Cronaca

Imu, Codacons: Governo a rischio, revocare prestito a MPS

Di:

C.Rienzi (Codacons)

Roma – SAREBBE assurdo e da irresponsabili far cadere il Governo sull’Imu, considerato che così facendo l’Imu stessa rientrerebbero dalla finestra. Inoltre i consumatori si ritroverebbero anche l’aumento dell’Iva che determinerebbe un crollo ulteriore dei consumi e, per questa via, un peggioramento del rapporto debito Pil.

Per questo il Codacons ricorda al Governo che sarebbe sufficiente un atto dovuto, ossia la revoca del decreto di erogazione di 4 miliardi al Monte dei Paschi di Siena, un aiuto di stato comunque vietato, per trovare le risorse necessarie per non far pagare agli italiani l’Imu sulla prima casa e salvare il Governo. Il presidente del Consiglio Letta ed il ministro dell’Economia Saccomanni dovrebbero commissariare MPS, portando la banca sotto il controllo dello Stato e recuperando, così, i 4 miliardi erogati. Il Governo dovrebbe anche costituirsi parte civile nella causa intentata da Mps contro Nomura e Deutsche Bank, chiedendo un maxi-risarcimento danni.

Naturalmente si possono trovare le risorse necessarie per l’abolizione dell’Imu sulla prima casa anche in svariati altri modi. Anche solo restando nel capitolo abitazioni è possibile innalzare, ad esempio, l’aliquota base Imu sulle terze case oppure combattere l’evasione fiscale di chi acquista una seconda casa e la intesta a parenti per evadere il fisco e sfruttare le agevolazioni fiscali sulla prima casa, risparmiando, in tal modo, su imposta di registro, ipotecaria e catastale. Basterebbe attribuire ai comuni il gettito di queste imposte recuperate per avere risultati insperati nella lotta all’evasione. Un controllo dei vigili, oltre che le bollette di luce e gas, sarebbe sufficiente per capire che la casa non è abitata tutto l’anno.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi