Manfredonia
"Assistiamo oramai inermi al raggrupamento di giovani fuori i locali"

Manfredonia, residenti Centro “Musica ad alto volume dai locali, dormire è impossibile”

"Chiediamo un celere intervento degli organi preposti"


Di:

Manfredonia, 26 maggio 2017. Manfredonia, 26 maggio 2017. “DORMIRE ogni sera è diventato impossibile. Per non parlare del fine settimana. Musica ad alto volume, schiamazzi di giovani. Considerando che sono in vigore delle ordinanze sindacali con precise indicazioni sugli orari, ci chiediamo come mai dobbiamo subire queste situazioni. Figuriamoci quello che potrebbe avvenire nel corso dell’imminente estate”. E’ quanto segnalano a Stato Quotidiano un gruppo di cittadini residenti in zona Centro Storico a Manfredonia.

La protesta dei residenti
Da raccolta dati, e come comunicano i cittadini, “Dal venerdì di ogni settimana, e a volte anche dal giovedì sera, dalle ore 23 circa dormire è diventato impossibile. Assistiamo oramai inermi al raggrupamento di giovani fuori i locali, con conseguenti rumori. Al di là della somministrazione di alimenti e bevande, quello che chiediamo è la possibilità di rispettare gli orari indicati per legge, relativi alle attività rumorose derivanti da fonti sonore”.

Gli orari e limiti indicati nell’ordinanza n.17 del 13.06.2011
Come evidente dall’ordinanza sindacale n.17 del 13.06.2011, del Comune di Manfredonia, “(..) “Le attività di pubblico esercizio quali: discoteche, feste da ballo, bar, gelaterie, pasticcerie, ristoranti, birrerie, ecc. che utilizzano strumenti derivanti da fonti sonore amplificatori, altoparlanti ecc., devono cessare di emettere suoni entro le ore 24,00”.

Mentre “Le attività di discoteche, feste da ballo in genere che si svolgono fuori dal centro abitato, il limite massimo entro le ore 05.00”.

“Dato che – aggiungono i cittadini a Stato Quotidiano – ad oggi non ci sono state modifiche negli orari indicati, ci chiediamo come mai questi limiti non vengano rispettati. Chiediamo percio’ i controlli da parte delle autorità preposte, anche considerando che nelle stesse ordinanze si indica come “gli organi di polizia sono incaricati della scrupolosa osservanza di quanto indicato“.

Somministrazione alimenti – bevande: cosa prevede l’ordinanza n.18 del 2011
Altra rimostranza dei residenti deriva da quanto indicato nell’ordinanza sindacale n.18 del 2011, relativa alla “Determinazione dell’orario per l’attività di pubblico esercizio – somministrazione al pubblico di alimenti e bevande”.

“Nel periodo estivo (compreso tra il 1° giugno e il 15 settembre) in Zona Centro Storico (da Piazza Marconi a Viale dell’Arcangelo) per gli esercizi di ristorazione (ristoranti, trattorie, tavole calde, pizzerie, birrerie ed esercizi similari) gli orari sono compresi dalle ore 11 alle ore 1.30. Per le altre zone della città l’orario va dalle ore 11 aller ore 02.00”.
Per il periodo invernale (compreso tra il 16 settembre e il 31 maggio) in zona centro storico: dalle ore 12.00 alle ore 24 (tranne il sabato e i giorni delle festività ricorrenti, in cui la chiusura potrà essere protatta fino alle ore 1.00).

Questi limiti vengono rispettati per la somministrazione al pubblico di alimenti e bevande?

“Chiediamo un celere intervento degli organi preposti, affinchè si eviti la violazione di quanto indicato nelle citate ordinanze. Il tutto per il rispetto di una pacifica convivenza e di tutti quei diritti costituzionalmente garantiti ai cittadini”.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA

Manfredonia, residenti Centro “Musica ad alto volume dai locali, dormire è impossibile” ultima modifica: 2017-05-26T20:27:22+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
31

Commenti


  • Manfredolandia

    Non si capisce più niente e come se manfredonia appartenesse davvero ad una repubblica sudamericana dei primi del novecento, nessuno controlla il traffico e le infrazioni, nessuno controlla i comportamenti incivili e inappropriati nessuno controllo un cacchio di niente ognufa fa quello che gli pare!


  • stufo

    Ma solo noi ci lamentiamo sempre…nel salento…in romagna…iniziano dal pom…addirittura nei lidi…e noi sempre a lamentarci…


  • Franco

    vige l’impunità assoluta e anche per questo i nostri amministratori dovrebbero andare a casa


  • Mirco

    questi tipi di locali che danno sfogo alla movida ,danno anche lavoro……………..
    ,in primis, i gestori stessi e al mattino seguente: ai FALEGNAMI per far sistemare i portoni,agli ELETTRICISTI per far riparare i citofoni e infine i CARROZZIERI che devono riparare le auto dagli eventuali atti vandalici commessi


  • Il dottore

    Forniscono anche lavoro per i medici pschiatrici e alle ditte farmaceutiche che producono tranquillanti a causa dei disturbi del sonno.


  • Agguerrito

    Basterebbe solo applicare la legge. Ma applicarla è così difficile….. perché “siamo tutti amici”.


  • Donato

    MOVIDA dal latino MO VI DA a cost a com stè imbriec


  • mik

    hanno rotto i —


  • Debora

    Siete ridicoli!!!! La nostra città sta morendo a causa di gente anziana e bigotta come voi. Vi siete mai chiesti come mai altre città turistiche di mare sono molto più sviluppate di noi? Posso capire che avete un lavoro e una vita, ma non credo non eravate a conoscenza che stavate acquistando casa in un centro storico o sopra un locale. Volete tranquillità e silenzio? Andate a vivere in montagna , per esempio a Monte Sant’Angelo , altro paesino ormai costituito dalla maggior parte da anziani. Siamo sulla stessa strada! #sorridiseiamanfredonia


  • Cittadino attento

    Per gli stessi motivi avete già fatto morire siponto, parlo dei residenti del loco, ora anche il centro storico, poi ci lamentiamo tutti per la mancanza di turisti e conseguenziale perdita di lavoro, che già manca. Vi ricordate il Lido del sole vent’anni fa si ballava per tutta la giornata fino a notte fonda ora solo locali per cibi e bevande e con la musica tagliata alle 24. Vi ricordo che il Salento è Puglia come noi e vive di questo, la Riviera romagnola oltre che d’estate all’aperto e sulle spiagge anche d’inverno nei locali al chiuso ai piani bassi dei palazzi. Siamo, come Puglia, la meta più ambita dei turisti, e in quanto Manfredonia praticamente i primi della Puglia, parlando da nord a sud, quindi sarebbe cosa buona un Po di comprensione almeno in questi periodi di maggior affluenza.


  • indignata

    vorrei solo rispondere alla gente che pensa che questo sia turismo:ebbene non lo è,ci sono tanti altri modi per attirarlo.Per quanto riguarda l’acquisto delle case la maggior parte l’ha acquistata in tempi in cui la movida non esisteva e poi se certe attività hanno intenzione di ricreare vere e proprie discoteche devono cercare delle location diverse .Queste attività si svolgono anche in pieno inverno quando non c’è turismo.Cerchiamo di risolvere o di parlare di certi problemi avendo un certa cognizione di ciò che stiamo dicendo.


  • Saverio

    non e’ questione di turismo….si fa’ baldoria tutti i giorni ancor prima dell’estate…e i frequentatori di questi locali sono tutti ragazzi del posto e non turisti…..e mi dite cosa fanno anche di lunedì fino alle 3:00 del mattino se non per ubriacarsi ed altro.


  • Manfredonia ... che casino di notte

    Con quattro locali in centro vogliono attirare i turisti… a fare cosa? A bere soltanto?
    ma siate seri … mi faccio una domanda: chi vuole la musica fino a notte fonda, ha un locale sotto casa propria prima di parlare?


  • CARMELA

    ma che parliamo affare….
    Perché le Autorità vi passano davanti con i paraocchi, mentre alle 3,00 o alle 4,00 del mattino v’è gente “alterata” da chissà cosa che schiamazza senza freni? I gestori, poi, si guardano bene dal richiamare i loro clienti all’ordine! Qualcosa non quadra, è sotto gli occhi di tutti, ma nessuno – e dico nessuno – si sogna d’intervenire….
    Ma cos’hanno da vendere di notte, mi chiedo, anche in inverno?“


  • antonio

    Ma perche’ non andate a fare casino sotto la casa del …..fino alle 4:00 del mattino….,penso che ne sia felice..


  • Maria

    io abito al piano terra del centro storico ed ho risolto il problema ….metto anch’io i tavolini fuori con le sedie e l’ombrellone …e servo il NOCINO che fà mia nonna …


  • Antonio

    bere la sera fino alle tre e ubriacarsi, ballare e fare casino non è turismo ma è diventare zombi. tutti sono stati giovani e sanno che per divertirsi basta un po di sana compagnia e posti per incontrarsi senza necessariamente drogarsi e ubriacarsi. Poi se uno proprio vuole ballare va in discoteca. Un avviso ai genitori degli zombi : fate i test ai vostri figli prima di lamentarvi e ne avrete di sorprese.
    e poi dopo la chiusura dei locali tutti a far casino sotto la casa degli amministratori comunali…………………………………


  • Valerio

    Scusate, ma perché i cittadini che abitano nei pressi di questi locali non sporgono denuncia per “danno biologico” ? Verrebbe disposta una misurazione acustica, individuati i responsabili e puniti penalmente. Ed è giusto, perché se non puoi dormire la notte è un po’ come essere torturati. Molti giovani ancora non lo sanno e non è colpa loro. Ma quando anche loro dovranno alzarsi per forza all’alba per lavoro, allora capiranno.
    Abbiamo comunque due questioni: il diritto dei giovani ad avere spazi di aggregazione e la responsabilità civile e penale degli esercenti che, senza girarci in torno, con i fiumi di alcool venduti fuori orario e senza controlli sull’età si arricchiscono. Verso questi ultimi, non esitate a denunciare.
    È l’unica maniera.
    Per Debora: c’è gente che vive da quando è nata in centro. E dovrebbe andarsene perché qualcuno vuole far baldoria tutta la notte? Affittatevi un capannone a macchia e apriteci un locale. Li potete fare musica fino all’alba senza dare fastidio a nessuno.
    Non è una presa in giro, credimi! In molte città si è iniziato a fare così e il comune ha addirittura messo un autobus notturno dal centro verso questi luoghi di aggregazione. Risolvendo a molti giovani anche il problema del ritiro della patente.


  • Antonella

    I GESTORI dei locali mettono musica a palla sopratutto il sabato perchè hanno capito che quasi tutte le AUTORITA’ sono PIU’ impegnate del solito ,per cui il loro intervento lo si può sperare intorno alle 3:00….ma questo l’abbiamo capito pure noi residenti.
    Purtroppo la musica alta alle 3:00 del mattino…grida…rumore di bottiglie spaccate, cappe di fumo di sigarette che non puoi aprire le vetrine altrimenti la puzza ti entra in casa, sono considerate emergenze di minore entità…ma sopportare tutto questo per un paio d’anni senza che nessuno punisca i recidivi con la sospensione dell’attività ed eventuale ritiro della licenza come previsto dalla legge,ti portano a credere che paghi solo le tasse ma sei solo!!!


  • cittadino

    Fenomeno di cui da parecchio di fa presente su queste pagine…. ANARCHIA…. quella che non rispetta i diritti degli altri…. e le stelle stanno a guardare……la illegittimità dei comportamenti che violano la legge e le ordinanze spcifiche.


  • agguerrito

    Stanotte stessa storia… innumerevoli le chiamate al 112 ed al 113 (come confermato da loro stessi al telefono) ma nessun provvedimento preso.
    Ordinanza farlocca…. ognuno fa ciò che vuole…..
    Amministrazione comunale incapace di porre fine a questo sopruso.
    E a chi mi parla della riviera romagnola, mi fa capire che non l’ha mai frequentata.
    Lì dopo le 00.00 o spegni e ti trasferisci sulle colline dove è pieno di discoteche oppure intervengono i vigili urbani e ti fanno il c…o a ” tarallo”.
    Debora… un pò di EDUCAZIONE CIVICA non ti farebbe male… ma dubito che tu possa mai leggere un libro così impegnativo.


  • il paese dei balocchi

    Non succede solo in centro adesso pure sugli scogli dell’acqua di cristo con la scusa di un lido balneare con ombrelloni e sedie a sdraio hano aperto un altro bar pub- discoteca che spara musica a tutto volume a tutte le ore. Complimenti a chi rilascia le autorizzazioni, non solo si occupa la già esigua scogliera pubblica ma si reca anche disturbo alla quiete, con musica oltre le 24 , oltretutto a limiti di decibel superiori a quelli consentiti dalla zonizzazione acustica comunale.


  • Marchese

    Ospedale San Camillo.
    Divieto di schiamazzi.
    Diurni e notturni.
    Il nobile Marchese del Grillo interpetrato
    Dal grande Alberto Sordi.
    Quando andava a dormire si fermavano tutti.
    Il Marchese era il Marchese. Voi giovani
    Manfredoniani non siete un cazzo.
    È questione di educazione e rispetto.
    Le feste di compleanno un tempo si facevano sui terrazzi. O in villa di amici e parenti in campagna.
    La Romagna conta un distretto di 10 mila aziende limitrofe.
    Si lavora fino al venerdì. Il sabato discoteca.
    Domenica allo stadio o in spiaggia.
    Manfredonia. Zero lavoro. Zero tutto.


  • ezio

    A chi fa bene la musica a forte volume? La gente per bene scappa via, e ci rimane la fezza dei turisti, che bell’affare.


  • angelica

    Manbredonia e diventata la cittá drlle poco di buono e i mazzangann ke nn hanno ne arte e ne parte jet a fé isurezjea i ches vostr 😋


  • angelica

    Manfredonia é diventato il paese delle ragazze poco di buono e dei ragazzi mazzangann ke nn hanno un giorno di lavoro jet a fé i surezje a i ches vostr 😂


  • Obiettivo

    Complimenti vivissimi a Deborah, la tua analisi non fa una piega: semplicistica e rispettosa dell’altro, questo rispecchia fedelmente la mentalità dei giovani a Manfredonia, complimenti davvero.
    Per quanto riguarda i locali notturni nel centro storico, spero vivamente che le Autorità competenti possano n maniera seria prendere provvedimenti: non è molto lontano il ricordo di una serie di interventi in un noto lido balneare a Siponto dove le scorse estati vi è stata una concentrazione di interventi (assolutamente giustificati) al fine di reprimere presunte condotte illecite identiche a quelle evidenziate dai cittadini del centro storico….

    Francamente non capisco perchè tanto zelo a Siponto e poca attenzione nel centro storico. Mah!!!


  • Bulls

    a manfredonia devi farti la famiglia anche se non lavori e farti la classica passeggiata per il viale o corso …un paese monotono pesante!i giovanio e turiasti devono andare a Vieste(sul gargano)


  • pippo

    Solita aria fritta trita e ritraita, a Manfredonia il turismo non esiste, è solo propaganda per aprire le porte al prossimo Re di Manfredonia, che tutti sapete essere chi. Quale turismo? quale lavoro? due baracchelle d’estate dovrebbero risolvere la disoccupazione a Manfredonia? siete ridicoli, le baggianate che date a bere sono ridicole IL paese è abbandonato a se stesso, nessun tipo di controllo tuti fanno quello che gli passa per la testa e di solito in questo contesti vincono i più bulli e malavitosi. Qualcuno tenda stupidamente con video che riprendono l’ignavo cittadino a buttare la differenziata per strada, cercando di distogliere l’attenzione dal vero problema siamo al fallimento taotale e questi signori lo sanno.


  • Antonello

    “Nel periodo estivo (compreso tra il 1° giugno e il 15 settembre) in Zona Centro Storico (da Piazza Marconi a Viale dell’Arcangelo) per gli esercizi di ristorazione (ristoranti, trattorie, tavole calde, pizzerie, birrerie ed esercizi similari) gli orari sono compresi dalle ore 11 alle ore 1.30. Per le altre zone della città l’orario va dalle ore 11 aller ore 02.00”…”
    Quindi chi abita fuori dal centro storico, non ha diritto di riposare. Chi abita lungo il viale, per esempio, se non riposa son cazzi suoi?
    Ma, mi chiedo, perchè tutti questi locali estivi, che ben vengano ma nel rispetto anche di chi è obbligato a riposare, non vengono autorizzati nella zona sud di Siponto? Si valorizzerebbe quella zona e non darebbe fastidio ai cittadini che lavorano 12 mesi all’anno.
    Faccio un piccolo esempio per capirci meglio.
    Io sono chirurgo in sala operatoria, domani devo fare un delicato intervento ma non avendo riposato per il troppo chiasso, arrivo in sala stanco e non concentrato e durante l’intervento sbaglio un’incisione e il paziente mi muore in sala operatoria. Si viene poi a sapere che il paziente, è parente di uno dei sostenitori del bordello fino all’alba, perchè Manfredonia deve avere turismo (no, fiumi di coca, altro che turismo), come la mettiamo? Chi è il colpevole in questo ipotetico caso?
    Buon lavoro a tutti e buona estate.


  • Antonello

    P.S.
    …e buona movida a tutti ma nel rispetto anche dell’altro che della tua movida non frega nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi