ManfredoniaMonte S. Angelo
"Dopo oltre 2 mesi di domiciliari, anche il Tribunale del Riesame ha accolto il nostro ricorso rimettendo in libertà il mio assistito"

Monte Sant’Angelo, “Scambio di persona: non tentò di rubare”: assolto

"Non escluso un ricorso contro l'ingiusta detenzione al fine di richiedere il risarcimento del danno"

Di:

Monte Sant’Angelo. “TOTALMENTE estraneo ai fatti“. Come informa l’avvocato difensore Giuseppe Bocola, con sentenza del 25.02.2016 a cura del giudice monocratico del Tribunale di Foggia, dott. Protano, è stato assolto con formula piena Claudio Piemontese , 28 anni di Monte Sant’Angelo, arrestato dai Carabinieri di Monte Sant’Angelo nel giugno 2014 poichè accusato dei reati di tentato furto e ricettazione.

Le indagini. Al tempo i militari dell’Arma avevano dato esecuzione ad un‘ordinanza di custodia Cautelare agli arresti domiciliari. Il provvedimento cautelare rappresentò il risultato dell’attività d’indagine condotta dai Carabinieri a seguito del tentativo di furto compiuto ai danni di un negozio di ferramenta. “La ricostruzione dell’evento e l’individuazione di Piemontese – come spiegato dagli inquirenti – fu resa possibile grazie alla visione di una serie di telecamere a circuito chiuso insieme ad un’efficace attività investigativa”. I militari dimostrarono “come Piemontese Claudio (con precedenti,ndr) si fosse diretto verso la serranda dell’esercizio commerciale tentando con un piede di porco di scardinarne i montanti e la serratura”. Secondo i carabinieri “l’uomo non riusciva nel suo intento di entrarvi e, poiché cominciavano a sopraggiungere a piedi alcune persone, si allontanava a bordo di una Lancia Lybra Station Wagon di colore grigio, risultata rubata a Manfredonia qualche giorno prima”. Secondo i militari della Stazione di Monte Sant’Angelo, attraverso la visione delle immagini di un impianto di videosorveglianza, all’epoca dei fatti, Piemontese sarebbe stato “aiutato da altri due complici che si posizionavano agli angoli della strada fungendo da pali”. Dei due soltanto uno, D.F., fu identificato e denunciato a piede libero. I fatti sono avvenuti a Monte Sant’Angelo il 15.02.2014.

Il legale
. “La certezza emersa in sede di indagini – spiega a Stato Quotidiano l’avv. Bocola – è stata totalmente demolita attraverso un’attenta visione delle immagini riprese dall’impianto di videosorvegliaza. Dopo oltre 2 mesi di domiciliari, anche il Tribunale del Riesame ha accolto il nostro ricorso rimettendo in libertà il mio assistito”.

“In fase di processo – continua il legale – ho cheisto di bypassare le udienze dibattimentali, e l’ascolto dei testi della difesa e dell’accusa, chiedendo la disposizione di una perizia antropometrica. Dopo l’accoglimento, nell’udienza di ieri, 25.02.2016 in Tribunale, c’è stato l’esame della consulenza – a cura della Ctu, dr.ssa Milani – e la discussione. Da qui è emersa l’estraneità del Piemontese ai fatti e la non corrispondenza con le immagini vagliate in sede di indagine”. “Non escluso un ricorso contro l’ingiusta detenzione al fine di richiedere il risarcimento del danno”.

Da ricordare come “la pubblica accusa aveva chiesto l’assoluzione con formula dubitativa per il reato di furto, ed una pena di anni due ed euro 6000 di multa, per il reato di ricettazione (per aver utilizzato, per il tentato furto, un’auto Lancia Libra, risultata oggetto di furto commesso in Manfredonia)”.
VIDEO

Fotogallery VINCENZO MAIZZI

Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
8

Commenti


  • Montanarointrasferta

    Se non è stato lui sa sicuramente chi è stato, vista che la combriccola è sempre la stessa: sti 4 ruagni!

  • perchè nn lo dici tu chi è stato fumiere che nn sei altro


  • Antoninovergura

    E semmai sulla Lancia Lybra, risultata rubata, non e’ nemmeno salito, ha chiesto un passaggio al carabiniere.


  • PolliceVerde

    Libero, sei uno dei 5-6 scellerati? Lo si deduce da quello che scrivi. Ma fai attenzione, non tutti quelli che hanno subito furti e torti sono disposti a sopportare…


  • Michele

    Com’è che la stratosferica perizia sul video scagiona una persona S E N Z A accusarne un’altra??
    Non vi pare che ancora una volta la medaglia ha 2 facce?
    La giustizia italiana invece la faccia l’ha persa.


  • Michele

    eh si sai! tu scagioni Piemontese e sai quindi C H I è il vero colpevole.
    se no non ha senso dire che ‘U re’ è innocente! come..nel video si vede che lui e’ innocente e nn si vede chi e’ il colpevole!!? e se qst è vero,qnt soldi dovrai dare a Piemontese per risarcirgli il danno causato dall’ingiusta accusa che ha dvt sopportare?


  • Montanarointrasferta

    Libero (per così dire) vedi che a Monte si sa quanto valete e a me non fate per niente paura, come a molti altri. Se volete provare, venite a toccare qualcosa di mia proprietà, o qualche mio vicino parente e scoprirete quando può essere brutto questo mondo. Ruagnone.


  • Michele

    La matematica dice che quando uno afferma una cosa,ne nega un’altra!!!
    2+2=4 e non 3!
    Si puo’ matematicamente affermare che ‘U rè non e’colpevole, s o l o se si è in grado di affermare chi è il colpevole.
    Se no ancora una vlt la giustizia umana è soltanto un mangia..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi