ManfredoniaMonte S. Angelo
"Era giovanissimo, però già capace di insegnarci a non dimenticare chi siamo e da dove veniamo"

Emiliano: ‘Antonio Facenna ci ha insegnato a non dimenticare le nostre radici’

"I suoi genitori e i suoi fratelli sono per me una sorta di permanente monito a non perdere le nostre radici e la nostra identità"


Di:

Monte Sant’Angelo – ”ANTONIO Facenna era giovanissimo, però già capace di insegnarci a non dimenticare chi siamo e da dove veniamo. In questo momento mi trovo a Monte Sant’Angelo, in piazza De Galganis, alla prima edizione del Premio “Antonio Facenna”, dove insieme a Legambiente FestambienteSud e Slow Food Italia stiamo premiando le migliori esperienze italiane di giovani imprese agricole. Antonio è sempre nei miei pensieri, soprattutto quando mi vengono in mente i giovani della Puglia ed in particolare quando penso al Gargano. I suoi genitori e i suoi fratelli sono per me una sorta di permanente monito a non perdere le nostre radici e la nostra identità”. E’ quanto ha scritto ieri su facebook il Governatore pugliese Michele Emiliano dopo aver partecipato alla prima edizione del Premio “Antonio Facenna” a Monte Sant’Angelo, in piazza De Galganis, promosso da Legambiente e Slow Food al fine di “segnalare le migliori esperienze italiane di giovani imprese agricole”.

“Antonio Facenna era un ragazzo di 24 anni che, in controtendenza rispetto ai suoi coetanei, aveva scelto di fare l’allevatore di razze autoctone del Gargano, grazie ad un amore immenso per la sua terra, per gli animali e per la natura. L’alluvione dei primi di settembre 2014 l’ha portato via durante il tentativo di mettere in sicurezza il proprio bestiame. Antonio rappresenta i tanti i giovani che, probabilmente sotto la spinta della crisi economica e del mercato del lavoro, stanno ritornando alla terra con intelligenza e attenzione all’identità, pur in una fortissima dinamica di innovazione”, come riportato nella nota stampa di presentazione dell’evento dagli organizzatori.

Redazione Stato

Emiliano: ‘Antonio Facenna ci ha insegnato a non dimenticare le nostre radici’ ultima modifica: 2015-07-26T19:35:20+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This