GarganoManfredonia
Nota stampa

“Guerra del grano”: interpellanza di Cera

“Guerra del grano”: interpellanza di Cera


Di:

Bari. Dichiarazione del presidente del gruppo Popolari alla Regione Puglia Napoleone Cera. “Ormai è’ stata definita “la guerra del grano”. Ci riferiamo alle pesanti manifestazioni indette dalla Coldiretti presso il porto di Bari con l’intento di controllare la qualità del grano che, in grandi quantità (si parla di un milione di tonnellate), viene importato dal Messico, dal Canada e da altri Paesi. Quello che colpisce sono le elevate quantità e il prezzo del grano importato. Esso taglia drasticamente il prezzo di quello prodotto in Italia e soprattutto la sua qualità.
L’economia della Capitanata è sostanzialmente affidata alla produzione cerealicola e ai suoi pastifici, ora sono profondamente minacciati da qualità e quantità del grano importato. Grande preoccupazione destano le analisi effettuate e le microtossine rilevate sul grano importato, in tutta la filiera. E’ evidente che quelle grandi quantità di grano, il suo basso prezzo (1/3 in meno), incide direttamente sulla produzione dei pastifici e dell’industria di settore. E’ evidente che l’agricoltura pugliese, e della Capitanata in particolare, da fattore trainante dello sviluppo diventa fattore di crisi. Esso scarica le sue pesanti conseguenze su quelle aziende che avevano pianificato la dinamica delle strutture familiari come capaci di sostenere la crescita e lo sviluppo delle imprese sia agricole sia zootecniche. Chiedo di conoscere dall’Assessore all’Agricoltura quali provvedimenti intende adottare per salvaguardare la produzione cerealicola e dei pastifici pugliesi, la qualità della loro produzione e dei loro prodotti, la tutela sanitaria dalle microtossine riscontrate in tutta la filiera”.

“Guerra del grano”: interpellanza di Cera ultima modifica: 2016-02-26T11:07:45+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi