriche di San Francesco” inm via San Francesco.
Su idea, richiesta e gentile concessione di Florian Lettl, che si ringrazia.
All rights reserved – © Wolfgang Lettl[/caption]Manfredonia, 24 agosto 2017. ATTRAVERSO la pubblicazione di testi, fotogallery, interviste e “doodle” – versioni speciali del logo della nostra testata, su un’idea di Florian Lettl -, StatoQuotidiano.it sostiene la mostra “Wolfgang Lettl – Manfredonia, la mia amata“, visitabile gratuitamente dal 4 Agosto 2017 al 3 Settembre 2017 a Manfredonia, presso le “Ex Fabbriche di San Francesco” in via San Francesco.

Su idea, richiesta e gentile concessione di Florian Lettl, che si ringrazia.
All rights reserved – © Wolfgang Lettl

—-

"Volantini", 1986 . Il quadro si riferisce a una serie di opere (ben 20 schizzi) che Wolfgang Lettl ha dipinto negli anni 1986 ‐1990 per il giornale tedesco "Die Welt“ - All rights reserved – © Wolfgang Lettl

“Volantini”, 1986 . Il quadro si riferisce a una serie di opere (ben 20 schizzi) che Wolfgang Lettl ha dipinto negli anni 1986 ‐1990 per il giornale tedesco “Die Welt“ – All rights reserved – © Wolfgang Lettl


“Volantini”, 1986  . Il “doodle” odierno – 25 agosto 2017 – fa riferimento a un quadro di una serie di opere (ben 20 schizzi) che Wolfgang Lettl ha dipinto, tra il 1986 e il 1990, per il giornale tedesco “Die Welt“. La stessa testata, per la Fiera del libro a Francoforte, ha stampato ogni anno un supplemento. Da qui la scelta di un quadro di Lettl raffigurante dei libri. L’autore, che mai in precedenza aveva dipinto un libro nei suoi quadri, si era mostrato inizialmente “scettico” per la realizzazione dell’opera. “Questo – spiega a StatoQuotidiano Florian Lettl, figlio di Wolfgang – anche perchè i quadri in stile surrealista emergono dal subconscio ed è quasi impossibile dipingere su commissione. Il lavoro finale? E’ un mistero”.

“Pertanto – continua – ad inizio del 1986 abbiamo pensato che si sarebbe potuto utilizzare un quadro già esistente, attraverso la modifica di un elemento in un libro”. Da qui, l’opera ”Volantini“ trova la sua origine nel quadro “La fuga” (vedi sotto,ndr). “I quadri piccoli sono normalmente allegri. Quelli grandi – continua Florian illustrando le opere del padre – sono più profondi”. 

—-

Nel quadro "La fuga“ del 1984 (cm 90x99) l'uomo è piatto per la paura, e sembrerebbe fuggire - All rights reserved – © Wolfgang Lettl

Nel quadro “La fuga“ del 1984 (cm 90×99) l’uomo è piatto per la paura, e sembrerebbe fuggire – All rights reserved – © Wolfgang Lettl

Nel quadro “La fuga“ del 1984 (cm 90×99) l’uomo è piatto per la paura, e sembrerebbe fuggire. Le foglie – normalmente molto leggere – schiacciano la figura umana. “Probabilmente – dice Florian Lettl – il protagonista dell’opera ha lasciato all’esterno un messaggio, o diffuso una voce, ora moltiplicatisi nella realtà circostante”.

“Oggi – continua Lettl – ognuno di noi sa quanto sia semplice diffondere un messaggio in rete. E’ sufficiente un clic, e spesso ci è difficile contenerne la diffusione. Puo’ succedere anche di sbagliare e le conseguenze, in alcuni casi, possono essere devastanti”.

“Il nostro doodle odierno – conclude Lettl – è un piccolo schizzo (cm 27,5×22,5) e dunque è più allegro. Il libro si sfoglia e le storie del libro si distribuiscono al di sopra del mondo, lontano da qualsiasi tristezza della vita quotidiana”.

redazione stato quotidiano.it

“Manfredonia, la mia amata”: doodle “Volantini” ultima modifica: 2017-08-25T09:00:44+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi