ManfredoniaVieste
La cui salma è stata trafugata a meno di 10 giorni dalla sua scomparsa

Vieste – Mattinata, Polstrada ritrova la salma di Antonio Piccininno “zi’ndonj”

La salma dopo gli atti di rito è stata affidata al figlio Michele


Di:

Vieste. A poco più di due mesi dalla profanazione della sua tomba da parte di malviventi rimasti ignoti, nel cimitero di Carpino e dopo estenuanti ricerche da parte delle Forze dell’Ordine, la Polstrada di Vieste ritrova la bara contenente le spoglie del maestro, fra i maggiori interpreti della musica popolare morto all’età di 100 anni, la cui salma è stata trafugata a meno di 10 giorni dalla sua scomparsa, probabilmente per tentare di estorcere denaro alla sua famiglia.

Durante il servizio di pattugliamento notturno, mirato alla prevenzione e repressione dei reati, una pattuglia della Sottosezione Polstrada di Vieste si imbatteva nei probabili malviventi faut
ori del vile atto criminoso. La bara, ancora sigillata, veniva ritrovata nei pressi di Vieste in Località San Felice, semi occultata nella vegetazione antistante la carreggiata della SP 53, dove i malviventi se ne disfacevano, probabilmente perché sentitisi intercettati e braccati dagli operatori della Polstrada, per poi darsi a precipitosa fuga. Recuperati i resti terreni del Maestro,
venivano trasportati presso il Cimitero di Vieste ove ottenute le necessarie autorizzazioni, veniva aperta da personale delle pompe funebri.

Le spoglie e gli oggetti contenuti nella stessa ( le inseparabili nacchere ) non davano alcun dubbio circa l’identità della salma che venivo riconosciuti dai familiari. L’attivita degli uomini della Polizia Stradale di Vieste ha reso possibile la restituzione la giusta dignità alla salma di un uomo conosciuto e amato nel panorama musicale italiano, pioniere dei Cantori di Carpino. La salma dopo gli atti di rito è stata affidata al figlio Michele.

Redazione Stato Quotidiano.it – riproduzione riservata

Vieste – Mattinata, Polstrada ritrova la salma di Antonio Piccininno “zi’ndonj” ultima modifica: 2017-02-26T13:37:31+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Antonino

    Speriamo che le indagini vadano avanti per riuscire a individuare a che specie di VERMI parassita.. appartengono gli autori di tale gesto disumano, e rinchiuderli in galera, e quale basta….di avvocato avrà il coraggio di difenderli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi