Foggia
"Area sottoposta a sequestro giudiziario

Incendio via Castelluccio, ordinanza Landella “per tutela salute pubblica”

Di:

Foggia. Il sindaco di Foggia, Franco Landella, ha firmato l’Ordinanza con la quale si dispongono le misure precauzionali a tutela della salute pubblica conseguenti l’incendio avvenuto mercoledì 24 maggio 2017 nell’area di via Castelluccio sottoposta a sequestro giudiziario.

L’Ordinanza si è resa necessaria sulla base delle indicazioni comunicate dall’ARPA Puglia nella tarda serata – precisamente alle 20.44 – e della richiesta dell’ASL Foggia – formulata alle 22.40, a seguito della convocazione urgente disposta dal sindaco a Palazzo di Città – in ragione dell’evolversi della situazione e dei contatti diretti e stretti che il primo cittadino ha tenuto per tutto il pomeriggio, affiancando questa attività alla presenza sul luogo dell’incendio, sin dalla mattinata di ieri, degli agenti del Corpo di Polizia Municipale e del personale del Servizio Protezione Civile, in una funzione di supporto al lavoro dei Vigili del Fuoco e di informazione nei confronti dei cittadini residenti nelle immediate vicinanze, come comunicato dall’ARPA Puglia e dall’ASL Foggia.

L’Amministrazione comunale resta comunque in attesa dei risultati delle analisi e dei campionamenti che l’ARPA Puglia sta conducendo nell’area interessata dalle fiamme e di conoscere la tipologia dei rifiuti ospitati nel sito, al fine di adottare gli opportuni provvedimenti del caso.
Di seguito il testo dell’Ordinanza Sindacale.

IL SINDACO

PREMESSO CHE:
– in data 24.5.2017 (nota prot. n°0005358 del 24.5.2017) è pervenuta nota da parte del Comando Provinciale VV.F. nella quale si comunicava la sussistenza di un incendio di una superficie di circa 5.000 mq. (ex serra trasformata in discarica abusiva) in tratturo Castelluccio – Comune di Foggia, che ha prodotto una notevole colonna di fumo nero;
– sul posto si sono recati il Comando dei Carabinieri, il Comando Provinciale dei VV.F. e la Polizia Municipale (giusta nota del 24.5.2017), i quali hanno richiesto l’intervento di Dipartimento di igiene e prevenzione ASL FG e del Dipartimento provinciale di ARPA Puglia;
– l’ARPA Puglia rilevava l’opportunità di avvisare i cittadini residenti nelle immediate vicinanze dell’area affinché adottassero tutti gli accorgimenti per evitare il contatto con i fumi sprigionati dall’incendio;

– la Polizia Municipale immediatamente ottemperava all’invito individuando i residenti ed informando i medesimi dell’opportunità di evitare il contatto con i fumi sprigionati dall’incendio mediante la chiusura degli infissi, ed invitando gli stessi a non uscire dalla proprie abitazioni;
– l’Asl Fg con nota trasmessa a mezzo fax il 24.5.2017 alle ore 14,10, ribadiva le stesse prescrizioni già indicate dall’ARPA e già opportunamente ottemperate dalla Polizia Municipale presso le abitazioni interessate nel raggio di 300-400 metri;
– vista la mappa trasmessa via mail da ARPA Puglia in data 25.5.2017, elaborata dal Centro Regionale Aria, nella quale si rileva la direzione dei venti e quindi dei fumi prodotti dall’incendio non sono diretti verso il centro cittadino bensì vanno in direzione sud;

– vista la mail del 25.5.2017 ore 20.44 dell’ARPA Puglia, a seguito di intercorsi contatti telefonici, con i quali si informava il Comune che la direzione dei venti era mutata e i fumi erano scesi di quota, avvolgendo le abitazioni circostanti alla zona interessata dall’incendio e si invitava, nelle more dei riscontri dei monitoraggi dell’aria in corso, ad adottare provvedimenti per la salvaguardia della salute pubblica dei residenti della medesima area;

– vista la richiesta dell’ASL FG – Dipartimento di prevenzione e igiene di sanità pubblica, formulata in data 25.5.2017 alle ore 22,40, a seguito della convocazione d’urgenza da parte del Sindaco, con la quale si chiedeva l’adozione di ordinanza sindacale ai fini precauzionali a tutela della salute pubblica invitando a tenere chiuse porte e finestre e di non sostare all’aperto, evitare raccolta e vendita e consumo dei prodotti ortofrutticoli coltivati nella zona interessata, evitare il pascolo degli animali all’aria aperta, evitare di far mangiare il foraggio agli animali e provvedere a mantenere in locali chiusi gli animali da cortile, evitando il razzolamento fino a che l’incendio sia domato e che giungano le analisi delle matrici ambientali da parte dell’ARPA Puglia e che tale ordinanza sia estesa nell’arco di 400 metri dall’area dell’incendio;

Visto il Piano Comunale di Protezione civile;

Visti gli artt. 50 e 54 del D.Lgs. 267/2000;

ORDINA
dalla data di emissione della presente ordinanza e fino a che l’incendio sia domato e che giungano le analisi delle matrici ambientali da parte dell’ARPA Puglia,

ai residenti nel raggio di 400 metri dall’area interessata dall’incendio, di tenere chiuse porte e finestre, non sostare all’aperto, evitare raccolta e vendita e consumo dei prodotti ortofrutticoli coltivati nella zona interessata, evitare il pascolo degli animali all’aria aperta, evitare di far mangiare il foraggio agli animali e provvedere a mantenere in locali chiusi gli animali da cortile, evitando il razzolamento ai fini precauzionali, a tutela della salute pubblica.

DISPONE

– Che la presente ordinanza sia notificata tempestivamente a mezzo della Polizia Municipale ai residenti nella zona interessata nell’ambito dello stato di pre-allerta previsto dal Piano Comunale di Protezione Civile e che la sia resa pubblica mediante affissione all’Albo Pretorio del Comune e pubblicata sul sito internet del Comune di Foggia www.comune.foggia.it. [http://www.comune.foggia.it/&h=atpai65uiachny38uj0z-anin-ulmygc4uafpwoet9r7kuzetvlb9vkryj4zv2dpdhjdkt5hwxlmsxit7bczo7d9ibzwjppghvlzkv9u4hjwoipusk28szoeyupezrbseh669tyftblh9zluas8w3kh4&enc=azm_a1xlbwemgxhhhewnd_v2dlfqzwrogdgdpk8dimffafk8zgrtfpemaimemk_lqtvxgi5f7bfvxqgcv7oqb8lt5omawqdfvw-pnbczc-skt9-osugvhezrenxq6eo_s3z58on-hzhjfreaka7iiukndevdjmtpmrdoxue9kzf0fftfpcgbm5muwrz8jmvhq12dyzicuz2tcz2b5e-sbijf&s=1_green]

– che, nella fase di attenzione di cui al Piano Comunale sopra citato, venga attivato un presidio operativo da parte del Comando della Polizia Municipale a cui spetta il compito di vigilare;
– di incaricare il corpo di Polizia Municipale di verificare e vigilare sulla corretta esecuzione della presente ordinanza.

INFORMA

che ai sensi e per gli effetti dell’art. 3, comma 4, della Legge n°241/1990, avverso il presente provvedimento i soggetti destinatari possono ricorrere nei modi di legge presentando ricorso giurisdizionale al T.A.R. Puglia, ai sensi della Legge n°1034/1971, entro il termine di gg. 60 (sessanta) dalla data di pubblicazione del presente provvedimento ovvero, in alternativa, ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, ai sensi del D.P.R. n°1199/1971, entro il termine di gg. 120 (centoventi) dalla data di pubblicazione;

che, ai sensi dell’art. 8 della Legge n°241/1990 e s.m.i., l’Amministrazione competente è il Comune di Foggia – Servizio Protezione Civile.

La presente ordinanza è inserita nel registro Generale delle Ordinanze detenuto dall’Ufficio di Gabinetto del Sindaco.

La presente ordinanza viene trasmessa, per gli adempimenti di competenza ed opportuna conoscenza:
Al Prefetto di Foggia;
Alla Regione Puglia – Servizio Ecologia;
Alla Provincia di Foggia – Settore Ambiente;
la ASL FG/3 – Servizio di Igiene e Prevenzione;
all’ARPA Puglia
Alla Procura della Repubblica
Al Comando Provinciale dei Carabinieri
Al Comando Provinciale dei VV.F..”

redazione stato quotidiano.it – riproduzione riservata



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi