Manfredonia
Dopo l'aggressione la donna avrebbe cercato di rifugiarsi in una vicina attività commerciale

Manfredonia, litiga con la moglie e le rompe bottiglia in testa

Alla base del dissidio una presunta separazione in atto tra i due coniugi. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri di Manfredonia


Di:

Manfredonia – UNA donna è stata aggredita stamani dal marito in via Pulsano a Manfredonia. Da raccolta dati, a causa di un litigio, l’uomo avrebbe colpito la moglie, di circa 75 anni, con una bottiglia di vetro. La signora avrebbe da qui riportato un trauma cranico e delle lesioni in volto. Dopo l’aggressione la donna avrebbe cercato di rifugiarsi in una vicina attività commerciale dove i proprietari – spaventati dalle condizioni della donna – hanno subito chiesto l’intervento dei sanitari del 118 di Manfredonia.

Alla base del dissidio una presunta separazione in atto tra i due coniugi. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri di Manfredonia ma non sarebbe stata elevata alcuna denuncia da parte dei privati.

(A cura di Claudio Castriotta – Redazione Stato)

Manfredonia, litiga con la moglie e le rompe bottiglia in testa ultima modifica: 2015-06-26T16:09:38+00:00 da Claudio Castriotta



Vota questo articolo:
8

Commenti


  • peppe

    Mamma mia e che ci sta…..


  • Giudizio umano

    Che atto d’inferno


  • AZ

    cacchio a 75 anni pensate al divorzio…

  • Mi dispiace tanto per la signora,spero che tutto si risolva nel migliore dei modi


  • penelope

    io li spaccherei la testa a lui


  • perchè?

    una volta ho chiesto al mio fidanzato “ma tu mi daresti mai uno schiaffo??”. è una domanda stupida,lo so,ma questo argomento mi tocca particolarmente;leggiamo continuamente articoli a riguardo e non faccio altro che domandarmi perchè certe donne subiscano passivamente. Perchè? credete che poi non accadrà più? pensate che l’indole violenta sparisca improvvisamente? e poi mi chiedo:cosa scatta nella mente di un uomo quando maltratta una donna? Non avremo mai risposta.


  • Mastrolindo

    Povera donna! Di fronte ad un aggressione del genere non ci sono limiti di eta` per far valere la propria dignita`. La vita non ha prezzo ed e` giusto che ella si rivolga all`autorita` nelle sedi ritenute opportune per il riconoscimrnto delle proprie ragioni.


  • mariella

    mi dispiace x la signora speriamo sia fuori pericolo …x il marito invece nn trovo parole x definirlo a quest età poi , spero tu possa trovare il coraggio di chiedere scusa e di riflettere sulla gravità del gesto compiuto . La donna nn è proprietà privata e come tale deve va rispettata sempre e comunque …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi