FoggiaManfredonia
Filcams Cgil e Uiltucs Uil chiedono tavolo tecnico: garantire continuità occupazionale agli undici dipendenti

Chiusura Benetton a Foggia, Palma: salvare posti di lavoro

"Questo non ci ferma dal mettere in campo ogni azione, invocando il sostegno delle istituzioni"

Di:

Foggia. Attivarsi con ogni mezzo per salvaguardare gli undici posti di lavoro. E’ questo l’appello lanciato dalla Filcams Cgil circa la vertenza che vede coinvolto lo store Benetton di Foggia, che senza alcun preavviso ha chiuso il proprio punto vendita nella centralissima isola pedonale di Corso Vittorio Emanuele. “La società che gestiva l’attività aveva annunciato agli stessi lavoratori – spiega Gianni Palma, segretario generale della Filcams di Capitanata – la chiusura per inventario. Salvo il giorno successivo consegnare una raccomandata a mano che comunicava il licenziamento per chiusura attività. Come sindacato avevamo fornito la massima disponibilità all’azienda, in passato e per far fronte a un periodo di crisi, al fine di trovare soluzioni che traguardassero il momento garantendo comunque la continuità lavorativa degli addetti alle vendite. Purtroppo ci siamo ritrovati a cose fatte con il negozio chiuso e le lettere di licenziamento consegnate”.

“Questo non ci ferma dal mettere in campo ogni azione, invocando il sostegno delle istituzioni, per salvaguardare il posto di lavoro degli undici dipendenti – assunti da oltre un decennio e con professionalità acquisite – a fronte dell’interesse che alcuni gruppi avrebbero manifestato per la riapertura dello store. In tal senso abbiamo inviato all’ufficio Politiche del lavoro della Provincia di Foggia una richiesta, insieme alla Uiltucs Uil, per un tavolo tecnico da convocare con urgenza e al quale chiamare la società uscente e i rappresentanti della casa madre Benetton. Speriamo si possa tenere quanto prima per dare serenità e risposte ai lavoratori e garantire la continuità di un negozio storico della città”.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo!