Manfredonia
In seguito ad una passata informativa della Guardia di Finanza Compagnia di Manfredonia

Presunto danno erariale, Regione parte civile processo ex gestione casa di cura

Nell'ambito della revoca dell’autorizzazione


Di:

Bari/Foggia/Manfredonia – CON recente delibera, la Giunta regionale pugliese ha autorizzato la costituzione di parte civile della Regione Puglia nel procedimento penale, pendente dinnanzi alla Sez. monocratica del Tribunale di Foggia, riguardante due ex legali rappresentanti della società che gestiva la Casa di cura privata San Michele di Manfredonia. Con il citato atto, conferita la procura speciale e la difesa tecnica all’avv.Antonella Loffredo “al fine di chiedere il risarcimento del danno nei confronti” degli imputati.

Come scritto nell’atto della Giunta regionale del 18 giugno 2015, “la Corte dei Conti, con nota del 21 maggio 2015, avuto notitia damni dalla Guardia di Finanza di Manfredonia, ha sollecitato la costituzione di parte civile” nel citato procedimento penale. Di conseguenza il Servizio Programmazione Assistenza Ospedaliera e Specialistica e Accreditamento con nota del 22.05.2015 indirizzata al Presidente e al Coordinatore dell’Avvocatura ha chiesto di procedere alla costituzione di parte civile della Regione Puglia.

Da raccolta dati, si fa riferimento al processo fissato per il 9 luglio 2015, presso il Tribunale di Foggia, inerente una passata informativa della Guardia di Finanza Compagnia di Manfredonia, previo nulla osta della Procura di Foggia, alla Corte dei Conti della sezione Giurisdizionale di Bari per presunti danni erariali per “un importo stimato di 18.748.286,00 euro“. Come anticipato, la citata informativa rappresentò il risultato delle indagini dei finanzieri di Manfredonia, inerente la revoca dell’autorizzazione all’esercizio dell’attività sanitaria in regime di ricovero per acuti della citata clinica privata per le branche di oncologia, gastroenterologia, pneumologia. (vedasi D.G.R. N. 1415 del 15 giugno 2010). Come detto, 2 gli imputati – ex gestione della casa di cura – nel procedimento penale pendente dinanzi alla Sezione monocratica del Tribunale di Foggia; 8 invece i soggetti ai quali sarebbe stato contestato il presunto danno erariale da parte della Corte dei Conti.

Si ricorda come la citata indagine di pg delle Fiamme Gialle avrebbe originato al tempo una ventina di deferimenti. Inoltre, in data 15.04.2011, con apposita annotazione di P.G., i finanzieri di Manfredonia avevano formulato, alla Procura della Repubblica, proposta di sequestro preventivo funzionale alla confisca “per equivalente” per un importo complessivo di 18.748.286,00 euro.

L’attuale Commissario straordinario dell’Asl Foggia, dr. Vito Piazzolla, avrebbe dato mandato legale per la costituzione di parte civile dell’azienda sanitaria nel citato procedimento penale. “Al momento non è possibile esprimere alcuna considerazione sul procedimento in attesa di conoscere le decisioni della Magistratura competente”. L’attuale presidente della Daunia Medica Spa, che gestisce la Casa di cura San Michele di Manfredonia, dr. Potito Salatto, ha riferito a Statoquotidiano di “non conoscere le motivazioni alla base della contestazioni” riferite comunque alla precedente gestione della clinica “anni 2004-2010”.

Richiesta all’Asl Foggia per recupero ulteriori 6 milioni circa. Da ricordare inoltre che “la sezione giurisdizionale della Corte dei Conti di Bari ha inviato una richiesta all’Asl Foggia per il recupero di ulteriori 6 milioni di euro circa, correlato a presunte indebite erogazioni versate alla Daunia Medica – Casa di cura San Michele, relative agli anni 2008/2009. Sarebbe stata chiesta un’azione di recupero nei confronti della società, fatta parzialmente. Tutte le sedi giurisdizionali di competenza, alle quali la società si è finora rivolta, hanno dato ragione all’azienda sanitaria locale”. Così si era espresso a Stato il già direttore generale dell’Asl/Fg Attilio Manfrini relativamente ad una passata “contestazione della Compagnia della Guardia di Finanza di Manfredonia all’ASL Foggia per alcuni milioni di Euro riguardante spettanze elargite alla citata Casa di Cura”.

Redazione Stato, ddf@riproduzioneriservata

Presunto danno erariale, Regione parte civile processo ex gestione casa di cura ultima modifica: 2015-06-26T11:20:09+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
3

Commenti

  • era atto dovuto per difendere i cittadini pugliesi dai soliti furbetti del quartierino


  • Maestro

    In questa storia la ..è talmente tanta da far invidia alla vicenda di Roma Capitale


  • sempre piu disgustata!!

    ha ragione il sign(maestro) in questa casa di cura? e in quella casa di riposo a manfredonia che ora si sono fermati gli articoli????????????? azzzzzzzzzzzz nu sapit nient……( la cosidetta ASP. SMAR) EX Anna Rizzi….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi