Manfredonia
"Mi ha richiesto 200 euro anticipati, per ricaricare la sua scheda"

Ragazza di Manfredonia “Truffata per acquisto Iphone”

Per i fatti è stata presentata una denuncia alle forze dell'ordine


Di:

Manfredonia, 25 ottobre 2017. TRUFFATA da un “signore del Brindisino” durante l’acquisto di un Iphone su un gruppo facebook dove sono presenti inserzioni, nell’ambito del “mercatino dell’usato”. Lo racconta a StatoQuotidiano una ragazza di Manfredonia.

“Come tanti altri utenti, mi sono iscritta sul gruppo facebook, nell’ambito della Provincia di Foggia. Tra le tante inserzioni anche quella relativa alla vendita di cellulari. Un signore, per la vendita di un Iphone, mi ha richiesto 200 euro anticipati, per ricaricare la sua scheda. Non ho ricevuto nulla e questo signore è praticamente sparito. Ci siamo informati: si tratterebbe di un truffatore seriale, fingerebbe di vendere anche orologi e altri cellulari. Attenzione”.

Per i fatti è stata presentata una denuncia alle forze dell’ordine.

Ragazza di Manfredonia “Truffata per acquisto Iphone” ultima modifica: 2017-10-25T09:54:08+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
6

Commenti


  • Un ragazzo cauto

    Mi dispiace comunicarLe che è stata lei l’ingenua, ai fini “legali”(non parliamo di etica e morale) non c’è niente di sbagliato perché non c’è emissione di fattura e simili quindi sono scambi basati solo sul rapporto di fiducia per quanto potesse sembrare assurdo la sua potrebbe apparire agli occhi della legge come una mera beneficenza, infatti la transazione di ricarica postepay non ha mica causali(acquisto iPhone….) ma è generica(indefinita), ovvio che quando si mandano soldi a mezzo ricarica postepay si è consapevoli del rischio(è solo fiducia). Se lei fosse stata più cauta, ad esempio inviando denaro pagando con conto online PayPal(PayPal.com) etichettando come “acquisto di beni”(i quali sarebbero stati tassati a carico del venditore del 3,4% + 0,35€) sarebbe stata totalmente coperta e anche rimborsata proprio da PayPal… Inoltre si sa che “quando è troppo buono non è mai buono” credo che ora le sia di lezione… Persino un napoletano ha cercato di truffarmi era scomparso ma PayPal ha bloccato il conto e prelevato forzatamente i soldi… Perciò l’ignoranza è la causa dei nostri mali…


  • Recardo

    La ricarica Postepay non è un pagamento lo dice la parola stessa… Sveglia bimbi minchia è la truffa più vecchia del web


  • Dany

    Ma dove siamo arrivati? Adesso difendiamo questi farabutti ed è solo la colpa della ragazza ingenua?
    Vi aggiorno Intelligentoni che se vi vogliono truffare, lo fanno anche con paypal, leggete su internet, ma vergonatevi…
    Cara ragazza denunciate, poi fate un gruppo su internet, raggiungete un pò di denunce dello stesso truffatore, cercando di coinvolgere anche se è possibile le Iene ed altro della tv, pressando così le forze dell’ ordine, sono pagate per tutelarci e per questi reati, soprattutto la Polizia Postale sul web, che si limitano a dire abbiamo inviato tutto alla Procura, e lí che muoiono, sulla scrivania, poi apperso a certi personaggi qui locali che dormono o per mancanza di personale e di importanza…
    Avete un cellulare, bene ci sono delle cellule telefoniche che se vogliono lo rintracciano subito!
    Comunque state attenti anche ai bonifici, se sono dei conti correnti virtuali e collegati a carte prepagate, come carte flash e tipo anche la postepay evolution con iban, ma per la massima sicurezza vi ripeto meglio lo scambio a mano e dopo averlo testato.


  • Valerio

    Solidarietà alla ragazza vittima di questa truffa!
    Detto ciò mi permetto di darle un consiglio.
    Per l’acquisto di questi telefonini usati è meglio cercare sulla piazza nostrana.
    In passato ho acquistato due smartphone usati unicamente sugli annunci di Manfredonia,mi sono visto di persona col venditore,ho visionato di persona le condizioni del prodotto,con tutte le garanzie del caso, ed ho acquistato.Mai avuto problemi.
    Ultima considerazione,con 200Euro ora ci si acquista smartphone nuovi fatti veramente bene,anni fa ci volevano più soldini per prendere uno smartphone fatto bene e quindi si giustificava l’acquisto di un usato.


  • Franco

    Il problema vero è che – ammesso ma quasi impossibile – che il truffatore vada in galera la signorina non avrà mai indietro i suoi soldi. E’ proprio su questo che contano i furbacchioni: per 200 euro non conviene far causa o costituirsi parte civile nell’eventuale procedimento penale.


  • Un ragazzo cauto

    Gentile sig.Dany,
    Evidentemente mi reputa il classico saputello di turno, ma sicuramente non è a conoscenza del sistema di tutela PayPal… Io se scrivo è perché sono sia un venditore che acquirente da anni e sono stato oggetto di truffa una volta da un napoletano per una spesa di circa 150€ e solo con PayPal mi è stato possibile ricevere il denaro indietro, era ormai sparito dalla circolazione… Inoltre per quanto concerne l’iban è possibile con postepay evolution, Hype, PayPal evoluta ed è sufficiente verificare attraverso qualsiasi sito web l’appartenenza dell’iban. Non ho difeso il truffatore ma non mi sento di “difendere” la fiducia cieca e l’ignoranza… “Quando è troppo buono non è mai buono”. È l’ignoranza che fa marciare questo tipo di truffe.

    PS: PayPal per garantire tali tutele ha delle commissioni del 3,4%+0,35€ e al minimo “reclamo dell’acquirente” si congelano i fondi(esperienza personale di un cliente strano). Il sistema che mi riferivo è denominato PayPal.me si informi bene, oggigiorno non c’è più spazio per l’ignoranza è dura ammetterlo ma è così. E le autorità che lei cita almeno che non siano enormi cifre o decine e decine di persone truffate non alzano un dito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi