Manfredonia
Svoltasi ieri, 25 agosto, la prima seduta del Consiglio 'Riccardi bis'

Manfredonia, ‘Aperitivo con delitto in Consiglio’ (e l’Energas va di traverso)

Eletto Presidente del Consiglio il prof. Tonino Prencipe, vice il prof. Italo Magno di Manfredonia. Diatriba tra i due durante la seduta. Durante la discussione in Aula all'esterno di Palazzo San Domenico infuriava la protesta contro il deposito gpl dell'Energas

Di:

Manfredonia – Ha avuto luogo ieri, 25 agosto 2015, nell’aula consiliare del Comune di Manfredonia, la Riunione di insediamento del Consiglio Comunale. Al piano di sotto, in Piazza del Popolo, si allestiva contemporaneamente un sit-in sulla questione Energas.

Sono le sedici e trenta quando i carabinieri giungono sul luogo, allertati da alcuni oggetti lasciati al suolo, per accertarsi dell’assenza di qualsiasi incidente. Le autorizzazioni si sono rilevate tutte regolari. A capo della manifestazione, giovanissimi redattori e personaggi sempreverdi come Zazza (al secolo, Michele Mazzamurro). Il sit-in può cominciare, e alle diciassette e trenta, con un po’ di ritardo, ha avuto inizio anche la prima seduta di Consiglio. Fa caldo nell’aula Consiliare: consiglieri e stampa si accomodano a godere insieme delle zanzare e del sudore.

Con 6 punti all’ordine del giorno, dopo l’esame delle condizioni di eleggibilità e compatibilità del Sindaco e dei Consiglieri comunali e il giuramento del primo cittadino, si giunge al terzo punto: l’elezione del Presidente e del Vice Presidente del Consiglio Comunale, che ha visto, oltre ai Consiglieri Gianni Fiore e Cristiano Romani, il primo intervento di Italo Magno (Manfredonia Nuova), che ha evidenziato una certa mancanza di coesione tra i gruppi: dichiarando apertamente la propria intenzione di non ostacolare a prescindere le azioni future della Maggioranza ma preferendo la collaborazione, Magno ha lamentato l’assenza di un “bel gesto di democrazia” nella mancata tutela delle minoranze da parte delle figure di garanzia. Nel frattempo ha avuto luogo la votazione per il Presidente del Consiglio comunale, con tre voti contrari e un astenuto. Eletto Antonio Prencipe del PD, che si presenta con un discorso volutamente in piedi, incentrato sull’amore: per la famiglia, per le persone, in un Sud Italia “maltrattato e in fase di desertificazione demografica”.

Prencipe si è dichiarato contento di vedere tanti giovani in aula, e soprattutto tante donne, puntualizzando (gli piacerebbe fosse chiaro a causa di precedenti fraintendimenti) di non essere un “pensionato” ma un “Professore di Italiano e Storia”. L’ex assessore comunale ha sostenuto nuovamente “la propria contentezza per l’apporto femminile, considerando l’ingresso di questa parte maggioritaria della società (..) un ottimo apporto ad abbellire il Consiglio Comunale.” Mentre l’architettura della sala scricchiola per l’ apporto decorativo che le donne aggiungerebbero, il neo Presidente del Consiglio prosegue esprimendo il principio secondo il quale “l’inizio è buono se la continuazione è buona”; in seguito si rivolge direttamente a Magno puntualizzando che la maggioranza governa nel Consiglio e la democrazia funziona in questo modo “anche nelle alte sfere”.

Proseguendo nel suo intervento, sulla precedente scia del discorso, Prencipe sottolinea come accettare la carica sia stato un atto d’amore da parte del Sindaco Riccardi, che data la cospicuità dei voti ottenuti, la solidità in sede di Consiglio è certa e rinnova l’impegno nella convinzione di fare il bene della città. Dichiarando ancora una volta l’amore per Manfredonia, e la possibilità che questa stessa li punisca in caso di errore, Prencipe ha infine sostenuto il “diritto/dovere di governare”.

Ha avuto luogo a questo punto la difficile elezione in tre votazioni del Vice Presidente del Consiglio, nella persona di Italo Magno, con tredici voti favorevoli, zero contrari e dieci astenuti. Tra le grida provenienti dalla piazza (il sit-in è ancora in corso) e il brusìo dei partecipanti esterni alla Riunione, affollati nel corridoio antistante, si giunge al quarto punto con la Comunicazione del Sindaco dei componenti della Giunta comunale e il Programma di governo. Il Sindaco in persona apre il suo discorso chiarendo l’importanza di un “metodo nuovo” in relazione al rapporto tra ascolto della città e pretesa della stessa di occupare i luoghi delle amministrazioni pubbliche; a sostegno dell’affermazione, l’evento a cui il Sindaco fa riferimento è l’insulto personale (“scritte su un muro”,ndr) sulla vicenda Energas, in corso di indagine.

Con una maggioranza del 70%, Riccardi preannuncia la mancata intenzione di “urlare”, a meno di “non essere costretto”. Va dunque dritto al punto sulla questione Energas: affermando che “i comunicati stampa sono un terreno minato” e che “bisogna procedere per gradi”, riconosce un problema nella manovra di Renzi a scaricare sugli enti locali la riscossione di denaro escludendo i territori dalla fase decisionale, scarta la possibilità di una mozione, e prevede invece quella di qualche integrazione nel PRG. Si dichiara contro Energas ma non convinto “che l’azione serva”, data la forza della società napoletana. Riportando l’esempio dell’Emilia Romagna come di una “Regione che vede la concomitanza di turismo e industria eco-compatibile”, convinto della contraddizione che una città come la nostra veda sorretto il proprio Pil da pensionati, esprime il desiderio di veder tornare normale una città di cui nota l’esibizionismo, e con la quale si scusa delle tensioni elettorali. Per il futuro Riccardi si mostra fiducioso nella propria squadra, che reputa “giovane e preparata”.

Diversi interventi in risposta (il sit-in nel frattempo alzava ulteriormente i toni-vedendo una cospicua partecipazione- e un brivido si è diffuso tra gli astanti in ricordo della Rivoluzione Francese), il primo del Consigliere Romani (FI), il quale critica il programma della maggioranza riconoscendoci “una fotocopia di quello di cinque anni fa” e mostrando solidarietà al Sindaco per gli attacchi subiti. Il secondo intervento è stato quello del Consigliere Fiore (M5S), il quale dichiara una volontà ferrea di raggiungere obiettività nella valutazione delle proposte ma anche nel “formare barricate, se necessario” e, in linea con le caratteristiche del proprio partito, ne sottolinea la spontaneità e il desiderio di vedere “favorevoli e contrari piuttosto che maggioranza e minoranza”.

Con la preoccupazione a far accomodare i componenti della stampa più anziani, il Presidente ha consentito il terzo intervento. Ha preso la parola il consigliere Magno, il quale, ammonendo che “all’ammorbidimento della lotta di movimenti e istituzioni” corrisponde un “ammorbidimento di magistratura e politica”, istituisce subito il temuto paragone tra Energas ed Enichem, individuando nell’”industria di Stato” il pericolo e nel favore invece verso artigianato, industria leggera e turismo una “chance per veder risorgere la città”. Rivolgendosi attraverso il tu al Presidente, Magno lo rimbecca sul punto del “diritto-dovere di governare”, ricordandogli, in risposta, il dovere di interpretare Statuto e Regolamenti.

L’immediata replica del Presidente (“il ruolo delle istituzioni è stare al di sopra, su questo punto non ci piove”) apre la strada al quarto intervento, del Consigliere Massimiliano Ritucci (M5S), incentrato sui temi dell’apertura e del confronto, sui problemi della città, l’assistenza alle famiglie, i rifiuti, la raccolta differenziata ancora debole, l’emergenza lavoratori, da gestire “senza ulteriori procrastinazioni”.

Il quinto intervento, del Consigliere Michele La Torre (EST), punta il dito sulla mancanza di coesione interna alla maggioranza, e vede la risposta del Presidente Prencipe, che chiarisce la peculiarità dell’elezione di Sindaco e Consiglieri sulla base proprio dell’approvazione del Programma.

Nel suo intervento, il Consigliere Damiano D’Ambrosio (PD) ha espresso solidarietà al consigliere Romani per l’attacco subìto pubblicamente e ha puntato sulla necessità di gestire “le masse” attraverso il confronto, ribadito la chiarezza sulla questione Energas e fatto nota di un’apertura di credito sulla posizione delle minoranze, di cui “tenere conto”, basandosi la maggioranza, in ogni caso, sul voto popolare.

In seguito altri interventi, tra i quali quello del Consigliere Antonio Conoscitore (UDC), anch’esso basato sull’apertura all’opposizione. Dichiarando contentezza per il riscontro ottenuto dal proprio discorso in mancanza di smentite, il Sindaco ha finalmente preso la parola, rispondendo alla questione sollevata dal Consigliere La Torre nel ribadire la sovranità dello Statuto e nel relativizzare le linee programmatiche rispetto alla capacità del Consiglio di discutere quegli atti che una “vera Amministrazione” produce. Intravedendo i primi cenni di crisi (solamente) nel 2008, e le conseguenze nel 2010, Riccardi ha istituito un paragone tra l’Amministrazione e le difficoltà di un “buon padre di famiglia che assiste al taglio dei fondi di gestione”.

I cori di protesta del sit-in vengono a questo punto uditi da tutta la rappresentanza, ma il Sindaco prosegue sulla vicenda Energas, evidenziando l’impossibilità di paragonarla alla precedente e ancora “fonte di guai” vicenda Enichem, ribadendo la volontà di contrasto dell’Amministrazione pur nell’assenza di azioni “gridate” e portando l’attenzione sulle difficoltà di stilare un Bilancio di previsione, trattandosi, le sue, di “responsabilità difficili”. Conferma la propria lotta, personale e istituzionale, contro l’abusivismo imperante e la proposta degli imprenditori di Energas, ammonisce il Consiglio sulla realtà dei fatti, dichiarando che “il germe pericoloso per l’approvazione è già stato seminato, lo dico a microfoni spiegati”.

La protesta del Consigliere Magno, che ha chiesto a viva voce la parola in più occasioni, ha visto il rifiuto del Presidente Prencipe in mezzo a diverse risposte di altri Consiglieri, solo alcune autorizzate, ed è rimasta perciò inespressa. Con 17 voti favorevoli, il punto 4 ha quindi ottenuto la maggioranza.

Il Consiglio è passato rapidamente al quinto punto, la Nomina e formalizzazione dei Capigruppo consiliari, che pubblichiamo di seguito:

Capogruppo di FORZA ITALIA: Cristiano Romani; Capogruppo di INIZIATIVA DEMOCRATICA PER MANFREDONIA PER LA PUGLIA: Arturo Gelsomino; Capogruppo di IL BELLOVIENEORA-RICCARDI SINDACO: Adamo Brunetti; Capogruppo di MANFREDONIA NUOVA: Italo Magno; Capogruppo (a seguito di formalizzazione scritta da recapitare) di AREA POPOLARE: Antonio Conoscitore; Capogruppo di MOVIMENTO EST: Alfredo De Luca; Capogruppo del PARTITO DEMOCRATICO: Damiano D’Ambrosio, (Triggiani in sua assenza); il MOVIMENTO CINQUE STELLE ha formalizzato per iscritto con Gianni Fiore come Capogruppo.

Il sesto punto ha visto la votazione segreta per l’Elezione componenti Commissione Elettorale comunale, con Maria Grazia Campo Consigliere di maggioranza con nove voti, Eliana Clemente Consigliere di minoranza con 6 e Valentino Consigliere di maggioranza, anch’esso con 9 voti, per quanto riguarda gli effettivi, e invece con Gelsomino, D’Anzeris e Fiore (rispettivamente, 8, 8 e 6 voti e una scheda bianca) per quanto riguarda i consiglieri supplenti.

La fine della seduta ha visto un richiamo all’ordine da parte del Presidente, che ha tuonato “Sedetevi o non sciolgo la Riunione!”, e, di fronte alla minaccia perpetrata proprio all’ora di cena, la seduta si è sciolta immediatamente con l’ultima proclamazione del Presidente sulla prossima Riunione, da tenersi con i capigruppo per la Commissione Elettorale. Fuori dal Palazzo di San Domenico, gli ultimi manifestanti del sit-in vedono l’arrivo di coppie e famiglie con bambini animare la piazza a partire dalle otto e trenta. L’appuntamento, alla prossima Riunione.

(A cura di Antonella Attanasio – antonellattanasio84@gmail.com)

VIDEO INTEGRALE



Vota questo articolo:
50

Commenti


  • nu camarillo brillo

    Col suo intervento sull’Energas Riccardi, ha dimostrato di voler contrastare l’ insediamento dell’Ecomostro esattamente come il sottoscritto vorrebbe contrastare “CChiu pilu pi tutti”…
    Ottimo intervento di Ritucci, l’Opposizione viene ora…


  • Prencipe mi fa ridere più del sindaco !!!

    Che vuol dire “sedetevi o non sciolgo la riunione”?! Non sa Prencipe che sarebbe bastato che i consiglieri in piedi se ne fossero andati per far venir meno il numero legale ed essere costretto a sciogliere la seduta con o senza il suo assenso?!
    Questo tizio mi fa ridere, non ricorda neppure più quando era lui uno dei primi ad alzarsi per andar via al termine della seduta ancor prima che il Presidente Vitulano si fosse apprestato a sciogliere formalmente la riunione, e adesso vorrebbe pretendere di insegnare lui l’educazione agli altri?! E poi va ricordato che i Consiglieri si possono alzare ed andarsene, abbandonando la riunione, quando e come meglio credono, senza dover dar conto a Prencipe!

    DIMETTITI Prencipe non è per te fare il Presidente!


  • Prencipe Antonio ha esagerato

    E’ vero Prencipe non può minacciare di non sciogliere la seduta per costringere i Consiglieri a sedersi e continuare ad assicurare il numero legale in aula, al massimo avrebbe potuto invitare i Consiglieri in piedi a sedersi e stare tranquilli oppure ad uscire nel caso non fossero stati più interessati ai lavori dell’aula che volgevano al termine. Ma non si può proprio sentire “sedetevi o non sciolgo la seduta”.

    Ma chi è sto’ Prencipe, da dove viene dalla Russia, dalla Corea, da dove l’avete fatto venire?!?!?!


  • Pescatore

    Sono cominciati i primi abboccamenti i contentini E che dire del presidente Prencipe da trombato a presidente basta che sta attaccato alla poltrona.Dimettiti sub


  • la piazza non e' democrazia

    La Democrazia non e’ in piazza, ma qui (dove comando io).
    2 Mesi fa agli elettori si diceva tutt’altro.
    Sarebbe il caso di farlo dimettere. Brutta partenza.


  • Franco

    Finalmente una cronaca del Consiglio interessante e completa. Complimenti alla redattrice Attanasio


  • Alessio

    Prencipe il professore lo hai fatto sempre a malincuore. Te lo dice un tuo ex alunno.


  • Francesca

    Vedo che saremo costretti a leggere complimenti ai 5 stelle anche di fronte a figuracce e tirate in ballo di idee di mogli e parenti.


  • Antonio

    Io nell’articolo vedo molto una presa di posizione verso chi protestava ieri.Che possa piacere o no la motivazione per la quale un gruppo , un associazione protesta , la si deve rispettare.

    “Disapprovo ciò che dici ma difenderò fino alla morte il tuo diritto di dirlo”

    A prescindere di chi sia la citazione , il messaggio è abbastanza eloquente.

    forse per la prima volta in città questi ragazzi ci dimostreranno cosa significa voler bene alla propria terra.Sono tutti ragazzi comuni , c’è chi studia e chi lavora , e tutti insieme si impegnano per la loro città , già questo meriterebbe una certa considerazione.


  • Io sono io

    I grillini hanno mostrato subito che saranno unica opposizione. Abbiamo conosciuto Fiore in campagna elettorale, apprezzato ieri Ritucci.


  • vittoria gentile

    Le donne.. “un ottimo apporto ad abbellire il Consiglio Comunale”?? Ma l’architettura della Sala doveva crollare istantaneamente, altro che scricchiolare!!!!. I capogruppo tutti sempre maschi, anche dove si sarebbe potuto avere donne (esenti bellezza decorativa, decorassero pure quelli selezionati).
    Complimenti ad Antonella Attanasio (che non conosco) per le argute pennellate descrittive; ché la differenza tra arguzia e decorazione non è acqua: si vede e ci passa il mare!
    A tutte le consigliere, fate crollare i muri là dentro. La vostra è anche una battaglia culturale e del potere creativo dell’ autorevolezza, non come la intendono i vostri compagni, naturalmente.


  • antonella

    Il consigliere o presidente prencipe deve capire cosa sia la democrazia prima di poter pensare di” governare” come afferma lui stesso. Il sindaco manifesta l’intenzione di non voler urlare almenoche’ costretto, i cittadini urlano da tanto, da 5 anni a questa parte almeno, per tutti i problemi rimasti irrisolti
    nonostante la citta’ sia dotata di un
    amministrazione che i problemi doveva risolverli da subito, vorremmo capire se
    ha mai ascoltato le urla degli altri prima
    che egli stesso urli e che poi qualcuno si interessi di ascoltare i suoi biascichii. Se
    il primo cittadino vuole fare la voce grossa lo faccia dove c’è bisogno, a roma al mise, difronte alla tanto decantata azienda energas, se è vero che ha gli attributi lo dimostri nelle sedi competenti e per fatti seri, fare il grande nei confronti di inermi cittadini, quando si è investiti di carica pubblica è fin troppo facile, se vale qualcosa lo dimostri esulando dai giochini infantili fatti per sottomettere i lacchè di corte, e cominci a fare sul serio per scongiurare un altra invasione.


  • antonella

    Red. Cortesemente è possibile pubblicare il video integrale del consiglio comunale tenutosi ieri?


  • Francesco

    Vitulano parlava poco: consiglieri… vista l’ora tarda….si, si .. no.. si. Le sue parole erano preziose viste che costavano ai contribuenti circa 80.000 euro all’anno. Ora Prencipe parla molto e sproloquia sulla democrazia. Capisco che a lui piace molto la democrazia dell’aula consiliare senza alcun controllo dei sudditi. La democrazia che, senza il coinvolgimento fattivo dei cittadini, ha provocato negli anni tanti danni a Manfredonia. Per citarne qualcuno a cui ha contribuito lo stesso Prencipe: i comparti (diceva il nostro, nel consiglio comunale in cui si dava il cambio di destinazione d’uso al CB3, “abbiamo sbagliato a pensare una città da 80.000 abitanti; la messa in sicurezza della cava Foglia (il nostro diceva: che entro un mese la nuova concessione per evitare ulteriori problemi ai cittadini)ma di fatto regala ai gestori i costi del mancato sbancamento di 1.500.000 metri cubi di roccia in cambio di una fermata anticipata che non si è ancora vista. Bene la democrazia vorrebbe le dimissioni quando non si raggiungono i risultati promessi in campagna elettorale. Le chiacchiere di ieri sul programma dovevano essere compendiate in una unica frase del sindaco: non potendo fare miracoli,aiutatemi ad amministrare BENE questa Città. La cattiva amministrazione degli ultimi 40 anni ha provocato il fallimento del contratto di area, il mancato completamento dell’elettronica del mercato ittico(che poi provoca il nero e l’abusivismo), le opere incompiute, la tassa sui rifiuti altissima senza la differenziata (ora ci rifugiamo dietro l’ARO), lo sbrindellamento della città in 4 Km, il mancato utilizzo del porto industriale ( ma che ci costa 500.000 euro all’anno, il depuratore che continua a puzzare ed inquinare, il mercato settimanale sull’area archeologica del neolitico europeo etc. I dimostranti in piazza erano pochi, nonostante i numerosi disoccupati, inoccupati, cassa integrati, in mobilità normale ed in deroga, nullafacenti, LSU, (tutti in questo stato non per loro colpa ma vittime), pensionati etc. Serve indire un referendum per stabilire la volontà popolare. Nessuno comincia a dire che, come è successo a Bari per i Matarrese dopo la demolizione dei palazzi sul lungomare con Emiliano, quando si cambierà la destinazione di uso del terreno (22 ettari circa) matureranno qualche decina di milioni di euro di danni da pagare all’Energas da parte dei cittadini di Manfredonia.


  • SILVIO

    Professore Prencipe hai fatto ferro e fuochi per andare a fare il presidente fortunatamente nel PD ci sarà D’Ambrosio a fare il capogruppo


  • L'AZIONE SERVE !

    Il fatto che il sindaco si dichiari contrario all’Energas ma non convinto che “l’azione serva”data la forza della società napoletana denota poca volontà di lottare con tutti i mezzi possibili e una sorta di rassegnazione che conferma invece la sua reale posizione a favore dell’impianto con una contrarietà solo di facciata.
    Non ci resta che reagire come popolazione, unIta più che mai, chiedendo a gran voce il referendum popolare che è un nostro diritto e con la convinzione che invece l'”AZIONE SERVE”perché se aspettiamo che loro agiscano nei tempi ormai strettissimi,ci ritroveremo a subire le conseguenze di scelte scellerate che ricadranno su tutti noi!


  • Libero Palumbo

    capisco che per offendere la gente ci si nasconde attraverso falsi nomi o Pseudonimi, ormai e prassi consolidata oltre che una vergogna perché se qualcuno vuole fare una critica lo si deve fare a viso aperto con nome e cognome. Voglio ricordare a tutti chi è “Tonino Prencipe”: correttezza al limite di tutto. eravamo gli ultimi ad andarcene e salutare il Presidente Nicola Vitulano, essere il Presidente del Consiglio non è un contentino ma un ruolo che dato gli eletti in consiglio solo lui e un altro potevano ricoprire. L’altro è diventato assessore…….. uno sbaglio che secondo noi ha fatto il Sindaco. Voglio ricordare a tutti che Tonino viene dalla “Montagna” dove si onorano i patti e non si scende a compromessi o compravendita di persone e luoghi.


  • verita

    signori non avete digerito la sconfitta……..aspettate..altre 5 anni e vedrete cosa fanno le persone serie….


  • svolta

    Ho la vaga impressione che più di una persona all’interno del Consiglio Comunale soffra di afasia..
    Ne vedremo e sentiremo delle belle…. fino a quando durerà !!!!


  • DUX

    TUTTA UNA FARSA TUTTI CALMATI E CONTENTI DI ESSERCI DI SICURO NON DURERA’ CHE UN PAIO DI MESI QUESTA TRAGICOMMEDIA

  • dopo aver letto il commento di Palumbo libero credo che sia l’unica persona che può risolvere i problemi del pd e risolvere il problemi del bilancio di manfredonia
    ragazzi questo è un uomo di parola solo perchè viene dalla montagna .
    palumbo libero ma facci il piacere………..presto si vedrà tuo valore politico per il momento vota il bilancio 2014 e obbedisci al tuo capo gruppo .


  • Libero Palumbo chi???

    Palumbo ma nessuno ti ha ancora avvisato che presto il Prefetto in autotutela potrebbe annullare il suo decreto di nomine correggendo l’assegnazione dei seggi, togliendone uno al PD (guarda un pò proprio il tuo!) e che per rientrare dovrei pregare perchè Maria Grazia Campo vada a fare l’assessore?!?!

    Fatti informare, sono molte le cose che non sai e quelle che sai sono sbagliate, perchè NON E’ ASSOLUTAMENTE VERO CHE PRENCIPE SAREBBE STATO IL SOLO, INSIEME AD UN ALTRO, A POTER RIVESTIRE QUELL’INCARICO, considerato poi come lo ha fatto in un solo giorno e un tutto dire. Comunque ormai siete “ostaggio” di chi volevate fuori dal partito ed invece adesso vi comandano: Zingariello e D’Ambrosio.

    Persino la Varrecchia con i suoi scarsi voti e risultati, vale più di te e del tuo gruppo! Che sceneggiata patetica siete diventati.


  • Prencipe viene dalla Montagna? E meh?!?!

    Prencipe viene dalla Montagna? E meh?!?!
    CI RITORNASSE, ALLORA…

    E che vuoi dire che noi che veniamo dal mare siamo quaqquaraqua?!

    Ma perchè tu Libero Palumbo da dove viene dalla Russia? Dalla Corea? Dalla pianura Padana!
    Ma sind nu pock a cost !!! Parl pur!


  • Caffè avvelenati per Forza Italia

    Attento Romani non credere a chi ti dice facciamo un patto del nazareno per poi candidare sindaco Zingariello con un governo di larghe intese in cui ti fanno sognare di essere vicesindaco. Non è così, ti vogliono solo far stare buono…

    Romani non sarai MAI vicesindaco !!!
    Perchè Damiano ti farà un bel ……

    Eliana e Leonardo, per piacere, state vicino a Cristiano e legatelo ad un palo come Ulisse con le sirene e ditegli che quei caffè che si va a prendere sono avvelenati…

    SVEGLIATEVI, altrimenti fate la fine dell’opposizione precedente.


  • myriam

    Ieri ascoltando alcuni interventi mi chiedo come fanno i cittadini di Manfredonia ad eleggere gente che non è capace di fare un intervento serio e conciso…..alcuni hanno parlato per meno di dieci secondi dimostrando scarsa capacità, altri per niente….eppure nelle varie liste c’erano ragazzi e ragazze veramente in gamba ma che non vengono eletti perché non allineati con famiglie importanti o lobby vari…..


  • danilo

    prencipe viene dalla montagna? Ma che discorsi sono? E’ un’offesa a noi manfredoniani per caso?


  • che schifo

    permettetemi di dire la mia: non vengo né dalla Russia, né dalla Corea ma da una città poco distante da qui e messa decisamente peggio di Manfredonia.
    leggere questi commenti non è produttivo né a chi li scrive né a chi li legge; partecipare liberamente al dibattito politico, esprimendo la propria opinione sulla cosa pubblica, è dovere di ogni buon cittadino senza però cadere in vergognose offese personali!!!!da cittadina, da educatrice sono schifata dei toni usati nei commenti!!!!e sono realmente convinta che molti di questi sono dettati da pura invidia.volete realmente cambiare la vostra città???????allora proponete progetti, stimolate i vostri amministratori a studiare le proposte, infinite, che la comunità europea propone nei più svariati settori dal sociale all’ambiente….SIATE REALMENTE PRODUTTIVI!!!!!Manfredonia non ha bisogno di stupidi burattini porta borse!!!!!!e chiudo con un sincero in bocca al lupo ai consiglieri e assessori, ne avete di gatte da pelare!!!!!


  • la piazza non e' democrazia

    Libero Palumbo dIce; “L’altro è diventato assessore…….. uno sbaglio che secondo noi ha fatto il Sindaco.”
    Che significa che sta state gia in guerra dicendo “Secondo noi”
    E se state in guerra perche avete accettato la presidenza.??


  • la piazza non e' democrazia

    Per i presidenti detentori e custodi di democrazia.
    LA PIAZZA E’ DEMOCRAZIA

    Agorà (in greco antico ἀγορά, da ἀγείρω = raccogliere, radunare) è il termine con il quale nell’antica Grecia si indicava la piazza principale della polis.

    Con l’andare del tempo l’agorà divenne il centro della polis sia dal punto di vista economico e commerciale (in quanto sede del mercato) che dal punto di vista religioso, poiché vi si trovavano i luoghi di culto del fondatore della città o della divinità protettrice, oltreché politico, in quanto era il luogo della democrazia per antonomasia, dato che era sede delle assemblee dei cittadini che vi si riunivano per discutere i problemi della comunità e decidere collegialmente sulle leggi, ma era contemporaneamente il luogo del mercato e il centro economico e politico, e …………


  • Cittadino elettore

    I ragazzi che hanno organizzato la stupenda manifestazione hanno capito tutto. Voi politici che state al vertice da tanti anni in primis il Sindaco siete responsabili di non aver informato la cittadinanza man mano che l’Energas negli anni sviluppava i suoi progetti! PERCHE’ LO AVETE FATTO SOLO DOPO LE PROTESTE? DOVRESTE ESSERE I PRIMI A DIRIGERE LA PROTESTA PERCHE’ NON LO FATE? E VOI SARESTE QUELLI CHE AMANO LA CITTA’? CHI AMA SFEGATAMENTE LA CITTA’ SONO QUESTI RAGAZZI E NON VOI MI FATE SCHIFO TUTTI E TUTTE!


  • libero palumbo

    sono anni che sono iscritto a questo social è mi è stato detto, da coloro che sono esperti in questa materia, di non fare commenti in quanto ci sono poche “decine di personaggi” che fanno un certo “gioco”, ossia sparlare a tutto spiano tanto per dire il male di tutto e di tutti senza rivelare la loro identità. Ebbene vi chiedo “scusa” se sono intervenuto, questo è il mio 2° ed ultimo commento. Continuerò a leggere le vostre sciocchezze e maldicenze da spettatore, la sera tardi, quando non c’è nulla in TV. Ho fatto questi due commenti in queste ore, in quanto sono in ferie. Immagino che conosca anche qualcuno di voi, forse vi ho pure stretto la mano. A onor del vero devo affermare che qualcuno di “voi”, ogni tanto, dice delle verità o rivela fatti che è giusto rivelare per il bene della Città di Manfredonia. A parlar male e a offendere la gente non è facile ma facilissimo. Per l’attribuzione dei seggi devo informare “TUTTI VOI PSEUDONIMI” che se il ricorso fatto dalla lista civica ID andasse a buon fine il PD perde un collegio. Purtroppo sarà la Dottoressa Zammarano Dorella (mia amica e stimata commercialista) a dover andare a casa e non il sottoscritto che ha preso (se qualcuno di voi sa contare da 100 in su ) quasi 600 voti…… a fiducia…….. senza promesse di posti di lavoro…….. minacce……. INFORMATEVI BENE PRIMA DI PARLARE. Io non devo pregare o obbedire a Campo, Zingariello o altri in quanto in genere prego in chiesa, non condivido il loro modo di fare politica questo sì. Nel PD e nella coalizione di centrosinistra c’è moltissima gente che fa politica anche in un altro modo…..


  • IL GIULLARE SIPONTINO

    TANTI GIOVANI DALLE CHIAPPE MORDIDE E PRONTI A FIRMARE LE SPESE DEL 2014!!!!!!


  • Osservatore di piazza

    Perchè Italo Magno cosi contrario (!!??) all’Energas come anche Romani e Fiore e gli altri non siete andate a trovare i cittadini che protestavano? Un pò di solidarietà potevate darla! Chiunque essa sia la ragazza che fa l’assessore che non è stata votata dal popolo ma scelta dal governatore della città ha dimostrato di avere gli attributi più di voi!!


  • Andremo sempre peggio

    Crollare i muri signora Gentile?Uomini o donne chi va li subisce subito il lavaggio al cervello, purtroppo. Poveri noi.


  • giuseppe

    il fatto che si dica che prencipe venga dalla montagna….quindi….mi sembra un offesa per i montanari!ieri abbiamo assistito ad un triste show di un uomo chiaramente agitato e pieno di sè!!!! sembrava voler insegnare qualcosa a tutti!!!ricordo infatti che ad un cero punto in malo modo e chiamandolo per cognome faceva allontanare il fotografo autorizzato!!!!me veramente costui pensa di dover dare lezioni di comportamento? CHE TRISTEZZA!!!!


  • ze peppe barese

    Scusate l’intervento: ma questo anno la disinfestazione dalle zanzare aspettava il nuovo consiglio comunale, visto CGE il nuovo amministratore unico sta imparando il mestiere.
    Ad agosto nenche una sera è passato il veicolo dell’ase. Ne sono certo perché il mio cane odia quel rumore e sono costretto a stare fuori di notte 20 minuti finché tutto finisce


  • Un cittadino chiede:

    Le forze di opposizione
    sono vivamente pregate di attivare una procedura d’INCHIESTA, nel caso fosse possibile
    atta a fornirci i nomi (dalla fine anni novanta a oggi) di coloro che hanno trattato la questione del Gpl, i protagonisti (dirigenti, politici, impiegati. Autorizzazioni, cambio d’uso destinazione dei terreni e quant’altro e del perchè la cittadinanza sipontina tutta non sia stata esplicitamente ed adeguatamente informata negli anni passati. Infinitamente grazie


  • Il vaccaro di Santo Spiriticchio

    Sig. Libero Palumbo buona sera, lei ha firmato la petizione contro il megadeposito di Gpl? Pura curiosità, nulla di più.


  • Il razionale

    Non sapevo che libero palumbo non sapesse che il PD di Manfredonia ha fatto perdere 1253 posti al contratto d’area senza che nessuno difendesse i lavoratori compreso il vecchio consiglio comunale di cui lei faceva parte? ed altre perdite saranno in corso nel 2015 lo chieda a Angelillis l’ex assessore alle attività produttive. Sa che nel corso dell’amministrazione del riccardi sono emigrati 2000 persone?, sa che i divorzi e le separazioni sono aumentate a causa della perdita dei posti di lavoro?, sa che Manfredonia non vuole Energas ?(cerchi e si studi la storia dell’Enichem così si convincerà a firmare la petizione contro Energas) sa che la città è diventata invivibile la gente ha paura di camminare per strada e i furti nelle case sono all’odine del giorno? o lei non abita in questa città? Mi fermo qua, perché l’elenco potrebbe essere lunghissimo. Pertanto veda, le dò un consiglio, svolga il suo ruolo da consigliere, con serenità, senza paura, senza condizionamenti, senza interessi ma soprattutto con orgoglio. Gaber diceva “Democrazia e anche Partecipazione” per cui rispettate la volontà del popolo e ascoltatelo ed amministrate la cosa pubblica le critiche servono per migliorare. Il suo amico ha dichiarato che fa il professore allora le dica che la smettesse di fare il professore in consiglio comunale, ma facesse il presidente svolgendo il suo ruolo per cui è stato eletto di SUPER-PARTES, negli interessi sovrani della città.


  • LA DITTATURA DELLA MAGGIORANZA 2

    Il Consigliere Libero Palumbo dice giusto quando afferma che sarebbe la Zammarano e non lui eventualmente a perdere il seggio, ma vero è che per far rientrare la Zammarano e non far dispiacere a Balzamo FINALMENTE la Campo potrebbe essere chiamata a fare l’assessore.

    Però, mi rivolgo direttamente a Libero palumbo, dalle cose che scrivi caro Palumbo si ricava che vorresti la censura, peccato per te caro Palumbo Libero che chi commenta ha assistito direttamente alla svolgimento del Consiglio Comunale (era tra il pubblico, parlo per me) e che del modo disdicevole e scorreto con cui si sono comportati certi tuoi “compagni” è stato testimone diretto. Lo so che se fosse per voi FINTI COMUNISTI immischiati a MASTELLIANI dell’ultima ora, il Consiglio si potrebbe benissimo svolgere a porte chiuse o senza video, ma così non è e se non ti garba te ne puoi andare anche in Russia, in Cina, in Corea o dove cavolo ti pare, persino in montagna o al villaggio Tomaiuolo, basta che ti ricordi di portarti dietro i tuoi “compagni” che hanno dimenticato la STORIA e l’importanza ed il valore della PIAZZA.

    Palumbo Libero sappi che da vero uomo di SINISTRA mi vergogno io al posto tuo per ciò che hai scritto e detto, anche perchè hai confermato ancora una volta il disprezzo e l’arroganza con la quale intendete trattare chi per voi è MINORANZA, fossero anche sole 10 persone a commentare non vuol dire niente se quelle 10 persone (minoranza che tu devi comunque rispettare) dicono cose esatte e vere perchè realmente accadute !!! C’è il filmato del Consiglio Comunale e le cose dette da Prencipe in aula sulla DEmocrazia, il modo in cui ha trattato Magno e come si è rivolto il Sindaco allo stesso Magno sono visibili e ascoltabili da chiunque ne fosse interessato. Mi dispiace per voi !

    E caro Palumbo Libero se non hai ancora firmato la petizione contro Energas, ti consiglio di andare a firmarla giusto per essere coerente con ciò che andate raccontando. O stai aspettando che ti arrivino ordini dall’alto, chessò dalla MONTAGNA? AH AH AH


  • Gino5st

    X Palumbo
    Quello che tu dici nel 1 post risponde al vero ma vale per i tuoi amici del Pd che prendono 1000 e oltre voti solo perché sono belli, ovvio, e non perché ci sono altri interessi che nessuno è soprattutto voi all’interno dello stesso PD non volete o fate finta di non vedere. Affari nascosti, aziende del mattone a nome di parenti e amici,
    Voi dite che siete diversi e perché non le rappresentate nel partito? Perché non rappresentate le vostre contrarietà ?!o avete tutti paura o volete tutti un contentino.
    Semplice
    A chi ti riferisci quando dici che solo un altro poteva fare il presidente del Consiglio e invece il sindaco sbagliando gli ha dato l’assesorato? Al zinga o a la torre ?
    Io spero che la magistratura faccia chiarezza su tante questioni di alcuni uomini di questa giunta
    Perché io di pulizia politica, d’animo e personale ne ho vista poca


  • io mammeta e tu

    Qualcuno ha notato le occhiatacce ed i gesti di disappunto che la giunta ha indirizzato al povero La Torre dopo che lo stesso si solo permesso di chiedere condivisione nelle decisioni della maggioranza? Allineati e coperti dovete stare


  • Lettore attento

    La malafede della politica sipontina circa l’affaire energas è rappresentata in un articolo di oggi sulla Gazzetta firmata un nonnetto giornalista, non fa alcun riferimento all’energas parla solo del consiglio. Che pena mi fanno certe persone. Per fortuna c’è l’informazione tipo quella di Stato quotidiano altrimenti staremmo davvero in una informazione da Minculpop o da regime staliniano!


  • BABBETTES

    Ma sto Palumbo è imparentato con la Palumbo?

  • Ti capisco Zingariello che ti viene da vomitare ma questa e la politica Manfredoniana


  • Claudio D.

    Palumbo Libero consigliere comunale…Noooooo!!! ma ci rendiamo conto.
    Incredibbbbile!!!!!!!

    “Non ho ucciso nessuno, ho fatto di più: ho ucciso il Possibile”
    Emil Cioran


  • Osservatore sipontino

    Prego l’assessore all’ambiente del Comune di Manfrednia di voler provvedere a sensibilizzare con cortese urgenza le ditte che operano nel porto commerciale di Manfredonia, di smaltire quelle enormi montagne di decine di tonnellate di materiale di risulta che giacciano sovrane all’ingresso del molo di ponente. Sono li da mesi! Non è un bello spettacolo da vedersi per noi e per i turisti! Ma dico io queste benedette ditte che espletano i lavori perchè non provvedono subito a smaltire il materiale e a norma di legge? Perchè sta ancora li? Togliete subito quella montagna di materiale. Redazione perchè non inviate un fotograto per un report? Grazie


  • matteo47

    cara redazione questo messaggio è per te:
    vista l’indecenza verbale di questi interventi, credo non vi stiate rendendo conto che questo spazio sta’ diventando “una diabolica cassa di risonanza per aggressioni”, mi auguro solo verbali!!!!
    moderate realmente i commenti.
    per i più OTTUSI: moderate, no censurate!
    tutti devono poter liberamente esprimere la propria opinione ma senza dimenticare il RISPETTO della PERSONA!
    non sono un esperto di politica e non cerco disperatamente un lavoro aggrappandomi a false promesse preelettorali, a dirla tutta non ho neanche votato perché nessuno mi rappresentava realmente.
    sono un cittadino comune uno dei tanti che vorrebbe veder rinascere finalmente la sua città.
    e può rinascere anche grazie a chi ha il coraggio, (qualcuno volgarmente direbbe ha le palle!), di FIRMARE quello che dice!
    opinioni condivisibili o meno non mi pronuncio, ma una cosa voglio sottolinearla: chi accusa, insulta, offende potrebbe avere ragione…politicamente, ma diffamare senza palesarsi li rende dei vermi, senza offesa ovviamente per i vermi!!!!
    caro Libero, non ti ho votato e non ti voterei perché le mie idee politiche vanno in tutt’altra direzione, ma ti stimo perché, tutti questi signori, FORSE, non ti conoscono, non conoscono il lavoro che, per noi e con noi, fai tutti i giorni, ma io sì.
    sappiamo essere pesanti, assillanti e tu a volte sorridendo, a volte “incazzandoti” provi a risolvere i nostri problemi.
    senza false promesse,senza giri di parole, con categorici e secchi: si può fare! non si può fare!
    in bocca la lupo e sentiti forte del tuo lavoro!
    un comunissimo pensionato


  • Vero emigrato per lavoro

    I politici tutti sono la vera e autentica rovina di questa città


  • per matteo47

    Ma chi sei? Che vuoi?
    Libero Palumbo sarà anche paziente e disponibile nel suo lavoro, nessuno lo mette in dubbio, ma quando interviene per partito preso e tenta di difendere l’indifendibile (con faziosità e imparzialità evidente) dimostra di essere un “cettola qualunque” come tanti altri…

    Se proprio vuoi essere d’aiuto per Palumbo, allora digli di mettere nell’esercizio della sua funzione istituzionale la stessa serietà e impegno che mette (a tuo dire) nella professione che svolge.

    Infine ricorda a Palumbo la petizione contro l’Energas e se non l’hai firmata neppure tu, vi aspettiamo entrambi. Ciao CETTOLE!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi