Foggia

Foggia. “Scienze e tecnologie biomolecolari”, il benvenuto agli studenti


Di:

Foggia. Venerdì pomeriggio – dalle 15,30, presso la sala Luigi Turtur dell’Azienda ospedaliero universitaria Ospedali Riuniti, in viale Pinto a Foggia – saranno accolte le matricole del corso di laurea in Scienze e tecnologie biomolecolari*, incardinato nel Dipartimento di Medicina clinica e sperimentale dell’Università di Foggia. Per loro – come da bando, parliamo di 50 studenti – si tratta in sostanza di un doppio debutto: quello da matricole e quello all’interno di un corso di laurea appena nato, le cui lezioni sono ufficialmente cominciate nei giorni scorsi.

«Oltre ai saluti di rito* – spiega la *coordinatrice scientifica del corso di laurea, prof.ssa Claudia Piccoli* – *sono previste alcune attività didattiche, necessarie a spiegare soprattutto agli ospiti in cosa consiste il corso, le discipline che saranno erogate, l’attività scientifica che i ragazzi svolgeranno, quindi le opportunità che li aspettano**»*. Il riferimento agli ospiti del *Welcome Day del 27 ottobre* p.v. spiega da sé che, la vera Novità di questo piccolo raduno, consiste nel fatto che sarà aperto anche a genitori e famigliari degli studenti, una condivisione tutt’altro che formale: nel senso che, proprio ai genitori di chi ha deciso di studiare a Foggia, si ribadiranno opportunità e congruità della scelta compiuta.

Dopo i saluti istituzionali – affidati nell’ordine al *Rettore dell’Università di Foggia, prof. Maurizio Ricci*; al *preside della Facoltà di Medicina, prof. Nicola Delle Noci;* alla *direttrice del Dipartimento di Scienze mediche e chirurgiche, prof.ssa Maria Pia Foschino*; alla coordinatrice scientifica del corso di laurea, prof.ssa Claudia Piccoli; e alla *responsabile della segreteria degli studenti, dott.ssa Maria Francesca* – sarà uno studente, *Piervito Lopriore*, a illustrare ai suoi nuovi colleghi i serviti offerti dall’Università di Foggia. Previsto anche il prestigioso intervento della presidentessa della Federazione italiana biotecnologi (sul tema *“Chi siamo, cosa facciamo”*) *dott.ssa Ginevra Del Vecchio*, quindi la chiusura della *prof. Antonio Moschetta *(ordinario di Medicina interna all’Università di Bari, ricercatore molto conosciuto e apprezzato in Italia e all’estero soprattutto per i suoi preziosi contributi
scientifici) sul tema *“Metabolismo, nutrienti e geni: personalizzazione di prevenzione e cura delle malattie cardiovascolari e oncologiche”*.

*«**Un’occasione per conoscersi meglio *– conclude la prof.ssa Claudia Piccoli – *ma soprattutto per spiegare ai nostri studenti che il grado di preparazione che gli offriremo sarà molto elevato. **Che vogliamo fare in modo che, questo corso di laurea, venga riconosciuto come uno tra i migliori tra quelli offerti dalle Università italiane**».* Il corso di laurea in Scienze e tecnologie biomolecolari offrirà la possibilità ai suoi studenti di scegliere quali esami sostenere in italiano e quali in inglese, garantendo a chi dovesse farne richiesta un lungo stage presso la convenzionata Wolverhampton University (Regno Unito) oltre alla certezza del doppio titolo (spendibile dopo la laurea in entrambi i Paesi). Inoltre offre l’opportunità di stage bimestrali da effettuare nelle più prestigiose sedi universitarie europee, fruendo delle borse di studio erogate dall’Università di Foggia. *Forse per queste ragioni, ai test di accesso al
corso**, hanno preso parte 320 studenti provenienti da 13 regioni italiane*: se si considerano il pagamento d’una quota d’iscrizione (come da prassi) e il fatto che si trattava di una prova per l’accesso a un corso di laurea a numero programmato (massimo 50 studenti), un risultato che ha rappresentato un vero e proprio record.

Foggia. “Scienze e tecnologie biomolecolari”, il benvenuto agli studenti ultima modifica: 2017-10-25T09:11:58+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi