Sport
"A Cagliari andremo a fare la nostra partita, come al solito"

Giampaolo “Mi aspetto una Samp tosta”

Un esempio, in questo senso, può essere Skriniar?

Di:

Genova. Terza sfida in una manciata di giorni, dopo un tris di k.o. che è bene dimenticare in fretta. Marco Giampaolo ha una ricetta per rimettere in moto la sua Sampdoria: «La sconfitta devi togliertela di dosso il prima possibile, perché non bisogna entrare in un circolo vizioso. Non bisogna seguire queste logiche, ma resettare e ripartire, facendo un’analisi seria delle cose positive e di quelle da migliorare. A Cagliari andremo a fare la nostra partita, come al solito».

Tosto. Si dice che un avversario ferito sia più difficile da affrontare. In questo senso, se la Sampdoria deve rifarsi di Bologna, i rossoblù hanno da vendicare ciò che è successo allo “Stadium”. «Il Cagliari in casa è una squadra pericolosa – analizza il mister doriano -, ha qualità e in attacco è velenosa. A centrocampo inoltre sono muscolari. Hanno fatto un mercato importante, pur da neopromossi. So che cosa può dare il loro stadio, che conosco bene. Domani mi aspetto un Cagliari tosto e una Samp altrettanto tosta».

Analisi. Un passo indietro fino al “Dall’Ara”. «Ho rivisto la partita di Bologna più di una volta – ammette il tecnico -. Non abbiamo fatto solo mezzora da squadra, ma di più. Abbiamo perso 3 palloni pericolosi, con Torreira, Linetty e poi Pedro; non rischiando troppo. Poi però abbiamo perduto un’altra palla e sul finale di tempo abbiamo preso un gol che è figlio anche di uno sbagliato posizionamento difensivo. Però ricordiamoci che non possiamo pensare di dominare sempre per l’intera partita».

Rilancio. «Bisogna migliorare nelle reazioni alle difficoltà – continua -, mettendo a posto delle cose. Nei 90 minuti per ora abbiamo pagato a caro prezzo alcuni momenti della gara. In nessuna delle ultime partite avremmo meritato di perdere, a mio modo di vedere. Ma non dobbiamo fare passi indietro, bisogna rilanciare. In Serie A TIM bisogna arrivare a capire che ci sono momenti in cui devi soffrire e devi esserne capace, essendo poi bravo a ripartire».

Personalità. Un esempio, in questo senso, può essere Skriniar? «Ha reagito da grande giocatore – risponde Giampaolo -, lui ha il carattere, la personalità e la convinzione per poter uscire dai momenti difficili. Per questo il ragazzo mi è piaciuto molto. Bisogna reagire con entusiasmo agli errori. Spesso ci si difende dietro alla parola giovani: ma un ragazzo che è bravo deve giocare.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati