Manfredonia
"Ora è arrivato il momento di dire BASTA e di assumerci in prima persona la responsabilità di salvare MANFREDONIA"

Donne di Manfredonia Nuova “Salviamo Manfredonia”

"UNIAMOCI, senza prevaricazioni, con rispetto, con umiltà e facciamo un grande MOVIMENTO di DONNE contro L’ENERGAS"

Di:

Manfredonia. Nella vita arriva sempre il momento in cui tutti i nodi vengono al pettine. La storia recente di Manfredonia ha fatto emergere almeno un nodo (inconfutabile): l’insipienza della classe politica che ha governato la città negli ultimi vent’anni, perché sapeva della questione ENERGAS (ex ISOSAR) ed ha tenuto, per interessata volontà politica, all’oscuro tutta la popolazione circa il gigantesco deposito G P L che si stava programmando di insediare sul nostro territorio.

Ora è arrivato il momento di dire BASTA e di assumerci in prima persona la responsabilità di salvare MANFREDONIA. A gran voce, perciò, diciamo innanzitutto alle DONNE, (i Giovani lo stanno già facendo) depositarie e custodi della VITA, di aprire i loro cuori e mettere a disposizione della nostra città la carica di amore, di cura e d’impegno che sanno mostrare nei momenti difficili, per custodire la casa comune, come ci invita a fare PAPA FRANCESCO. Diamo voce al grido di dolore che promana dalla nostra terra, già violentata, depredata, martoriata e facciamo che non resti inascoltato e soprattutto che arrivi nel luogo delle decisioni.

Nell’ottobre 1988, alla notizia del probabile arrivo della NAVE DEI VELENI a Manfredonia,le donne di ogni estrazione sociale, di qualsiasi appartenenza politica e di qualsiasi età, anche con i loro bimbi piccoli nei passeggini, hanno saputo dimostrare con la loro forza e determinazione che la vita e la salute sono valori ASSOLUTI, cioè liberi da qualsiasi legame politico, economico e sociale, legati soltanto alla SACRALITA’ DELLA PERSONA declinata al Femminile ed al Maschile.

Anche oggi serve la stessa determinazione, perciò UNIAMOCI, senza prevaricazioni, con rispetto, con umiltà e facciamo un grande MOVIMENTO di DONNE contro L’ENERGAS, “per guardare con senso di responsabilità anche alle generazioni future, giacché i cittadini verrebbero esposti a rischi non sempre prevedibili e tecnicamente gestibili”.

RIPRENDIAMOCI LA CITTA’, DIFENDIAMO LA VITA E L’ANIMA DI MANFREDONIA. NEL REFERENDUM DEL 13 NOVEMBRE 2016, ANDIAMO A VOTARE IN MASSA CON UN “NO” DECISO A ENERGAS, perché non è vero che i giochi sono fatti, tutto è ancora nelle nostre mani, NELLE MANI DELLA CITTÀ.

INCONTRIAMOCI,VI ASPETTIAMO NELLA NOSTRA SEDE (Piazza Giovanni XXIII, n. 4), PER DECIDERE COSA FARE TUTTE INSIEME.

LE DONNE DI MANFREDONIA NUOVA



Vota questo articolo:
14

Commenti


  • Asia

    MA SMETTETELA CON QUESTO TEATRINO.


  • anton

    Ma le donne di Manfredonia vecchia perché non si firmano così leggiamo i nomi…saranno tre o quattro impiegate di scuole medie o di uffici pubblici in pensione che pensano di essere le salvatrici della patria, quando invece sono solo alla ricerca di visibilità e protagonismo sterile. Imparate (anche alla vostra età si può imparare se si fa uno sforzo), imparate a studiare. NO ENERGAS VOTIAMO NO ENERGAS


  • svolta

    Brave…. Ancora una volta mostrate il volto sapiente ed amorevole per il bene della nostra amata cittadina, che anche con tantivrisvolti negativi, tra cui la piccola politica espressa in qualche consesso, è pur sempre la nostra cittadina così bella ma spesso perduta per colpa di uomini/politici che la maltrattato con arroganza e spregio.


  • Silvana

    Ma cosa ha a che fare ENERGAS con la NAVE DEI VELENI , e tutte le cose scritte ?
    Assurdo che si stia facendo la guerra a qualcosa che non si conosce e di cui non si è assolutamente preparati.
    Ma cosa sanno le donne di Manfredonia nuova ( come la maggioranza della città ) di ENERGAS , del progetto e della realtà delle cose ?
    Cosa si sà , cosa si conosce ? Ci si basa sulle chiacchiere di gente che non ha alcuna competenza in materia di GPL ma in compenso grandi interessi personali ?
    Come si fa a condannare qualcuno o qualcosa senza neanche conoscerlo ?
    La dichiarazione fatta su Striscia la Notizia la dice grossa ” il sindaco non ha trasferito alla cittadinanza indicazioni utili a valutare e conoscere il progetto ” !
    Questi lascia pensare e si deve riflettere.
    Perche questa comunicazione non è avvenuta ?
    Perché se si sapeva e si conoscevano bene i dettagli ancora oggi la popolazione non sa perfettamente nulla se non solo quello che si è voluto far sapere ?
    Altro che uniti a fare la guerra ai fantasmi !
    Si dovrebbe essere uniti per capire , per pretendere che le cose vengano spiegate bene e nei dettagli prima che ci si possa poi nascondere dietro il parere referendario espresso esclusivamente di pancia e non di testa.


  • LUIGI

    LE DONNE INTELLIGENTI DI MANFREDONIA HANNO CAPITO IN PIENO I DETTAGLI DEL PROGETTO OSSIA LA PUBBLICITA’ DI LINO BANFI!!


  • U strusciator du cors

    Davvero stupenda la foto che ho visto per il corso del super bombolone di 102 x 8 di un solo terribile bombolone e il paragone della lunghezza con quella del campo sportivo, tanta gente che ignorava il progetto ora è più informata. Una quantita terribile di gpl mai introdotta in un territorio in nessuna parte del pianeta! 6O milioni di litri di capienza e miliardi di litri da stoccare!


  • vittoria gentile

    Il parere referendario sarà espresso con moltissima testa, e molta memoria storica stia tranquilla. Sarà ben altro che un voto di pancia. Noi proprio non chiediamo un voto di pancia, bensì ragionato. Una donna di Manfredonia Nuova.


  • Sorridi sei a Manfredonia: la città dei balocchi

    Dovrebbero essere tutte attente e sensibili come lei signora Vittoria.


  • cittadino in difesa di Manfredonia

    Gentile disinformata signora Silvana , ma perché fino ad oggi non si è’ documentata da se’ sul mega deposito GPL? Soltanto chi vuol fare lo struzzo può dire di non sapere , ma invece l’informazione c’è stata e c’è ( per chi vuole approfittare ci sono più sedi di ogni colore politico e non dove andare a documentarsi ancora oggi ) . Nessuna pancia , ma soltanto la COGNIZIONE DI CAUSA deve far dire ai cittadini tutti di Manfredonia NO ENERGAS


  • Elsa

    SILVANA……abbiamo capito.anche lei fa parte di quel gruppo.che al ristorante mangia i gamberoni.


  • A cena e a letto con il nemico

    Gamberoni o aragoste?


  • Silvana

    Signora Vittoria e amiche , non avete risposto alla domanda :
    Cosa sapete voi del progetto ?
    Non mi dite che la vostro ” salvare ” si basa esclusivamente sulle cose dette da politici locali e vati sprovveduti.
    Capisco che par alcune passare dall’uncinetto o dai pettegolezzi del corso a paladine della città possa essere un cambiamento eccitante , ma si faccia attenzione a non diventare ridicole !
    I posti peggiori dove andate ad informarsi sono propio le sedi politiche dov’è si racconta ciò che più conviene e per gli interessi più impensabili.
    Andate ad informarvi presso Energas , andate a vedere cosa sia un deposito costiero e come in una città conosciuta in tutto il mondo è piena di turisti le navi da crociera attracchino tranquillamente a pochi metri da quelle che trasportano e scaricano gas.
    Solo dopo ciò si può avere un quadro REALE e non quello FALSO catastrofico e apocalittico che a tutti i costi a qualcuno conviene far passare per vero per fare il favore a qualcuno che teme l’apertura di Energas a Manfredonia.
    E giusto per concludere a me i ” gamberoni ” non piacciono , preferisco il brodo di gallina !


  • Carmen

    Signora Silvana o chi per lei…
    Non frequento sedi di partiti politici e vivo molto distante dalla mia città,la mia città stuprata.
    Non ricordo quando ho letto il primo articolo di Energas a Manfredonia ma ricordo perfettamente che mi saltó il cuore in gola.
    Da allora ho cercato di capire documentandomi da sola usando il mio piccolo cervello.
    Non ci vuole un pozzo di scienza infusa per capire che Energas serve al napoletano e Q8.
    Non so lei di chi faccia gli interessi e neanche mi importa ma le sagge donne della mia città forse pensano al futuro dei loro figli,nipoti,fratelli.
    Lei pensi pure a spennare la gallina per il suo brodo.


  • Carmen

    Ah…dimenticavo,
    la fantomatica Silvana consiglia di andarsi ad informare da Energas.
    CHIEDETE ALL’ACQUAIOLO SE L’ACQUA É FRESCA.
    Ma credono di rivolgersi ai deficienti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati