ManfredoniaStato news
A cura di Benedetto Monaco

Manfredonia, “Il Dott. Rucci divulga la disciplina sulla portabilità dei conti correnti”

Di:

Manfredonia. In una recente lezione svoltasi all’uni III il dott. Antonio Rucci direttore di banca in pensione ha divulgato la disciplina della portabilità dei conti correnti. Di seguito riportiamo una sinossi della sua relazione proiettata agli attenti frequentatori dell’università delle tre età. Oggi è più facile chiudere e trasferire il c/c, ecco le novità legislative in vigore:

Il 28 Agosto 2014 è stata pubblicata la Direttiva 2014/92/UE, sulla comparabilità delle spese relative al conto di pagamento, sul trasferimento del conto di pagamento e sull’accesso al conto di pagamento con caratteristiche di base «Direttiva PAD (Payment Accounts Directive).

Il 25 Gennaio 2015 è entrato in vigore il DL n. 3 che, con l’art. 2 «portabilità dei cc/cc» anticipa di fatto l’attuazione della procedura di trasferimento dei conti di pagamento descritta all’art. 10 della Direttiva Comunitaria.

“E’ LEGGE E A FISSARE LA DATA DI CHIUSURA DEL C/C SARA’ IL CLIENTE”
Il 25 Marzo 2015 è stata pubblicata la Legge 24 Marzo 2015 n. 33 con la quale è stato convertito in Legge, con modificazioni, il citato Decreto.
Alle possibili domande quali: Conti correnti “sospesi” tra una banca e l’altra? Bollette non saldate o carta di credito bloccata perché la vecchia banca ha dimenticato qualche passaggio operativo? Conto titoli trasferiti a caro prezzo? Il dott. Antonio Rucci afferma che trattasi di problemi del passato: “Da oggi in poi il conto si chiude con una firma, i tempi li fissa il cliente e trasferire qualunque dossier è gratis. E’ infatti in vigore il decreto con le misure urgenti per le banche, che oltre alle norme sulle Popolari contiene le novità sul trasferimento dei conti, i tempi certi, il costo zero, e l’obbligo di risarcire il cliente se i tempi si allungano o qualcosa non va nel verso giusto.

Tempi certi e portabilità gratuita per tutti i conti, dunque! In realtà, la portabilità del conto a costo zero non dovrebbe essere una novità, dato che la legge prevede questa possibilità dal 2007. Non c’era però fino ad oggi alcun termine di legge per completare il trasferimento, né, tanto meno, una procedura standard che rendesse uniforme e trasparente questa tipologia di operazioni e prevedesse espressamente l’esclusione di addebiti in caso di trasferimento dei titoli. Conseguenza di ciò: tempi di chiusura dilatati fino a 60 giorni, banche che dimenticavano di far firmare all’ormai ex cliente l’autorizzazione a trasferire l’addebito delle bollette, istituti e Poste spa che pretendevano che la richiesta di chiusura fosse presentata ai loro sportelli e sui loro moduli per poter essere accolta e portata a conclusione, e dossier titoli con costi di trasferimento a carico. Insomma l’autoregolamentazione del sistema è servita a ben poco, e anche l’Antitrust è dovuto più volte intervenire per richiamare le banche al rispetto delle norme. Con l’entrata in vigore del decreto, però, tutto diventa più semplice perché per legge a curare il trasferimento e portarlo a conclusione dovrà essere il nuovo istituto di credito, senza stress per il cliente. Una sola firma, quindi, per chiudere tutti i rapporti, e senza costi, dato che in caso di richiesta di trasferimento del conto corrente, insieme alla richiesta di trasferimento di strumenti finanziari, di ordini di pagamento e di ulteriori servizi e strumenti associati, la portabilità, si legge nel decreto, si deve concludere senza ulteriori oneri e spese per il consumatore.

Per ciò che concerne il trasferimento dei servizi di pagamento connessi al rapporto di conto di pagamento; il servizio di trasferibilità può essere attivato dal cliente consumatore presso la banca nuova, mediante sottoscrizione di un apposito modulo di richiesta tramite il quale dispone il trasferimento dei servizi di incasso e/o pagamento e/o del saldo con o senza estinzione del conto dalla banca originaria e specificando una «DATA DI EFFICACIA DEL TRASFERIMENTO» .
Per i tempi certi per il trasferimento, come previsto dalla normativa sopra citata, la Banca deve garantire l’esecuzione del servizio di trasferibilità entro il DODICESIMO giorno lavorativo successivo alla richiesta del cliente, «salvo tempistiche più estese richieste dal cliente richiedente»

Per chi si applica il servizio di trasferimento?

Il sevizio si applica a condizione che:
– Sia richiesto da clientela classificata «Consumatore»;
– Il conto originario e il nuovo conto siano nella stessa valuta (EURO);
– I conti correnti abbiano la stessa intestazione;
– La richiesta sia firmata da tutti gli intestatari del conto nuovo (che coincidono con gli intestatari del conto vecchio);

Siano intrattenuti presso Banche situate sul territorio nazionale.
Quando non si applica il servizio di trasferimento?

Il servizio di trasferimento non si applica qualora:
– Il conto originario indicato dal consumatore identifichi l’IBAN di una carta prepagata ricaricabile, anche se detta carta consente al cliente di disporre operazioni di trasferimento fondi e quindi operare come un conto di pagamento;
– Nel caso di trasferimento da o verso libretti di risparmio nominativi se e in quanto depositi di denaro che consentano esclusivamente prelievi e versamenti.

Dopo questa esaustiva trattazione, probabilmente, in tanti sapranno come comportarsi sulla questione della portabilità dei conti correnti, per questo, nonostante l’argomento era alquanto tecnico e specifico, i presenti hanno salutato con un lungo applauso il relatore artefice di questa divulgazione facendogli onore.

(A cura di Benedetto Monaco – benedetto.monaco@gmail.com)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati