Foggia
"Il servizio deve riprendere subito"

Protesta ATAF. De Pellegrino: “No criminalizzazione lavoratori”

"La criminalizzazione dei lavoratori da parte del sindaco Landella esprime con chiarezza quale sia il suo punto di vista"

Di:

Foggia. “I lavoratori di ATAF SpA sono esasperati dagli errori del CdA e dell’Amministrazione comunale, è l’u-nica ragione che li ha indotti a commettere un grave errorea cui, mi auguro, porranno rimedio quanto prima. La protesta deve essere nei confronti della Giunta Landella, non dei cittadini!”. Lo afferma il capogruppo del PD Alfonso De Pellegrino che si è fatto promotore – insieme ai colleghi Augusto Marasco, Luigi Buonarota, Marcello Sciagura e Giuseppe Mainiero – della richiesta di “convocazione ad horas della Conferenza dei capigruppi” indirizzata al presidente del Consiglio comunale con l’obiettivo di “reiterare la richiesta di convocazione di un’Assemblea monotematica dedicata ai problemi attuali ed al futuro dell’azienda di trasporto pubblico”.

“La criminalizzazione dei lavoratori da parte del sindaco Landella esprime con chiarezza quale sia il suo punto di vista: nessuno deve disturbare il manovratore! Anche quando decide di far pagare ai dipendenti della SpA comunale l’intero costo della sua fallimentare gestione. In Ataf sono stati indetti e attuati 3 scioperi in 6 mesi,con una partecipazionesuperiore al 90% dei dipendenti. Unaconflittualità che non trova pari nei circa 20 anni di attività di Ataf SpA. Uno scontro di cui sono direttamente responsabili il sindaco Landella, in qualità di rappresentante dell’azionista unico, e il Consiglio di Amministrazione della società. Errori che è loro intenzione continuare a commettere. Martedì prossimo, ilConsiglio comunale è con-vocato anche per esprimersi sulla proposta di delibera che autorizza la parziale copertura delle perdite di ATAF per l’anno 2014. Parziale!

Un atto che dovrebbe discendere da una strategia di risanamento finanziario e rilancio del servizio. Ma questa strategia non esiste. O, almeno, non la conosce il Consiglio comunale, non la conoscono i lavoratori, non la conoscono i cittadini. E così il rischio serio è di buttare dalla finestra altri soldi dei contribuenti. Di sprecare risorse preziose da investire nella riorganizzazione aziendale o nell’acquisto di mezzi, in sostituzione di quelli sempre meno funzionanti che oggi circolano. Più volte ho chiesto che il Consiglio comunale fosse coinvolto nella discussione sul futuro di Ataf SpA, che è parte del futuro della mobilità cittadina. Altro che smart city! Siamo tornati alle strade centrali con doppio senso di marcia e senza corsie preferenziali, dov’è possibile parcheggiare l’auto in doppia fila e divieto di sosta; si è smarrito il senso e la prospettiva del piano della sosta tariffata, violato allegramente grazie anche all’indifferenza di chi dovrebbe effettuare i controlli. Spero che la drammaticità della situazione induca il presidente del Consiglio comunale e la maggio-ranza di centrodestra a rompere l’inerzia e il silenzio suggeriti dal sindaco – conclude Alfonso De Pel-legrino – Scelta che sarà indubbiamente favorita dal rapido ripristino del servizio ad opera dei lavoratori, ai quali necessita il sostegno della città per la risoluzione di una vertenza aziendale che incide pesantemente sulla qualità della vita dei foggiani”.

FOTOGALLERY VINCENZO MAIZZI

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati