Manfredonia
A cura di Antonio Troiano

“Ore 9,50: Manfredonia ricorda lo scoppio dell’Anic” (fotogallery)

Si è poi proceduto alla lettura di brani dai libri Di fabbrica si muore, La fabbrica della felicità, Preghiera per Chernobyl

Di:

#Arsenico40 – Ore 9,50: MANFREDONIA NON DIMENTICA

Questa mattina, lunedì 26 settembre 2016 alle ore 9.50, nell’ambito delle celebrazioni di #Arsenico40, le città di Manfredonia, Monte Sant’Angelo e Mattinata hanno ricordato lo scoppio dell’Anic del 1976 al suono della sirena e delle campane delle parrocchie e, a Manfredonia, in Piazza del Popolo, davanti alla torre di cartapesta che emette fumo giallo, in presenza dell’arcivescovo Mos. Michele Castoro si è osservato un minuto di silenzio.

A seguire, un incontro con le scuole di 1° e 2° grado su Manfredonia la Seveso del Sud presso il LUC.

Hanno introdotto: Michela Quitadamo e Antonella Pazienza.

Si è poi proceduto alla lettura di brani dai libri Di fabbrica si muore, La fabbrica della felicità, Preghiera per Chernobyl.

Alle ore 16,30 avverrà invece la cerimonia di intitolazione e inaugurazione del piazzale 26 settembre 1976 situata tra la Lega Navale e il liceo classico con l’apposizione della targa commemorativa.

Nel pomeriggio, alle ore 18,00, sempre presso il LUC si terrà l’incontro:”La custodia della Memoria” – Introduce Rosa Porcu.

Gli interventi:
“Isola 5”- Racconto dell’esperienza dentro la fabbrica trent’anni dopo lo scoppio: Luca Marchesani;

Gli studi della Facoltà di Economia dell’Ambiente di Manfredonia: Domenico Simone;
Le lotte cittadine del’88/89 nel racconto di Pino delle Noci, Sipontina Santoro, Anna Guerra, Franco Carella, Cittadini e Cittadine. Anna Maria Lovecchio, ex operai e cittadini;
1988/89 in teatro: Cosimo Severo e Stefania Marrone;
Moderano: Maurizio Portaluri e Francesco Salvemini

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati