ManfredoniaRicordi di storia
A cura di Pascalonia

Adda jèsse sèmbe vivì?!

Adda jèsse sèmbe vivì?!

Di:

Statte lundéne, statte darasse,
statte lundéne cinde passe,
se t’avvecine, tu mm’allurde,
d’i prumèsse fatte tu te ne scurde.
Fé bbune, fé malamènde…
Lla tine tu ll’anema tènde.
Che t’jà dice, ca ije gride,
ne mme sinde, ne mme cride.
Tine jate da penzé,
de sti parole che nn’adda fè?
E jéme annanze acchessì…
Ma pinze de jèsse sèmbe vìvì?

Pascalonia
Devi essere sempre vispo vispo!? Stai lontano, stai appartato,/ stai lontano cento passi/ se ti avvicini tu mi sporchi/ delle promesse fatte te ne scordi./ Fai bene, fai male/ ce l’ài tu l’anima tinta./ Che ti devo dire, che io grido/ tu non mi senti, non mi credi./ Hai altro a cui pensare,/ di queste parole che ne devi fare?/ Ed andiamo avanti così/ Ma pensi di stare sempre vispo vispo (sulla scena)?”



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo!