CronacaManfredonia

Savino Romagnuolo “E’ un crimine ridurre i soldi per un malato gravissimo”

Di:

Bari. ”Pochi giorni fà la Regione Puglia ha deliberato l’aumento per i dirigenti Asl ( più 40 mila euro a dirigente Generale Sanitario e Amministrativo di ogni Asl) non sarà così per i malati Sla e per tutti i malati gravi che ormai è sempre più certo vedranno ridursi l’assegno di cura, ( le opzioni sono tre 800-900 opzione preferita dalla Regione e 1000EUR in base al numero degli aventi diritto) tutte appunto inferiori ai 1100EUR mensili garantiti fin’ora.

Questo è quanto emerge dall’ultimo dal Tavolo Tecnico della Regione Puglia dove ha presentato il nuovo assegno di cura alle associazioni di malati.

Nel dettaglio, in merito al tavolo Regionale per le disabilità “Quarta riunione operativa” Bari, 21 giugno 2017.

La pubblicazione del nuovo assegno di cura, (secondo quanto annunciato dalla Direzione Welfare della Regione Puglia) dovrebbe avvenire il 1^ luglio, mentre la presentazione delle domande andrebbe dal 15 luglio al15 settembre, praticamente nel pieno del periodo estivo, (non c’è periodo peggiore) e questo determinerà una maggiore difficoltà nell’organizzazione della documentazione necessaria. In sostanza un malato grave che fin ora percepiva 1100EUR al mese subirebbe non solo la riduzione dell’assegno , ma anche la perdita di due ( forse anche quattro mesi ), completamente la Regione Puglia prevede un taglio di 4600EUR per ogni malato sla e gravissimo, ovvero meno 35% in un anno.

Sono state inutili le proposte presentate dalle associazioni nei mesi scorsi, perché non prese in esame dalla Regione. Siamo contrari su tutto perché ANCHE QUESTA VOLTA GLI ERRORI DELLA
REGIONE PUGLIA PESANO SULLA PELLE DEI MALATI . Eppure l’attuale presidente Michele Emiliano nel 2015 in piena campagna elettorale dichiarava questo.
Link Video https://www.youtube.com/watch?v=CHoWKDIXVrA

Purtroppo la Regione ci ha contattato provando a negare tutto questo ( prevedibile ).

Eppure in questi mesi tutte le associazioni hanno avanzato proposte serie di chi vive la malattia avevamo chiesto alla Regione Puglia:
1) di aumentare la quota di compartecipazione nella misura del 60%;
2) Non tenere in considerazione l’Isee, ma l’autocertificazione
3) garantire la continuità della corresponsione dell’Assegno di cura, o meglio evitare buchi che gravano solo sul malato grave
4) Non disporre di un intervento economico al di sotto di EUR 1100; si perché E’ Un CRIMINE RIDURRE I SOLDI PER UN MALATO GRAVISSIMO

Purtroppo al Tavolo in Regione Puglia abbiamo trovato tutt’altro, sfumature a parte dobbiamo essere concreti , un malato grave secondo quanto presentato dalla Regione rischia di perdere da 2 a 4 mensilità oltre alla riduzione della quota ( loro propongono 900EUR quindi 200EUR in meno) , questo è scritto in documenti con il logo della Regione, quindi è nostro dovere intervenire e non stare zitti. Un malato gravissimo ha bisogno di assistenza h24, l’asl non fornisce personale per tutte le ore del giorno , una badante costa 1200EUR al mese.

La chiave risiede nelle sentenze di Tar Bari e Lecce che hanno condannato la Regione Puglia di fatto allargando la platea dei beneficiari, purtroppo però la Regione non intende allargare il fondo, quindi di fatto si riduce la quota per ogni malato.

Tutto questo per il Governatore Emiliano non è un dramma ( in allegato le immagini degli sms).

Come Associazione ma anzitutto come malati non interessa quanti siamo, 2000-3000-4000 ci interessa che una buona volta Emiliano il Sindaco di Puglia faccia il nostro bene , noi malati vogliamo vivere quindi aiutateci, ci ha incontrato in campagna elettorale, ci incontri ora, o ci vedrà scendere in Piazza, capirà subito che il tempo dei malati non è quello della politica.

————————-
VIVA LA VITA ONLUS ITALIA
C.F. 92044970710
PRESIDENZA:
Gigliotti Giacomo
Romagnuolo Savino Ivano

BANCA UNICREDIT DI BRESCIA
ABI 02008 – CAB 11220 – CIN S – Conto Corrente Bancario N° 000103178214
IBAN IT 63 S 02008 11220 000103178214

ATTENZIONE

Per privacy le banche non sempre ci forniscono i dati del donatore.
Essendo desiderio di VIVALAVITA ITALIA Onlus ringraziare tutti i
sostenitori invitiamo tutti coloro che effettuano una donazione tramite
bonifico bancario ad inviare i loro dati alla nostra Segreteria
(info@vivalavitaitalia.org)

fotogallery

Savino Romagnuolo “E’ un crimine ridurre i soldi per un malato gravissimo” ultima modifica: 2017-06-26T12:32:34+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi