Cronaca

FSE, Trevisi interviene su disservizi e mezzi iper affollati

Di:

Bari. Continuano i ritardi, disagi, disservizi, mezzi che si guastano sono all’ordine del giorno per le Ferrovie Sud Est (FSE) e intanto i pendolari protestano anche sui social network manifestando rabbia per una situazione ormai divenuta insostenibile. Un breve filmato mostra addirittura la cabina passeggeri di un treno all’interno della quale si infiltra e gocciola acqua. “Quella della società FSE rappresenta, fino ad oggi, una delle pagine peggiori della storia dei trasporti italiani. – dichiara il capogruppo M5S in Consiglio Regionale, Antonio Trevisi – Pesantissime sono le responsabilità delle passate amministrazione e del Ministero dei Trasporti, che non ha ritenuto di rilevante importanza investire risorse importanti in Puglia e nel Salento. Solo oggi infatti, dopo il tragico disastro ferroviario di Andria-Corato, si parla di sicurezza ferroviaria. Il malessere dell’utenza FSE è causato dall’ennesima offesa ad un territorio che non riesce a collocare e a pianificare sulle giuste infrastrutture e servizi utili per pendolari, studenti e turisti.”

Il consigliere salentino si esprime poi in merito all’ipotesi di concordato preventivo: “E’ necessario distinguere i crediti della manutenzione con quelli per le consulenze – specifica Trevisi – I debiti accertati dai consulenti dei Pubblici Ministeri ammontano a circa 226 milioni da cui andrebbero sottratti i 70 milioni stanziati da palazzo Chigi e gli utili di fine anno (tra i 25 e i 30 milioni). Dopo aver svenduto l’azienda e i propri servizi, oggi “qualcuno” chiede il concordato preventivo per provare a sottrarsi ai suoi impegni. Ci auguriamo – conclude – che oggi si abbia la capacità di tutelare gli interessi dei lavoratori e delle ditte che hanno realmente realizzato delle opere per FSE e di perseguire, invece, tutti coloro che si sono resi responsabili di manovre simili alle “consulenze facili alla Fiorillo”».



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati