GarganoManfredonia
La tragedia, come noto, è accaduta nel pomeriggio dell’altro ieri a Corleto Monforte nel salernitano

Dolore nel Gargano per la morte del giovane speleologo Giacobbe

La notizia non appena si è diffusa, è stata accolta con grande cordoglio e stupore, non solo a San Marco in Lamis, ma anche a Rignano Garganico, dove il lavoro svolto dagli speleologici era molto conosciuto


Di:

Rignano Garganico. L’incidente in Grotta che ha stroncato la vita al giovane speleologo Roberto Giacobbe , di San San Marco in Lamis, ha suscitato sgomento e dolore, anche a Rignano Garganico, dove la speleologia è una pratica più che ventennale, per quanto si dirà. La tragedia, come noto, è accaduta nel pomeriggio dell’altro ieri a Corleto Monforte nel salernitano.

Il 35 enne speleologo, che era residente in quel di Torremaggiore, è precipitato in fondo ad una grava, profonda circa una sessantina di metri. In quel momento egli era intento assieme ad una diecina di compagni ad una delle solite escursioni di passione e di mestiere. Infatti, l’interessato non era un novellino, ma un provetto ‘scalatore’ , ma una fune lo avrebbe tradito spezzandosi improvvisamente, mentre era intento a salire.

I compagni, tra cui alcuni rignanesi della locale sezione speleo-archeologica hanno allertato i soccorsi, prontamente intervenuti, che al termine di una spericolata discesa nell’inghiottitoio alla fine sono riusciti a recuperare il corpo, ormai esanime del giovane, e a portarlo su all’aperto.

Per cui per i sanitari del 118 intervenuti nel frattempo non c’è stato nulla da fare. Il luogo- causa della disgrazia si chiama ‘Grava del Falco’, un inghiottitoio che collegherebbe tra loro le grotte di Castelcivita (Campitelli), un paese di oltre 1500 anime, sito come Rignano su uno sperone a 550 msm. Forse era proprio questo il motivo della ricerca-esplorazione. Giacobbe, di professione infermiere, grazie alla sua esperienza-bravura, faceva parte come volontario del Corpo del Soccorso Alpino e Speleologico più volte aveva compiute missioni esplorative sul Gargano. Le indagini sono affidate ai carabinieri di Bellosguardo, coordinati dalla compagnia di Sala Consilina.

La notizia non appena si è diffusa, è stata accolta con grande cordoglio e stupore, non solo a San Marco in Lamis, ma anche a Rignano Garganico, dove il lavoro svolto dagli speleologici era molto conosciuto ed apprezzato non solo dagli addetti ai lavori, ma anche dalle popolazioni. Lo era soprattutto per via delle innumerevoli e straordinarie scoperte sul campo. Basti pensare che in proposito anni addietro è stato pubblicato addirittura un libro. Tra le scoperte più sensazionali, c’è da evidenziare quella della Grava del Serpente in località Iancuglia (bosco tra Rignano e San Marco in Lamis), profonda circa 300 metri. A quanto si è appreso, i funerali di Giacobbe dovrebbero svolgersi domani a Torremaggiore, dove lascia affranti la moglie e due figli in tenera età.

A cura di Antonio Del Vecchio, 25.09.2017

Dolore nel Gargano per la morte del giovane speleologo Giacobbe ultima modifica: 2017-09-25T11:50:41+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This