ManfredoniaMonte S. Angelo
Ricostruzione

“26 settembre 1976”: speciale StatoQuotidiano.it

La posizione dello stabilimento era appena fuori (poche centinaia di metri) il quartiere Monticchio di Manfredonia. L'incidente ha investito completamente questo quartiere e la zona circostante con diverse decine di tonnellate di arsenico


Di:

Manfredonia. Alle ore 9.50 del 26 settembre 1976 si verifico’ un incidente – nello stabilimento Anic (Enichem, poi Enichem Agricoltura Spa), in seguito allo scoppio della colonna di lavaggio dell’impianto di sintesi dell’ammoniaca. Lo stabilimento petrolchimico era sito in località Macchia, frazione del Comune di Manfredonia poi passata al Comune di Monte Sant’Angelo prima dell’insediamento dell’industria. La posizione dello stabilimento era appena fuori (poche centinaia di metri) il quartiere Monticchio di Manfredonia. L’incidente ha investito completamente questo quartiere e la zona circostante con diverse decine di tonnellate di arsenico.


SPECIALE STATOQUOTIDIANO.IT
“Scoppio Anic” 1976, cronache del tempo: “Eni ha dichiarato disponibilità per la bonifica”
Il quarantennale dello scoppio della colonna arsenico Enichem (26.09.1976)
Il quarantennale dello scoppio della colonna arsenico Enichem (II)
Il Fatto Quotidiano “Scoppio ANIC. Per morte operai e incidente nessun colpevole”
Manfredonia, “scoppio ANIC”. Annamaria Lovecchio ricorda il marito Nicola
“Rassegna Stato”. Soragnese: scoppio colonna Co2 una casualità unica al mondo
Manfredonia, ex ANIC: ricostruzione scoppio del 26 settembre 1976
Anniversario scoppio colonna arsenico Enichem (settembre 2016)
Anniversario scoppio colonna arsenico Enichem (settembre 2016 – II)
Considerazioni sullo scoppio del 26 settembre 1976 nel petrolchimico ex Anic

Redazione StatoQuotidiano.it

“26 settembre 1976”: speciale StatoQuotidiano.it ultima modifica: 2017-09-26T09:06:14+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Pietro

    Voglio ricordare al giornalista che ha fatto l’articolo che si informasse prima di scrivere delle fesserie. Il sito che era posizionato lo stabilimento dell’anic era e sarà sempre di Monte Sant’Angelo. La colpa principale di questa situazione la dobbiamo atribbuire primo cittadino (sidaco) dell’epoca quando chiamvano anic di Manfredonia sul territorio di Monte Sat’Angelo. Ma siccome i politici come si sà sono tutti brava gente se ne fregano del territorio e degli abitanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This