Cultura

Fare ‘politica’ scrivendo libri per bambini. La missione di Donatella Caione


Di:

Donatella Caione (fb)

Foggia – CI sono delle battaglie che non puntano ad annientare il nemico, ma solo a costruire un fronte comune. Quella di Donatella Caione, foggiana d’origine, apolide per vocazione, donna orgogliosa e di cultura, è una di queste. Il suo progetto si chiama Mammeonline. E viene da lontano. Affonda le radici nella sensibilità emotiva che è tipica d’ogni madre. Ma, nel contempo, è bagnato fino al midollo di concretezza. L’anno zero dell’azione di Donatella è il 1997, quando, dalla tenacia di alcune mamme sparse per lo Stivale, nasce la Comunità Mammeonline.net. Nei fatti, una comunità virtuale di discussione, antesignana dei moderni socialforum, da cui le madri avrebbero potuto dedurre informazioni utili alla gestione della propria maternità. “A quel tempo – ricorda a Stato Donatella – una mamma italiana non poteva contare su alcun tipo di sostegno. Non esistevano comunità on line capaci di fornire risposte esaurienti alle domande, tutte concrete, di una neo mamma”. Con la terribile quanto scontata ricaduta della “depressione post parto”. Troppo ed evidente il gap rispetto a paesi come Inghilterra e Stati Uniti che “hanno una lunga tradizione di comunità on line già a partire dai primi anni Novanta”.

Mammeonline diventa fulcro della discussione. Nascono, con il tempo, forum tematici specifici capaci di mettere in correlazione le esperienze di chi sa e le inesperienze di chi vuole sapere, tessuti che s’interconnettono in una solidarietà internettiana ben prima della nascita di facebook. Uno strumento impersonale nella forma, ma personalissimo nella sostanza. Ma gestire una comunità, tenerla parta e renderla fruibile significa investire. Da questa parte di mondo, vuol dire disporre di quella liquidità necessaria per mettere carburante nell’auto. Per quanto in economia, la comunità sente l’urgenza di monetizzare gli sforzi. Nel 2003, così, prende forma l’omonima casa editrice.

Mammeonline editore. Un lavoro di donne, fatto da donne, per donne. Questa, all’inizio, la mission dell’editrice foggiana (con sede in Viale Colombo). “L’obiettivo – spiega la Caione – era quello di veicolare argomenti particolarmente delicati, consentendo agli adulti di avere risposte certe”. Con il tempo, pian piano, si è avuto un deciso scivolamento verso i lidi dell’infanzia. I titoli, pur rimanendo improntati all’impegno ed alla formazione, hanno preso di mira un pubblico sensibilmente più giovane. “Attraverso le fiabe ed i racconti li introduciamo a tematiche complesse”. Prima della contaminazione televisiva, prima del filtro social-culturale, prima dell’azione congiunta di luoghi comuni e falsi problemi. “L’intento è formativo” rincara la dose la responsabile. E non potrebbe essere altrimenti. Tanto per confermare di come la Capitanata possa anche stupire in quanto a dibattito di livello, in catalogo sgomitano, accanto alle fiabe e ai testi di cucina, temi come la procreazione assistita, l’adozione, i disturbi dell’apprendimento, la diversità, la tolleranza, gli abusi sessuali. Tutta roba da antimoccianesimo che nasce non per battere cassa, ma per affermare diritto, cultura, progresso. Nella sintesi perfetta della Caione, “libri che si leggono per il piacere di leggere e libri che si leggono per il piacere di informare”. E ancora, ci spiega, “il libro di Mammeonline non nasce per avere una vasta tiratura. Non vuole emulare, in termini di numeri, la fenomenologia di Geronimo Stilton, tanto per intenderci”. In compenso, “non ha equivalente sul mercato. Chi trova, oggi, la forza di discutere con mamme e figli di aborto spontaneo e farlo serenamente, senza falsi moralismi?”

Il logo della casa editrice foggiana (im: casaeditricemammeonline.it)

Il libro amico. In quest’ottica, il testo materiale è ben più di un insieme di pagine strette fra due copertine. E’ un cuore che pulsa e consiglia e dialoga ed informa. Perché nasce da un blocco vivo per un altro corpo vivo. Un ponte di contatto fra chi ha e chi cerca. “Scoprire che il libro non è uno strumento arido ma può diventare un amico fedele sul quale fare affidamento”, un’altra delle missioni. Colpisce la singolarità di un gruppo che non lucra su un’idea, ma s’arma di idee e valori, soggettivi, mettendoli a servizio di una comunità. Il risultato di otto anni di sforzi è nei numeri. 46 titoli fino al 2011, di cui 4 e-book (di cui uno, “Ma che folla c’è in salotto” che riassume tutti i passaggi della comunità on line). Senza accantonare i laboratori, gli incontri, la formazione, i progetti nelle scuole e nelle librerie, gli eventi organizzati ed a cui la casa editrice ha preso parte.

Per Foggia, una sfida grande così. Per Donatella, un lavoro a tempo pieno, che l’ha convinta a rimettere tende in città, dopo decenni di assenza volontaria. L’Università a Firenze, il lavoro a Torino, alimentate dalla voglia di fuggire via da un contesto ostile dove, ancor oggi, certe argomentazioni sono appannaggio degli attaccabrighe, ad andar bene. Le chiediamo se c’intravede del politico in quello che fa, in senso a-partitico of course. “Si ferma, sorride con tutto l’orgoglio che conosce e ringrazia dell’annotazione, ricordando a se stessa che ‘politica’ è una delle parole più belle che ci siano”.

Fare ‘politica’ scrivendo libri per bambini. La missione di Donatella Caione ultima modifica: 2011-11-25T17:51:56+00:00 da Piero Ferrante



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • luisa

  • che utilissima impresa!!


  • Salvator Allende

    L’apolidia (composto di alfa privativo e polis, “città” in greco), è lo stato dei soggetti privi di qualunque cittadinanza. Tali soggetti sono detti “apolidi”.

    Si diventa apolidi “per origine” o “per derivazione”:
    Si è apolidi per origine quando non si è mai goduto dei diritti e non si è mai stati sottoposti ai doveri di nessuno Stato.
    Si diventa apolidi per derivazione a causa di varie ragioni tutte conseguenti alla perdita di una pregressa cittadinanza e alla mancanza di una contestuale acquisizione di una nuova. Le ragioni possono essere: Annullamento della cittadinanza da parte dello Stato per ragioni etniche, di sicurezza o altro.
    Perdita di privilegi acquisiti in precedenza (come ad esempio la cittadinanza acquisita per matrimonio).
    Rinuncia volontaria alla cittadinanza.

    Si diventa apolidi in senso formale solo tramite rinuncia espressa alla propria cittadinanza naturale; i figli di apolidi si trovano tipicamente nella condizione di chi nasca in un territorio nazionale e normalmente questo basta per l’automatica acquisizione della cittadinanza dello Stato del luogo di nascita.

    In passato era anche ammissibile una forma di apolidia di tipo sanzionatorio, derivante dal venir meno della cittadinanza come pena accessoria collegata alla commissione di un illecito penale: l’Aquae et igni interdictio rientrava in questa ipotesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi