Manfredonia
Il sindaco si è riservato a sè la delega

Verso il rimpasto di Giunta? Rinaldi chiede e ottiene revoca ‘Demanio’

"(... ) potrà darsi corso ad una rivisitazione del riparto delle materie tra i vari assessori"

Di:

Manfredonia. VERSO il “rimpasto” di Giunta? Con recente ordinanza, il sindaco Riccardi ha revocato la delega alla materia “Demanio” all’assessore Pasquale Rinaldi, riservandola a se stesso. Le deleghe agli assessori comunali erano state attribuite con decreti del sindaco n.17/2015 e n.31/2015 (conferma incarichi). “Al momento – è scritto nell’ordirna ordinanza sindacale – non risulta ancora conferita la delega in materia di territorio e ambiente (dopo le due dimissioni dall’inizio dell’attuale Giunta degli ex assessori al ramo A.Armiento ed E.Palumbo,ndr), in esito della quale potrà darsi corso ad una rivisitazione del riparto delle materie tra i vari assessori”.

La citata revoca al demanio è stata richiesta dallo stesso Rinaldi. Attesa dunque per la nomina del delegato in materia di Territorio e Ambiente.

Come risaputo, per il nuovo dirigente del settore Ecologia e Urbanistica, la scelta è ricaduta sull’ingegnere Antonello Antonicelli, già direttore dell’area ‘Politiche per la riqualificazione, la tutela e la sicurezza ambientale’ della Regione Puglia (vedasi “Bonifica delle discariche pubbliche di Manfredonia: procedura archiviata” (Comune Manfredonia – nota stampa) . Questo il curriculum.

L'ex assessore all'ambiente E.Palumbo (ST)

L’ex assessore all’ambiente E.Palumbo (ST)

LE DUPLICI DIMISSIONI. Come ricordato, 3 luglio 2015 – 15 febbraio 2016: poco più di 7 mesi, due analoghe dimissioni nella Giunta Riccardi bis, relativamente all’assessorato all’ambiente. L’ultima restituzione delle deleghe, da parte dell’ex assessora Elisabetta Palumbo, seguì quella protocollata ad inizio luglio dall’ex assessora Annarita Armiento. “Sono profondamente dispiaciuta; la mia – aveva detto l’avvocato Armiento – è una decisione sofferta, che mi provoca profondo rammarico ma, or ora, sono sopravvenuti impedimenti personali legati alla mia sfera privata e che, mio malgrado, non posso ignorare, perché non mi consentirebbero di svolgere con la giusta e doverosa serenità il compito affidatomi dal sindaco”. Al tempo diverse le voci sulle motivazioni alla base della scelta. In una successiva conferenza stampa, il sindaco negò categoricamente una correlazione tra il progetto per l’installazione del deposito gpl a Manfredonia e presunte difficoltà di gestione, della procedura, da parte della neo assessora. “Motivazioni personali”. Giunte a pochi giorni dalla nomina.

Complessivamente analoghe le motivazioni indicate dalla professionista che ha sostituito la Armiento. Nella sua missiva indirizzata al sindaco, Elisabetta Palumbo ha scritto infatti nella nota relativa alle proprie dimissioni che “le motivazioni scaturiscono da sopraggiunti motivi personali, che mi impediscono di svolgere a pieno e con serenità questo compito che comporta un impegno continuo e responsabile”. “Ritengo quindi corretto e doveroso – ha detto la Palumbo – restituire la delega affidatami, consapevole di aver affrontato tutti gli impegni con umiltà e correttezza e restando, ad ogni modo, a disposizione dell’Amministrazione, per quello che mi sarà possibile”.

Da evidenziare come il primo cittadino ha stabilito di “tenere per sé le deleghe” dell’assessorato rimasto ‘vacante’. ”In questo momento non ho la minima fretta di conferire, eventualmente, l’incarico assessorile vacante a chicchesia. Vedremo più avanti e, dopo le valutazioni del caso, faremo le scelte che saranno più opportune per la nostra città”.

Si ricorda come Elisabetta Palumbo era stata nominata Assessore con delega al “Territorio e Ambiente”.
La delega comprendeva anche:
– Pianificazione generale e attuativa (Ufficio dei Piani e SIT);
– Area Vasta;
– P. U. G. (Piano Urbanistico Generale);
– Piano di recupero del centro storico;
– Superamento ed eliminazione delle barriere architettoniche;
– Controllo e vigilanza dell’attività urbanistica;
– Edilizia privata e abusivismo edilizio;
– Edilizia economica e popolare;
– Piano energetico comunale e risparmio energetico. Energie rinnovabili;
– Controllo della qualità dell’aria e delle acque;
– Igiene della Città. Educazione alla raccolta differenziata e contrasto allo smaltimento irregolare dei rifiuti;
– Bonifiche.

PRIMA GIUNTA RICCARDI BIS – FOCUS DELEGHE

Redazione Stato Quotidiano.it – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
15

Commenti


  • Gennaro

    ANDATE A CASA…TUTTI!!


  • Re in pasta

    Una donna del PD?


  • Belle parole

    Era ora. Dimenticate che un lido è stato sequestrato. Ha aspettato anche troppo a rimettere la delega. Precisiamo la ha rimessa lui. Il sindaco non voleva revocargliela.


  • antonella

    Altro che natura morta, abbiamo inteso a cosa serve il polo museale, nei musei le mummie si conservano bene, anche le poltrone!!


  • Pastunate

    Pasqualone facciamoci rispettare!!!!


  • Gino5st

    Ma scusate ha fatto benissimo
    Ma avete capito quello che sta succedendo o no???
    Sembrerebbe da quello che di sente in giro che siano piombati denunce su denunce per la questioni lidi balneari da nord a sud e ovviamente quando c’è la magistratura in mezzo si devono muovere per forza
    Ecco perché c’è gran fermento
    E se realmente tutto ciò fosse vero ci sarebbero molte non aperture e altrettante denunce penali nei confronti dei gestori
    E capite tutti che parliamo di tutto e di puoi da imprenditori e politici
    Vedremo che succederà


  • E io pago...

    mi devono spiegare la Varrecchia che senso ha? Mai visto un assessorato così inutile. Per fare numero.

  • Dare spazio a gente nuova che abbia il merito di essere competente e non a tessere di partito.


  • Bearzot

    Pandora se la gente nuova è l’amica tua meglio tenersi i “vecchi”


  • MIMMI70

    Di rimpasto in rimpasto, ma perchè questa giunta, invece di governare Manfredonia, non si aprono a società un bel negozio pasta fresca! Ma andatevene a casa !


  • antonella

    Il rimpasto lo fanno perché da soli sono riusciti a produrre un debito di 49 milioni, ora, dividendo le deleghe potranno spendere ancor di più producendo debito su debito, poi minacciano di andare via solo quando vogliono loro, ci credo e chi te la da un altra poltrona con una carta bancomat cosi illimitata senza mai dover ripagare le spese???


  • benito

    BAST CHA CI BRATET U MOS D MARMLET

  • Bearzot sei stato grande ai mondiali. ma di politica non capisci nulla


  • Bearzot

    Pandora tu stai alla politica come il 2 di coppe quando la briscola è a denari.
    Sei stata usata e gettata via, rassegnati


  • Raffaele Vairo

    Nell’articolo si legge, tra l’altro: “Con recente ordinanza, il sindaco Riccardi ha revocato la delega alla materia “Demanio” all’assessore Pasquale Rinaldi, riservandola a se stesso”. E ancora : “La citata revoca al demanio è stata richiesta dallo stesso Rinaldi”.
    Qualche domanda semplice e diretta: Quali sono i motivi di questa revoca? Perché è stata richiesta dallo stesso Rinaldi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati