Editoriali
Il prossimo 10 agosto, ad Amburgo, si svolgerà la prima udienza sul caso e il clima è rovente

Caso Marò, L’Italia ha porto l’altra guancia. “Solo l’India può processarli”

"Davanti all’Itlos - ha spiegato Narsimha - sottolineeremo che solo l’India ha la giurisdizione per processare i reati commessi nel Paese e che il Tribunale non può interferire in questo"


Di:

Foggia, domenica 26 luglio 2015 – Nuova Delhi si opporrà al ricorso all’arbitrato internazionale presentato dal nostro Paese: “Il tribunale di Amburgo non ha la giurisdizione di perseguire i crimini”. Era nell’aria, come da lo è da anni che il Governo italiano non riesce a risolvere un’incidente diplomatico che ha tutta l’aria del ricatto economico-politico. Secondo alcune indiscrezioni governative il tribunale di Amburgo non ha, e non avrebbe, la giurisdizione di perseguire i crimini cui i due Fucilieri di Marina sono incriminati dalle leggi di Nuova Delhi. La decisione pare confermata, anche perché il governo indiano si opporrà al ricorso all’arbitrato internazionale che l’Italia ha presentato in sede al Tribunale Internazionale del Diritto del Mare con sede ad Amburgo.

Il prossimo 10 agosto, ad Amburgo, si svolgerà la prima udienza sul caso e il clima è rovente: si teme un durissimo scontro tra India e Italia, con le ripercussione economiche-finanziarie-commerciali-politiche del caso. L’Italia, tuttavia, pare che abbia porto l’altra guancia poiché non ha messo in campo tutti gli strumenti per opporsi al “sacrificio” istituzionale di due nostri connazionali. Lo si intende dai fievoli ricorsi fatti in sede internazionale che tendono a dar ragione all’India. In un’intervista al Procuratore Aggiunto Generale P.S Narsimha, rilasciata al quotidiano “The Hindu” , si legge che verrà contestata la stessa giurisdizione del tribunale: «Solo l’India ha la giurisdizione di perseguire crimini avvenuti nel Paese. Davanti all’Itlos – ha spiegato Narsimha – sottolineeremo che solo l’India ha la giurisdizione per processare i reati commessi nel Paese e che il Tribunale non può interferire in questo. L’India – ha concluso il magistrato Narsimha – si presenterà nell’udienza dell’Itlos che può solo prendere in considerazione misure provvisorie per una questione che riguarda la giurisdizione sul caso e che è in attesa di
essere esaminata dalla Corte permanente di arbitrato (Cpa) dell’Aja in base alla sezione 7 della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (Unclos)».

Ciononostante l’India ha già fatto sapere si opporrà alle richieste di “adozione di misure cautelari” presentate dall’Italia.

Ad Maiora!

(A cura di Nico Baratta)

Caso Marò, L’Italia ha porto l’altra guancia. “Solo l’India può processarli” ultima modifica: 2015-07-26T20:00:30+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • pensionato

    Perche’non prendiamo tutti gli indiani che sono in italia e’li mandiamo inindia,possibile che l’italia si deve fare prendere in giro da questi incivili,questi incivili lo possono fare perche’sanno che in italia i nostri parlamentari sanno solo fare bla bla bla,prendiamo monti e’mandiamollo in india ha riparare il danno che ha fatto.


  • Luigi

    Ma e’ possibile che in Italia non abbiamo piu’ nemmeno una diplomazia militare?.
    E’possibile che dobbiamo lasciare il futuro di due nostri militari in mano a certa gente che sino a venti anni fa’ non conoscevano cos’era un fucile?.
    Se l’incidente fortuito e’ successo in ACQUE INTERNAZIONALI perché devono essere condannati in India?.
    Se e’ vero che la missione dei due Maro’ era quella di combattere ed evitare atti illeciti dei corsari di mare, l’Europa dove sta’ e perché non s’impegni a difendere i due militari?.
    E’ ora di finirla con queste missioni di Pace, cerchiamo di difendere le nostre locali, che di problemi ce ne sono gia’ troppi.


  • colletta rino

    Ma è possibile che in Italia manchi un team politico /istituzionale
    capace di tener testa a quello indiano ?
    Poi l “ONU esiste o non esiste ?
    O dobbiamo perdere ogni speranza ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This