EconomiaStato news
Nota stampa

Fondi UE, conferma sul mancato utilizzo

Fondi UE, conferma sul mancato utilizzo

Di:

Roma. Dopo la denuncia della CGIA presentata sabato scorso, è proseguito quest’oggi l’aggiornamento dei dati da parte del Dipartimento per le Politiche di Coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Al 29 febbraio scorso, segnala la struttura della presidenza del Consiglio dei Ministri, su una dotazione scesa a 45,8 miliardi (dai precedenti 46,5 miliardi su cui la CGIA ha elaborato i suoi dati) sono stati effettuati 44,2 miliardi di pagamenti, pari al 96,5 per cento del totale. Ciò vuol dire che almeno fino ad oggi, non sono stati utilizzati almeno 1,6 miliardi di euro. Un dato, sottolineano dalla CGIA, comunque molto “diverso” da quello presentato un paio di mesi fa dalla Ragioneria dello Stato che segnalava, sempre al 31 dicembre scorso, che i pagamenti effettuati dall’Amministrazioni centrali e regionali ammontavano al 92,1 per cento del totale dei contributi messi a disposizione dall’Ue. “Anche se fosse vero che i finanziamenti sono stati realizzati completamente entro la fine dell’anno scorso, cosa che riteniamo comunque improbabile – proseguono dalla CGIA – è bene ricordare che non è detto che l’Unione europea li ristorerà tutti. La rendicontazione, che dovrà essere completata entro la fine di marzo del 2017, è un’operazione molto complessa e delicata che in passato non ci ha consentito di utilizzare molti miliardi messi a nostra disposizione dall’Ue”. Per tale ragione gli artigiani mestrini sostengono che almeno 4-5 miliardi (1,6 più altri 2/3 miliardi), dei 9,3 non certificati al 31 dicembre scorso, rischiano di non essere portati a casa.

Fondi UE, conferma sul mancato utilizzo ultima modifica: 2016-04-26T18:26:45+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi