Manfredonia
Nota di un cittadino

Manfredonia, lettore: “Basta corse pazze in città: ho rischiato di essere travolto”

"E' possibile correre in questo modo all'interno della città, su una strada urbana?''

Di:

Manfredonia. ”SPETTABILE Redazione di Stato Quotidiano, vi chiedo gentilmente di pubblicare questa mia lettera sul vostro sito on-line: Questa mattina erano circa le 12.45 ho rischiato di essere investito da un’autovettura, mentre stavo attraversando le strisce pedonali in Via Giuseppe Di Vittorio, in prossimità di una farmacia. Improvvisamente è sopraggiunta una Fiat Punto a velocità sostenuta in direzione Foggia. Fortunatamente sono stato abile nell’indietreggiare velocemente, così evitando l’impatto. Diversamente il conducente del mezzo, che conosco, mi avrebbe investito. La cosa peggiore è che nel momento di ‘sfrecciare’, l’autista ha gesticolato verso me, quasi facendomi sentire autore di una violazione da codice stradale. Alla scena ha assistito anche qualche altro passante. E’ possibile correre in questo modo all’interno della città, su una strada urbana?”. (Vincenzo, Manfredonia 26.02.2016)



Vota questo articolo:
7

Commenti


  • francesco

    Hai perfettamente ragione,quel tratto di via Di Vittorio che va dal semaforo di via Tratturo del Carmine verso Siponto è ormai una zona franca di cui il comune si disinteressa completamente, non interviene per il rifacimento delle strisce pedonali nè per installare dissuasori di velocità nè per multare le auto perennemente parcheggiate sulle strisce pedonali e/o in doppia o addirittura terza fila.Un vero e proprio Far West del codice della strada.Sia le auto che arrivano da Foggia che quelle che partono dal semaforo sembrano partecipare ad una gara in cui il premio sarà la vita di qualche cittadino se il comune non si decide ad intervenire


  • Antoninovergura

    Considerato che lo conosci, e ci sono dei testimoni, potresti fare anche una denuncia in Commissariato, oltre che a pubblicizzare tale evento.


  • dippia

    Visto che lo conosce, lo denunci.


  • Alchimista

    Buongiorno Sign. Vincenzo, la sua preoccupazione é sacrosanta, come reali sono i pericoli che si corrono camminando per strada sia da pedone che da ciclista ma anche da autista. Proprio il posto che ha fotografato è una giungla, auto in doppia fila, strisce pedonali sempre occupate da auto, pedoni al cellulare che attraversano in lungo ed in largo, insomma una barbaria. I ripetuti appelli, le innumerevoli richieste di controlli maggiori da parte della polizia Locale, altro non sono che appelli nel vuoto. Qui non c’è legge, non ci sono regole ma sopratutto non ci sono istituzioni.


  • antonio

    bisogna denunciare, scrivere qui è inutile…


  • PolliceVerde

    Denunciare e segnalare. In questa città sono troppe le cose che non vanno. Ogni giorno evito incidenti per colpa della negligenza di inappropriati automobilisti. Solo oggi almeno due di una certa entità: stop non rispettato da guidatore con telefono all’orecchio e io costretto a inchiodare e immissione da strada secondaria con segnale “dare precedenza” ovviamente senza osservare la precedenza e sfrecciando fregandosene di chi sopraggiungeva dalla strada principale. E’ vergognoso e segno di ignoranza pazzesca.


  • calvani

    denunciare e / o chiamare i vigili urbani, è il loro lavoro….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo!