Politica

Foggia, crisi Comune, Ventura: “presto in azione il commissario liquidatore”

Di:

Aula consiliare Comune di Foggia

Aula consiliare Comune di Foggia (fonte image N.Saracino)

Foggia – “LA manovra correttiva, proposta e votata dalla maggioranza, lascia inalterate, se non peggiora, tutte le “criticità strutturali” evidenziate dalla Magistratura contabile”. E’ il parere di Lucio Ventura, consigliere comunale di opposizione. Secondo l’esponente della “Puglia Prima di tutto” il pericolo del “dissesto finanziario” non è affatto scongiurato “perché la manovra correttiva ( La manovra anti-dissesto: tagli spese personale e alienazioni beni), nel suo complesso, con il massiccio ricorso alle dismissioni e alla vendita del patrimonio comunale, nonchè alla contrazione dei servizi e della spesa sociale, sembra anticipare, semplicemente e di qualche mese, l’azione del Commissario liquidatore”.

Criticità sono state espresse sul programma del Sindaco e la maggioranza di centro-sinistra stanno cercando di attuare per salvare il Comune foggiano dall’ombra del dissesto finanziario. “Questo programma si basa essenzialmente sulla selvaggia cementificazione della città, senza esprimere, neanche lontanamente, un’idea di quello sviluppo di cui ha realmente bisogno la città- si legge nella nota – e soprattutto i giovani che, per vivere a Foggia, secondo la maggioranza di governo cittadino di centro-sinistra, devono scegliere l’inedia e l’indifferenza e soprattutto abbandonare le illusioni, i sogni e le speranze che normalmente è lecito avere e nutrire a quell’età, che di spensierato, oggi soprattutto a Foggia, ha davvero ben poco se non niente”. Lucio Ventura sostiene che nella sua relazione il sindaco non ha speso una sola parola per loro o per la ripresa e il rilancio della città e delle attività produttive, non un cenno all’agricoltura o al commercio, al turismo o all’artigianato e, men che mai, all’Università o ai servizi sociali, alla sicurezza sociale o agli asilo nido.

“Di una cosa sola si è parlato – sostiene Ventura – di mattone e sempre di mattone. L’economia foggiana non può ridursi solo ed esclusivamente all’edilizia; per scongiurare il “dissesto” oltre all’azzeramento delle passività, la Corte dei conti, il buon senso e i cittadini foggiani chiedono e pretendono il rilancio dell’economia e serenità sociale”.

Per il consigliere comunale “in un contesto produttivo che continuerà, nei prossimi anni, a immettere sul mercato tantissime case, che resteranno invendute, per mancanza di acquirenti o per assoluta scarsità di famiglie giovani, di risorse finanziarie o semplicemente per la povertà della gente, il sistema economico cittadino, ormai “drogato” e logoro, sarà destinato a collassare, mentre continuerà a crescere, senza limiti, la così detta “rendita di posizione” utile, forse, a pochi, non certamente alla collettività dei cittadini foggiani, un tempo motivo di durissimi attacchi, politici e ideologici, della sinistra che accusava demagogicamente la destra di essere schiava dei “palazzinari” e colpevole della “cementificazione” urbana e dell’imbarbarimento della città”.

La Segreteria cittadina della P.p.d.t., condividendo il voto contrario espresso in consiglio comunale dal gruppo consiliare della Puglia prima di tutto e prendendo atto dell’indirizzo politico condiviso da tutti i presenti, ha deciso che presto darà l’avvio a un’intensa campagna di sensibilizzazione sui temi trattati, finalizzata alla libera mobilitazione della cittadinanza tutta, che senza barriere ideologiche e culturali, senza limiti di censo e senza timore, possa finalmente esprimere il proprio pensiero e, perché no, il proprio dissenso non nascondendo tutta la propria amarezza per una fiducia mal risposta verso il governo di centro-sinistra e, in particolare, verso quella discontinuità dalla Giunta Ciliberti promessa in campagna elettorale dal candidato Gianni Mongelli, poi da Sindaco mai mantenuta.

II Segretario, il direttivo cittadino ed i gruppi consiliari e circoscrizionali della P.p.d.t. – conclude la nota – esprimono solidarietà ed impegno politico a tutti i lavoratori in sofferenza occupazionale e retributiva, delle aziende municipalizzate, delle cooperative affidatarie di servizi comunali, della società Foggia Servizi ed altri, affinché siano poste in essere quelle pratiche di buona amministrazione e perchè il Sindaco e la maggioranza di centro-sinistra forniscano alla città concrete risposte con servizi efficienti e chiarezza di responsabilità.



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi