Lodato esempio di collaborazione interdisciplinare tra gruppi di ricerca

Eccellenze sipontine: premiata ad Atene l’ing. Angela Lombardi

Il progetto del team è funzionale alla predizione dell'insorgenza di disfunzioni cognitive causate da traumi cerebrali

Di:

L’ing. Angela Lombardi, manfredoniana, dottoranda di Ricerca presso il Politecnico di Bari, è stata protagonista della vittoria, conseguita insieme al team di ricercatori dello stesso ateneo, di una competizione internazionale per la predizione degli esiti di traumi cerebrali di media entità, nell’ambito della diciannovesima Conferenza Internazionale sul Computing per l’Imaging Medicale e l’Intervento Assistito Computerizzato (MICCAI 2016, 17 Ottobre, Atene).

Così il commento comparso sulla pagina Facebook del dipartimento sotto l’hashtag ‘#OrgoglioPoliba‘:

“Con grande piacere segnaliamo la vittoria di un contest internazionale che ha visto protagonista la dott.ssa Angela Lombardi, dottoranda del XXX ciclo del Politecnico di Bari (Tutor : Prof. Cataldo Guaragnella).
Il team composto da quattro fisici dell’università degli Studi di Bari e dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Prof. Roberto Bellotti, Dott.ssa Sonia Tangaro, Dott. Nicola Amoroso, Dott. Andrea Tateo) e dall’ingegnere Angela Lombardi, dottoranda di Ricerca presso il Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell’Informazione del Politecnico di Bari, è stato proclamato vincitore della competizione internazionale per la predizione degli esiti di traumi cerebrali di media entità, nell’ambito della 19-esima Conferenza Internazionale sul Computing dedicato all’Imaging Medicale e all’intervento assistito computerizzato (MICCAI 2016, Athens, Oct.17th, 2016).
I ricercatori si sono distinti per la progettazione di un modello che consente di predire con elevata accuratezza l’insorgenza di disfunzioni cognitive causate da traumi cerebrali a partire dalle immagini di risonanza magnetica nucleare, implementando un valido strumento di ausilio per le decisioni cliniche. Si tratta di un valido esempio di collaborazione interdisciplinare tra i gruppi di ricerca di Fisica Medica e Ingegneria dell’Informazione.”



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati