Manfredonia

Manfredonia, nuova edizione Mangiamare, contributo del Comune

Di:

Pesce azzurro Golfo di Manfredonia (statoquotidiano)

Manfredonia – CONTRIBUTO di 12.000,00 euro del Comune di Manfredonia per l’organizzazione della manifestazione Mangiamare, dopo l’istanza presentata dalla IDEAOC ADV sas di Manfredonia. La manifestazione si è svolta il 24 agosto nei locali del nuovo mercato Ittico.

Con istanza del 06/08/2013 la sas IDEAOC ADV aveva chiesto all’Amministrazione comunale la concessione di un contributo di €30.000,00 per l’organizzazione della manifestazione suddetto, svolgendo le attività previste nel progetto esecutivo.

Il Comune specifica nell’atto come “la manifestazione del ‘Mangiamare’ è diventata nel corso degli anni un importante appuntamento per la valorizzazione dei prodotti tipici del nostro mare, anche grazie al coinvolgimento dei numerosi operatori locali del settore, nonché un efficace strumento di promozione del nostro territorio in un periodo particolarmente favorevole per la numerosa presenza in zona di turisti e villeggianti”; “negli anni scorsi l’Amministrazione comunale ha sempre inteso valorizzare tale iniziativa a causa dell’importanza del settore ittico per l’intera economia cittadina, partecipando in maniera fattiva alla
sua organizzazione, anche attraverso la concessione di un contributo finanziario”; inoltre “è compito dell’Ente comunale di Manfredonia, promuovere e organizzare iniziative che valorizzino le produzioni locali e salvaguardino i livelli occupazionali”.

Da qui “per l’importanza della manifestazione de qua”, il Comune ha stabilito di “dover derogare al termine di presentazione della domanda di contributo prevista dall’apposito regolamento comunale approvato con deliberazione di C.C. n. 32 del 5/4/2004”.

Il contributo pari a 12mila del Comune è stato stabilito considerando che “il PEG provvisorio approvato con propria deliberazione n. 3 del 8/1/2013 prevede un apposito stanziamento al capitolo di spesa n. 5657, correlato al cap. 347 di entrata “partecipazione Regione Puglia manifestazione Mangiamare””; tuttavia “quest’anno la Regione Puglia non ha concesso alcun contributo finanziario, per cui l’onere per la realizzazione di tale manifestazione sarà a totale carico di questa Amministrazione”.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
34

Commenti


  • DACUMBA

    E’ IO PAGO TANTO PAGANO I POVERI CITTADINI ED I SOLDI DEL BIGLIETTO A CHI VANNO?


  • Massimo Prencipe

    Ma si è svolta…oppure si deve ancora svolgere questa manifestazione?


  • Redazione

    Come scritto il 24 agosto, si è svolta; Red.Stato


  • porto turistico senza barche

    Valorizzare il prodotto locale?
    Da dove proviene quel pesce se c è il fermo biologico?
    Sarebbe stato più saggio destinare quei soldi ai poveri


  • nu camarillo brillo

    Non si hanno notizie di pescherecci che abbiano fornito il MANGIAMARE…è lecito presumere che i “prodotti del nostro mare” siano “prodotti del nostro MARR”…intelligenti pauca…


  • ubanaiul

    Complimenti x la figura di …………… frittura fredda,poca,non di prodotto locale,vi prego la prossima volta un tantino di organizzazione in più non guasterebbe.


  • anonimo

    Un mangiamare da dimenticare,sovvenzionato come quelli meglio riusciti,ègiusto? Ognuno faccia il suo mestiere.Il metodo di frittura ridicolo e dir poco.


  • gino

    m— sempre loro..sindacooo


  • Redazione

    Non scherziamo per favore: clientelismo nel settore? Non scherziamo per favore; moderazione; grazie, Red.Stato


  • lisa

    — Sindaco, questa é l’estate dalla neonata Ridal, adesso la notte azzurra e per finire l’ appalto delle scuole materne di Manfredonia…poveri—-


  • lisa

    Metodo di frittura ridicolo!!!per fortuna che é un’azienda di ristorazione!!!
    Neanche le sagre potete fare..—-


  • io

    red ma non pensi ke stu gino e un po —-,parla sempre lui,cercalo di eliminarlo nei commenti perche dice un sacco di —.buonasera red


  • massi

    Valorizziamo i prodotti locali….Marr piattaforma di prodotti per la ristorazione(prodotti pescati nell’oceano indiano e congelato) servito ai Manfredoniani…per il sindaco “un successo ” e lui —- (non pubblicabile.ndr)
    Ottima serata.


  • Niki

    Da turista penso di trovare un po’ di pesce fresco ma mi sono accorto che il vero pesce fresco lo mangiamo noi al nord !


  • piccolo fiore

    Bella iniziativa ma peccato per il pesce (dato non riscontrabile,ndr) e la scarsa pulizia nella preparazione! Come al solito la porta del Gargano delude perché ovviamente l’organizzazione é sempre la stessa. I turisti scappano! (diritto di critica,ndr)


  • Il milanese

    Sono di Manfredonia ma da anni vivo a Milano, ho partecipato sia all’edizione vivi il mare dell’anno scorso e al mangia mare di quest’anno… L’anno scorso ho gustato la vera frittura di paranza quest’anno di che cos’era? Si può definire frittura di paranza quella presentata quest’anno? Non penso proprio…


  • nik

    hanno avuto il contributo e il permesso dal <comune (domanda) (c’è stata?,ndr) autorizzazione sanitaria.—


  • antonio

    soldi regalati (diritto di critica,ndr) sempre ai soliti e i cittadini muoiono di fame da 30 anni, amministrazioni vergognatevi


  • piccolo fiore

    Per anonimo.: ridal azienda di ristorazione collettiva e catering.Si credono di mestiere ma (soggettivamente, secondo l’autore del post,ndr) non ne capiscono nulla. Purtroppo—- (non pubblicabile,ndr) Immaginate (ipoteticamente,ndr) faranno ristorazione scolastica a Manfredonia.

    —- (denigratorio,ndr)


  • grillo

    Ke pazzi organizzano il mangia mare quando e in atto il fermo biologico….. da ke parte del mondo proveniva —


  • piccolo fiore

    Le cozze dall’ alto adriatico,il resto dall’—


  • anonimo

    Perchè cancellate la provenienza del pesce fritto al mangiamare di quest’anno? Sappiamo per certo che sono di provenienza (DOVETE INVIARCI DOCUMENTI PER ATTESTARE QUELLO CHE DITE, COME PRASSI SUL NOSTRO GIORNALE, GRAZIE A LEI, NDR)

    ecco cosa ha degustato chi ha mangiato quella frittura.Fate fare le barche al maestro d’ascia e fate crescere il bestiame al vaccaro.Abuon intenditore poche parole.


  • anonimo

    Esistono fatture Red.


  • Redazione

    Ok, a disposizione per la visione, ciao, segreteria@statoquotidiano.it


  • ubanaiul

    Noi siamo di Manfredonia e conosciamo i prodotti del nostro mare,e possodire che non ho bisogno di certificazione per affermare con totale sicurezza che è stato servito prodotto non locale,altrimenti avremmo dovuto trovare fritture di cicale,di suri bianchi, di pesce serra,di triglialocale (inconfondibile)di gronchi di sgombri e di tutte le qualità che hanno fatto grande la sagra del pesce dello scorso anno,infatti posso asserire e non solo io ma anche tutte le persone che hanno contribuito al corredo dei documenti necessari a far uscire la barca in mare durante il fermo,che lo scorso anno avete degustato il prodotto del golfo.


  • anonima

    Per tutti coloro che sono stati impegnati per questo mangiamare:Non prendetevela voi non avete colpa sappiate e siate consapevoli però di aver fatto una magra figura.Auguri per il prossimo anno.Miglioratevi.


  • miki

    cara red…chiedi le fatture a ridal ,cosi vi rendete conto….


  • BASTA

    QUESTA E’ LA RI.DAL. CHE IN QUESTO PERIODO —-A MANFREDONIA , OLTRE AD AVER PARTECIPATO ALLA GARA DI RISTORAZIONE DEL COMUNE DI MANFREDONIA. AMMINISTRATORI APRITE GLI OKKI!!!!

    INTERROGAZIONE a risposta orale in Aula

    OGGETTO: SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

    PREMESSO CHE:

    – con provvedimento del RUP n. 273 del 10/08/2012 il servizio di Refezione scolastica – Pasti caldi a domicilio di anziani ed indigenti è stato affidato, a seguito di gara, all’ATI Ri.Dal. , alla quale è stata richiesta l’esecuzione anticipata del contratto per assicurare il regolare svolgimento dei servizi scolastici;

    – dal procedimento di verifica dei requisiti autocertificati è risultato che Ri.Dal (capogruppo – mandataria dell’ATI) non è in regola ai fini del DURC, così che il RUP (con provvedimento n. 484 del 21/12/2012, dopo ben quattro mesi dall’avvio del servizio) ha revocato l’aggiudicazione per le predette irregolarità formali e ha affidato il servizio al primo operatore economico disponibile tra quelli utilmente collocati nella graduatoria;

    CONSIDERATO CHE:

    – nel frattempo, a seguito di numerose segnalazioni e lamentele delle famiglie per la scarsa qualità dei cibi somministrati ai bambini che usufruiscono del servizio, il Dipartimento di prevenzione dell’Asl Lecce ha disposto, in data 6/12/2012, un controllo presso il centro cottura dove Ri.Dal. preparava i pasti per la refezione scolastica, allocato nell’agriturismo “Rupe delle Stelle” in Taviano;

    – il capitolato d’oneri del Comune di Racale (pagg. 7 e 8) prevede che la carne deve essere fresca e di primo taglio e provenire da animali nati, allevati e macellati in Italia, che l’impresa aggiudicataria dovrà fornire a proprio carico derrate alimentari e bevande e prodotti conformi per qualità e quantità alle tabelle dietetiche approvate dalla ASL ed allegate allo stesso capitolato e che il pasto tipo della giornata dovrà comprendere il primo piatto, il secondo piatto, il contorno, pane, acqua, frutta fresca di stagione o dessert;

    – al contrario, dalle risultanze del controllo ASL – giusta nota del Dott. De Notarpietro prot. n. 17/12/2012 – è emerso che, nella preparazione dei pasti, è stata utilizzata carne bovina proveniente dalla Polonia, dalla Germania e dall’Olanda e che l’impresa ha autonomamente deciso, in alcune giornate, di non somministrare il secondo piatto ai bambini, ritenendo il primo piatto sufficientemente completo;

    RILEVATO, dunque, che Ri.Dal. , oltre a non essere in regola ai fini del DURC, è anche stata inadempiente in merito al rispetto di menù, tabelle dietetiche, rispetto della composizione del pasto e per la fornitura di carne bovina in violazione delle caratteristiche di origine e provenienza previste dal capitolato d’appalto;

    i sottoscritti Consiglieri comunali

    INTERROGANO
    Il Sindaco

    per sapere

    come mai il RUP, nei provvedimenti assunti per la revoca dell’aggiudicazione in data 21/12/2012, non ha citato né tenuto in conto le lamentele dei genitori rispetto alla scarsa qualità del servizio né ha fatto riferimento alcuno ai controlli dell’ASL già effettuati in data 6/12/2012, decidendo di contestare alla Ri.Dal. – WINSERVICE solo e soltanto le irregolarità formali commesse dall’impresa in relazione al DURC;

    quali iniziative intenda intraprendere in merito alla vicenda, con particolare riferimento all’operato degli Assessori Ferenderes e Gaetani che curano rispettivamente i settori Pubblica Istruzione – Politiche per l’infanzia e Servizi Sociali;

    se, alla luce dei rilievi sopra esposti, l’Amministrazione non ritenga di doversi rivalere sulla Ri.Dal. – WINSERVICE attraverso la richiesta di un risarcimento danni per il disservizio causato ai bambini e per il disagio arrecato all’intera comunità di Racale, tenendo anche conto dei rischi per la salute che sarebbero potuti derivare da simili condotte.

    Racale, 14/01/2013

    I consiglieri Comunali

    Lorenzo Ria
    Rino Stefani

    RED. QUESTI SONO FATTI E NON PAROLE!!!!
    IL NOSTRO SINDACO OLTRETUTTO CONOSCE MOOOLTO BENE QUESTA SITUAZIONE…CI SONO ATTI DEPOSITATI.


  • MARY

    red. perche’ non pubblicate in prima pagina questa interrogazione a risposta orale fatta dall’ON RIA ???


  • Redazione

    Cortesemente, conserviamo la nota, se ci sarà correlazione con notizie su Manfredonia provvederemo alla pubblicazione, comunque avvenuta nei commenti; grazie a voi; Red.Stato


  • leo

    tante pecore!!!!!!! credono dei commenti falsi fatti da anonimi ma lasciate lavorare il nostro territorio inquanto tali eventi permettono solo di far lavorare gente inquesto momento di crisi e povertà….che sono i veri problemi di oggi …percui zingaroni andate a lavorare e ogni tanto fate una preghiera può darsi che vivete meglio


  • pescatore xxl

    Qui si parla di lavoro e io mi ci tuffo,lavoro in mare dall’età di 11 anni ho imparato il mestiere da mio padre e lo svolgo in maniera discreta e dignitosa,tu Leo parli di lavoro,mentre io parlo di lavoro fatto bene,per farti un esempio: se io avessi lavorato nella mia vita come avete lavorato per questo mangiamare sarei morto di fame.Sì il lavoro ma fatto bene ed ad ognuno la sua competenza.Mi scusino chi ha lavorato ma è stata colpa di chi ha organizzato,è stata l’edizione meno riuscita ditutte per non parlare del pesce.Per lavorare bene sul territorio ognuno deve fare il suo mestiere.Senza offesa.


  • santiago nadar

    Caro Leo questi commenti sono costruttivi,non si stà sindacando sul lavoro ma sul prodotto completamente differente da quello pubblicizzato e non dico altro.Per quanto riguarda l’organizzazione leggevo tante sigle gal gac,comune di Manfredonia, assessorato all’attività produttiva e un altro che adesso mi sfugge,e mi stavo chiedendo come mai tante sigle hanno prodotto questo fallimento? Io per esempio stò piangendo ai miei 12 euro spesi(male).Auguri per la prossima.


  • anonimo

    Siamo politici o pescatori?Bo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi