Manfredonia
A cura di Pascalonia

Sarrà…

Di:

Da quanne véche cchjù spisse a lla cchjise
assemègghje ca fazze cchjù pecchète.
Mbrime, chica penzeve a tanda cose,
mo nvece ogne fatte vene vjètéte.

Sarrà…ma mm’ àgghja fé mènda capéce,
agghja cangé nu poche a vita meje.
Ma po’ ce pènze, me vene nn’ideje,
ne nzarragghje schitte ije u peccatore?

Se quèdde ca fazze ji méle pe mmè,
méle ji pure pe chi tene u putore.
No? Ne mme dccènne: pinze pe ttè.

Sarrà…ma ne mme pére po’ llu vere.
U putore fé quèdde ch’jisse vole
capéce pure a cangé u Vangele?

Pascalonia

Sarà… Da quando vado più spesso in chiesa,/ sembra che faccio più peccati./ Prima chi ci pensava a tante cose,/ adesso, invece, ogni atto viene vietato./Sarà…ma mo (mi) devo fare mente capace (mi devo convincere)/ devo cambiare un poco la mia vita./ Ma poi ci penso, mi viene un’idea./ Non sarei solo io il peccatore?/ Se ciò che faccio è male per me,/ male è pure per chi ha (detiene) il potere./ No? Non mi dire: pensa per te./ Sarà… Ma non mi sembra poi (tanto) vero./ Il potere fa ciò che esso vuole,/ capace pure di cambiare i Vangeli?

(A cura di Pascalonia, Manfredonia 26.09.2016)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati