CapitanataSan Severo
"Questa sera San Severo ha dato prova di esserci in questa battaglia"

San Severo, prosegue la mobilitazione in difesa dell’ospedale


“Il documento - spiega il Sindaco Francesco Miglio – è stato redatto in collaborazione con il comitato permanente a tutela dell'ospedale"

Di:

San Severo. Questa sera in piazza Municipio il Sindaco e gli amministratori cittadini hanno incontrato i sanseveresi, i rappresentanti sindacali, le associazioni e gli operatori sanitari per presentare il documento a tutela del presidio ospedaliero Masselli Mascia di San Severo, che il piano di riordino ospedaliero della Regione Puglia vorrebbe classificare come ospedale di base. Durante l’assemblea il Sindaco Francesco Miglio ha confermato che consegnerà il documento nella giornata di domani, sabato 27 febbraio, al Presidente della Regione Michele Emiliano in occasione dell’Assemblea dei Sindaci di Puglia in programma a Bari. 
“Il documento – spiega il Sindaco Francesco Miglio – è stato redatto in collaborazione con il comitato permanente a tutela dell’ospedale, che vede la presenza di amministratori, rappresentanti delle associazioni e operatori sanitari”. Domani alle 18 nella sala consiliare di Palazzo Celestini il primo cittadino incontrerà nuovamente i cittadini per comunicare le risultanze dell’incontro.
 “Questa sera San Severo ha dato prova di esserci in questa battaglia – conclude il Sindaco Francesco Miglio – domani dobbiamo essere ancora di più. È necessario ampliare la mobilitazione a tutti i sindacati, ai Comuni vicini interessati dal declassamento del nosocomio che serve l’intero Alto Tavoliere e tutti i cittadini. L’ospedale é patrimonio di tutto l’Alto Tavoliere e non possiamo consentire un declassamento”.
Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi