Cronaca

Giornalisti del Sud nel mirino della mafia

Di:

Sede Quotidiano 'Ora' (adnkronos)

Sede Quotidiano 'Ora' (adnkronos)

Roma – I giornalisti italiani nel mirino delle mafie, del terrorismo e dell’estremismo politico sono 400. E’ la stima contenuta nel Rapporto 2010 di Ossigeno, l’osservatorio sui cronisti sotto scorta e sulle notizie oscurate in Italia con la violenza, promosso da Federazione nazionale della stampa e Ordine nazionale dei giornalisti insieme con Libera informazione, Unione nazionale cronisti italiani e Articolo 21.

IN UN ANNO AUMENTO MINACCE DEL 50%Nel biennio 2009-2010, dunque, in Italia a quattrocento giornalisti sono arrivate minacce e intimidazioni per il loro lavoro, la pubblicazione di notizie. Si tratta di un dato allarmante, soprattutto se confrontato con il triennio precedente (2006-2008), quando le minacce erano state la metà. Il rapporto, il secondo dopo quello consegnato il 20 luglio 2009 al Quirinale al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, viene presentato oggi a Napoli, nella sede del Mattino, nell’ambito delle iniziative per il premio Giancarlo Siani.

Secondo le stime di Ossigeno, sono 68 in totale i casi di minacce e intimidazioni denunciati (53 nel periodo gennaio 2009-marzo 2010, monitorato dal rapporto, più 15 dopo la chiusura dell’indagine), contro i 61 del rapporto precedente. 43 sono invece i casi di intimidazioni individuali (erano 52), 24 le minacce collettive (erano 9 nel 2006-2008); 13 le aggressioni fisiche (16 nel rapporto precedente), 10 i danneggiamenti (contro gli 8 del biennio 2006-2008). Quanto alla modalità delle minacce, 28 sono state perpetrate via lettera e telefono (erano 17 nel rapporto precedente), 2 via web, 14 per via giudiziaria (contro le 15 del biennio 2006-2008).

Infine, per quanto riguarda la distribuzione territoriale: la maggior parte dei casi è stata registrata in Calabria. Seguono Sicilia, Campania, Lazio, Lombardia, Puglia, Basilicata, Piemonte ed Emilia Romagna. ‘I casi denunciati – spiega Alberto Spampinato, direttore e il fondatore di “Ossigeno per l’informazione” – sono la minima parte, come ha rilevato anche il Rapporto biennale dell’Unesco sui giornalisti uccisi o minacciati nel mondo. Sono raddoppiati rispetto al nostro precedente rapporto, forse anche perché oggi c’é più coraggio, e spazio per le denunce”.

L’essenziale è “fornire una valida tutela legale dei giornalisti”, questione che, secondo Spampinato, “chiama in causa tutti coloro che hanno a cuore la libertà di informazione e riconduce alla questione della riforma della legislazione sulla diffamazione e di una legislazione esplicita per affermare e tutelare il diritto di cronaca” (fonte: Rassegna.it).

IL CASO LANNES IN CAPITANATA – In Provincia di Foggia da rilevare il caso del giornalista freelance Gianni Lannes promotore di molteplici inchieste su traffici illeciti, ecomafie, armi e Echelon. Nello scorso otobre minacce di morte e l’incendio della sua autovettura, in seguito ad un lvoro per la testata giornalistica “Italiaterranostra” fondata in Capitanata. Qualche giorno prima la denuncia riguardo la mancata messa in sicurezza del sito di Alghisa a Lucera, scoperto dallo stesso giornalista oltre 13 mesi prima, “pieno di rifiuti nocivi e scorie tossiche”


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi