PoliticaStato news

Irba, Caroppo “Cdm smaschera farsa Emiliano”

Di:

Roma. “Finalmente svelate le false ragioni sottese, secondo Emiliano, alla possibile introduzione dell’ennesima tassa regionale: quella sulla benzina. Il chiarimento, implicito, giunge proprio dalla disamina del decreto legislativo varato ieri dal Consiglio dei Ministri sui servizi pubblici locali”. Lo dichiara il presidente del Gruppo consiliare di Forza Italia, Andrea Caroppo.

“Infatti – aggiunge – all’interno del provvedimento, c’è il capitolo relativo al trasporto pubblico locale: il piano dovrebbe consentire l’acquisto di circa 5mila nuovi autobus, pari al 15% del parco attuale. Dunque, se Emiliano e Decaro sostenevano che l’Irba fosse necessaria per accrescere il parco mezzi, è evidente che non sarà necessario. E che, molto probabilmente, la tassa regionale andrà a coprire altre falle della gestione regionale e locale del Pd. Prime fra tutte, quelle sanitarie: le Asl, infatti, chiudono i bilanci con un avanzo di soli 7 milioni di euro, a fronte di una spesa corrente di 7 miliardi e un’iniezione di risorse da parte della Regione di 60 milioni di euro. Tornando al Tpl, fino al 2022 dovrebbero essere disponibili 3,2 miliardi di euro, di cui 1,7 destinati alla gomma e 1,4 al ferro. A queste risorse si aggiungeranno 150 milioni di cofinanziamento regionale e 150 milioni saranno spesi dallo Stato con forme di acquisto centralizzato”.

“A fronte di tutto ciò, che serve l’Irba che il centrosinistra vorrebbe introdurre? Smascherate, come paventammo, le bugie di Emiliano – conclude Caroppo – abbiamo un motivo in più per contrastare l’ennesimo balzello che colpirà in modo ponderato soprattutto le fasce deboli della società”.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati