BATStato prima
Soddisfazione Farnesina, in Italia già nei prossimi giorni

Corte India, immediato rientro Girone

Lo ha deciso una 'sezione feriale' della Corte di New Delhi riunitasi oggi

Di:

(ANSA) – NEW DELHI, 26 MAG – La Corte Suprema indiana ha accettato di rendere immediatamente esecutivo l’ordine del Tribunale arbitrale internazionale dell’Aja di far rientrare in Italia il fuciliere di Marina Salvatore Girone per tutta la durata del procedimento arbitrale. Lo ha deciso una ‘sezione feriale’ della Corte di New Delhi riunitasi oggi.

Girone torna in Italia: il saluto del Consiglio regionale. “Ciao, Salvatore, era ora”. È il saluto del presidente Mario Loizzo a nome di tutto il Consiglio regionale della Puglia al marò barese. “Girone rientra in Italia, in attesa delle decisioni del Tribunale internazionale dell’Aja sulla vicenda cha per quattro anni lo ha trattenuto in India. La procedura giudiziaria corretta e il buon senso diplomatico hanno prevalso”. Il presidente Loizzo rivolge un saluto anche a Massimiliano Latorre, con l’auspicio che la giustizia possa fare il suo corso, nelle condizioni ordinarie di serenità e di rispetto di due sottufficiali di Marina, che finora “hanno subìto, con la residenza coatta, una condizione di colpevolezza presunta e una pena preventiva, contrarie ad ogni principio giuridico, perché in tutto questo tempo non è mai stata ‘giudicata’ alcuna responsabilità. In India non si è andati oltre un’interminabile istruttoria, i capi di imputazione contestati dall’accusa non sono stati mai sottoposti al vaglio di una Corte. Ora il procedimento potrà fare il suo corso davanti ad un organo di giustizia ‘terzo’.

MARO’, DE BENEDETTO (FI): “RENZI NON USI GIRONE PER LA CAMPAGNA REFERENDARIA”. “Oggi è un giorno di festa. Dopo quattro anni di attesa e colpevoli ritardi, Salvatore Girone tornerà in Italia. Adesso, ci auguriamo che Renzi abbia il buon gusto di non strumentalizzare il suo ritorno, come se fosse una pedina utile alla campagna per il referendum. Un nostro connazionale, dopo lunghissime attese, incertezze e sofferenze fa ritorno in Patria. E noi ne siamo felici. Questa è la notizia”. Lo dichiara Federica De Benedetto, vice coordinatrice regionale Forza Italia Puglia.



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • Sabah al-Ahmad al-Jaber al-Sabah

    Un grande successo per il nostro grande amico Renzi.


  • Redazione

    Marò, Damascelli: “Rientro Girone una gioia, peccato che esponenti del PD di Bari facciano polemiche oggi su militari”

    “L’imminente rientro di Salvatore Girone ci riempie di gioia e desiderio di issare la bandiera tricolore. Una gioia che non cancella, però, quel retrogusto amaro per i tanti errori compiuti dagli ultimi governi nazionali che hanno costretto due servitori dello Stato ad una lunga ed ingiusta detenzione in terra indiana”. Lo dichiara il consigliere regionale di Forza Italia, Domenico Damascelli.
    “Il suo ritorno – prosegue – sarà la fine di una pagina tutt’altro che lusinghiera per l’Italia, che ha rivelato la scarsa autorevolezza dei suoi recenti esecutivi nel contesto internazionale e la poca gratitudine nei confronti delle nostre forze armate, che difendono la bandiera italiana e i suoi valori nel mondo. Duole constatare, però, che in una giornata di festa e riconciliazione nazionale, in cui dovrebbero venire meno gli steccati ideologici di tutti, ci siano esponenti del Pd di Bari, come l’on Ginefra, che sentono il bisogno di dar sfogo a sentimenti antimilitaristi. Non è il giorno opportuno per alzare polemiche e fare propaganda. Oggi è festa per il nostro Paese, dopo le tante umiliazioni subite”./comunicato


  • Antoninovergura

    Non credo che sui guai passati dai due nostri militari si possa parlare di SUCCESSO politico, al contrario , possiamo assistere ad una INCAPACITA’ professionale e politica, per tutti questi 4 anni che i due militari hanno subito, andando ad intaccare una felicita’ sia familiare che professionale di entrambi.
    Nessuno era, ed e’ , da condannare in quanto erano in mare per il controllo e sicurezza della circolazione marittima, richiesta dall’intera Europa, chi ha sbagliato sono stati i due indiani che non avevano alcun motivo di avvicinarsi all’imbarcazione di controllo militare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati