Manfredonia

Compravendite. Avv. K.Spagnuolo: “costruttori chiedono altri soldi. Poi le case cedute a terzi”


Di:

Avv. Katia Spagnuolo, legale Confconsumatori- delegazione di Manfredonia (ST)

Manfredonia – LA Confconsumatori- delegazione di Manfredonia – lancia l’allarme per la tutela degli acquirenti di immobili. L’avv. Katia Spagnuolo, responsabile comunale della Confconsumatori: “Partendo da numerose segnalazioni di cittadini di Manfredonia, che si sono rivolti alla Confconsumatori al fine di ricevere chiarimenti e tutela, è emersa una tipologia di compravendita che presenta gravi rischi per l’acquirente. Infatti, i cittadini rivolgendosi ad alcune società di costruzione, volendo acquistare un immobile, spesso la prima casa, si trovano subito dopo la sottoscrizione del preliminare, a dover effettuare ulteriori versamenti di denaro così come richiesto dalle stesse società, le quali fanno pressione affermando che, in mancanza, potrebbe essere pregiudicata la prosecuzione dei lavori del fabbricato in questione. Pertanto, gli acquirenti soddisfano le richieste di denaro delle società al fine di agevolare l’ultimazione degli immobili e di poterne acquistare la proprietà ed il possesso quanto prima. Spesso a tali richieste di denaro se ne aggiungono delle altre, anche con toni e modi poco gentili. Fino a quando il malcapitato acquirente scopre, con amarezza, che gli immobili promessi in vendita, nel frattempo, sono stati promessi in vendita e, poi, definitivamente venduti a terzi“.

“A questo punto inizia un braccio di ferro con le società le quali impongono di sostituire gli immobili di cui al preliminare iniziale, con altri – aggiunge il legale – Vengono stipulati diversi preliminari su immobili promessi a terzi, e per l’acquirente inizia il calvario vedendo svanire il sogno di poter acquistare una casa con la beffa della perdita dei soldi versati e frutto di tanti sacrifici. E’ bene ricordare che in caso di acquisto di un immobile, generalmente, se il costruttore (impresa o cooperativa) dovesse fallire prima della stipula dell’atto di trasferimento della proprietà (che di solito avviene dopo il completamento della costruzione) solo i creditori dotati di garanzia reale sul fabbricato in costruzione vedranno soddisfatte le proprie ragioni di credito”.

“L’acquirente, invece, privo di specifiche garanzie sugli immobili, difficilmente potrà recuperare anche solo parte degli importi versati a titolo di caparra e/o di acconto di prezzo, col rischio concreto, qualora intendesse comunque acquistare la proprietà dell’immobile, di dover versare ulteriori somme, quindi pagare la casa due volte. Attenzione alle truffe.”

L'ingegnere edile di Manfredonia Michelangelo De Meo (fonte image: ST)

Ing. Michelangelo De Meo. Per Stato l’ingegnere edile Michelangelo De Meo, che segue le pratiche precedenti l’acquisto degli immobili, dai permessi di costruire alla possibile presenza di ipoteche sui beni. “Ogni cittadino che abbia intenzione di acquistare una unità immobiliare come una casa, un ufficio, un terreno, sa benissimo che si tratta di un atto che si compie poche volte nella vita. Vale la pena quindi, di ricorrere più spesso, per non incorrere in brutte sorprese, alla consulenza di tipo immobiliare. Purtroppo però, nella realtà, la transazione immobiliare è soggetta a molte spese aggiuntive al prezzo della compravendita: la parcella elevata del notaio, le imposte, la mediazione spettante all’agenzia che ha permesso di concludere l’affare e nel caso di mutuo anche: le spese bancarie per l’atto, per la perizia di stima e le immancabili imposte di mutuo. In questa triste situazione, visti anche i tempi di crisi, è scontato che chiunque possa evitare ulteriori spese come quella del consulente, è tentato a rinunciarvi. In realtà si tratta di una cifra ben spesa perché un buon tecnico è in grado di far risparmiare somme consistenti che ripagano la consulenza stessa e può evitare futuri guai e grattacapi all’acquirente soprattutto in relazione agli elevati rischi legati alla compravendita”, conclude Ing. Michelangelo De Meo


Comparti di Manfredonia. Le compravendite. I cronoprogrammi per i lavori. Gli aggiornamenti
Focus comparti

Redazione Stato, gdf@riproduzione riservata

Compravendite. Avv. K.Spagnuolo: “costruttori chiedono altri soldi. Poi le case cedute a terzi” ultima modifica: 2011-10-26T13:17:18+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
70

Commenti


  • deluso

    è successo a me. addirittura il costruttore con em ha fatto il preliminare e ha fatto lo stesso preliminare con altre due famiglie. e adesso ci ritroviamo senza soldi e senza casa. FATE QUALCOSA…


  • Voce di Popolo

    Sono dispiaciuto per quello che sta succedendo e che penso sarà un problema che si espanderà a macchia d’olio.
    In occasione della problematica dei comparti avevo commentato circa voci di situazioni allarmanti che stavano venendo alla luce e cioè del problema serio di ritrovarsi con un pugno di mosche. Ed in quella occasione dissi “speriamo che non sia vero e che qualcuno ponga rimedio ad una tale eventualità che metterebbe in ginocchio parecchie famiglie facendo svanire nel nulla anni di sacrifici”.
    Capisco chi si è venuto a trovarsi in un vortice del genere ma ribadisco che a questo punto lo STATO attraverso le proprie ISTITUZIONI deve arginare il prima possibile una situazione che potrebbe essere di difficile controllo.
    La politica dovrà farsi carico di trovare il modo per ripulire un mercato drogato che spinge la gente a comperare senza alcuna garanzia.
    Spero che DIO dia sollievo a tutti!


  • John

    Garanzia preliminare – Consiglio Nazionale del Notariato – le guide per il cittadino…


  • rivolgetevi agli onesti

    Tutelatevi e rivolgetevi alle persone oneste e per bene.


  • Anonimo

    Il preliminare di vendita lo si può registrare, mentre l’imprenditore edile lo si denuncia per truffa.


  • Carmen

    …sempre la solita storia,ma perchè prima di impegalarvi non vi tutelate?
    Gli strumenti ci sono.
    Non capisco questa corsa a comprar casa a tutti i costi,accettare compromessi e far fare il c… grosso a certa gentaglia.


  • Amoruso M.

    Sono sicuro che l’avvocatessa Spagnuolo sarà tanto brava quanto bella nel sviscerare una situazione del genere in modo da penalizzare il meno possibile gli utenti vittime di tale reato.
    Sono anche sicuro che le ditte o cooperative che hanno messo in atto un sistema del genere siano responsabili del mancato pagamento degli oneri dei comparti in difficoltà.
    Questo doveva essere un primo segnale di allarme tale da destare l’attenzione di chi di competenza.
    Adesso alla gente, vittima, non resta altro che denunciare alle Autorità preposte, alla Magistratura, quanto prima, simili anomalie senza lasciare spazio a nessuna promessa di speranza (o peggio minaccia) perché troppo tardiva.


  • Realista

    Credo che il problema possa essere semplicemente risolto con la trascrizione e registrazione del preliminare di vendita, al costo di € 1.500 circa, oltre le imposte che si pagano in anticipo ma si conguagliano all’atto.
    Nessuna consulenza, non garantirebbe un bel niente.

    Se poi…e qui è il vero problema, qualcuno ha comprato sulla carta….allora non ha comprato niente….Sento voci di gente che ha comparto già nel CA12….bhè signori…. si che in questa situazione non si può essere tutelati…..ma è un’altra storia.
    Il contratto deve avere un oggetto, e chi ha comprato una ipotetica casa in un ipotetico lotto di un ipotetico comparto…. ha comprato acqua fresca…
    Giusto avv. Spagnuolo?


  • rivolgetevi agli onesti

    Ti sbagli realista, il tecnico fa tutti i necessari controlli, verifica se le leggi sono state rispettate dalle imprese, se hanno ottenuto il permesso di costruire, se ci sono delle ipoteche, dei vizi, se il terreno è intestato al costruttore oppure vi sta prendendo in giro ecc…lascia stare è meglio mettersi nelle mani di un consulente che controlla tutto al posto di pensare di sapere tutto. Risparmi sulla consulenza e ti fregano su altro.


  • Anonimo

    Concordo con realista, basta fare un preliminare dal notaio e registrarlo e sei in una botte di ferro. D’altronde, se uno intende spendere centinaia di migliaia di euro per l’acquisto della casa, non saranno mille e 500 euro a cambiargli la vita, anzi lo tuteleranno in caso di inadempimento o furbate varie. I controlli in questo caso li fa il notaio che è un pubblico ufficiale che deve garabntire l’acquirente pena la sua responsabilità penale e professionale. Il costruttore è obbligato a venire dal notaio e se ha qualcosa da nascondere di certo non firmerà alcun preliminare…..non serve ne il tecnico e la consulenza dell’avv, dovrebbe ridursi a questo consiglio.


  • rivolgetevi agli onesti

    Allora rivolgetevi a “anonimo” che sa tutto lui.Quello che dici tu è vero, ma non basta, le famiglie che hanno perso i soldi se hai letto l’articolo avevano il preliminare.


  • John

    D’accordo con anonimo, in realtà bastava recarsi da un notaio per evitare brutte sorprese, e non potrebbe essere diverso…oltretutto con il decreto
    legislativo 122/2005 per gli acquisti in costruzione il costruttore è OBBLIGATO al rilascio di una polizza fidejussoria a garanzia di tutte le somme versate dall’acquirente…


  • Anonimo

    Mi scusi rivolgetevi agli onesti, non c’è bisogno di polemizzare, nè tantomeno invitare la gente a rivolgermi a me che peraltro non sono avvocato. Ho solo detto che ls gente dovrebbe essere più attenta prima di stipulare preliminari, se di preliminare si tratta o forse contratti presi da registri Buffetti. E’ vero che nell’articolo si parla di preliminari, ma immagino che siano preliminari non registrati e non predisposti da un notaio. Come giustamente rilevato da John, esiste un decreto legislativo che evidentemente lei non conosce. Quando ho acquistato casa ho stupulato un regolare preliminare dal notaio, con l’imprenditore edile che lo ha sottoscritto, ecco perchè mi sono permesso di consigliare in questo modo.


  • da donna a donna

    Gentile Avvocatessa
    cambi foto


  • Realista

    X RIVOLGETEVI AGLI ONESTI…
    I controlli di cui tu parli sono già superati dal notaio….
    Dimmi, se tu l’ingegnere fa controlli pensi che poi non possano nascere problemi successivamente?
    L’unica soluzione è il preliminare trascritto.
    Uno dovrebbe rivolgersi a un ingegnere, spendere soldi per una consulenza, ma poi, siamo onesti, non è che il tecnico può garantire il buon esito della cosa…ma può solo dire se fino a quel momento le carte sono apposto. E poi????
    Il notaio invece trascrive… Doppia trascrizione non è possibile, quindi problema risolto.

    Il problema a Manfredonia sta nascendo perchè in tanti hanno comprato sulla carta… ho sentito gente che ha comprato nel CA12 mettendo fuori già 50-60.000 euro…. E poi non sanno manco il lotto dove deve venire il proprio immobile. Li c’è però una negligenza totale da parte di tutti, non solo del costruttore.
    E i problemi diventano quasi irrisolvibili.
    Alcune sentenze addirittura rendono nullo un contratto preliminare firmato prima del rilascio del permesso di costruire. Quindi di cosa stiamo parlando?

    Pare invece, e scusate forse il cattivo gusto, che l’articolo sia fatto affinché qualche cliente vada dall’avvocato e l’ingegnere in questione a portare lavoro.

    E spero di sbagliare perché sarebbe veramente terribile strumentalizzare una problematica seria come questa.


  • Antonio La Trippa

    Le ragioni possono essere molteplici ma la verità è una che la gente è costretta a versare soldi in nero se vuole accedere al fatidico sogno della vita -avere un tetto sotto cui ripararsi-. Il diniego porta alla esclusione della compravendita. Sembra quasi giocare a “lascia o raddoppia”.
    Così non poteva andare ed oggi ecco le conseguenze e non mi si venga a dire -affidatevi a ditte serie- poiché probabilmente e questo è un fatto da accertare, i giochi sono stati messi in piedi proprio da queste ditte che hanno una certa solidità.
    Questa prassi di dare soldi in nero sentendo parlare i Sipontini, è diventata “CULTURA”, la gente ormai è entrata nella convinzione che sia prassi normale quasi legiferata nella compravendita.
    Cari amici la “CULTURA” deve essere una quella dello “STATO” e deve valere per tutti!


  • Vota Antonio

    Bravo antonio la trippa, hai capito il problema vero che esiste nelle compravendite. Per il “realista”, leggi bene l’articolo prima di fare commenti sensa senso, dice: “LA Confconsumatori- delegazione di Manfredonia – lancia l’allarme per la tutela degli acquirenti di immobili. L’avv. Katia Spagnuolo, responsabile comunale della Confconsumatori: “Partendo da numerose segnalazioni di cittadini di Manfredonia…” Al posto di ringraziare questi due professionisti che hanno lanciato l’allarme li accusate anche di interessi personali???


  • Vota Antonio

    La confconsumatori difende i diritti dei cittadini.


  • L. Magno

    Un elogio al Direttore della testata giornalistica sempre molto attento alle problematiche della popolazione Sipontina.

    Nuovamente grazie!


  • Redazione

    Grazie a Lei, di cuore. GdFilippo, Red.


  • luca

    e si non basta che prendono tanti soldi in contanti prima che iniziano ha costruire,non rispettano le consegne,ma il colmo che dopo tanti anni di ritardo ti ricattano volendo aumenti da capo giro. TUTTI MA TUTTI i costruttori sono cose inutili,parola equivale a zero


  • luca

    gente che oggi abita ancora in affitto,in tutti questi anni hnno dato tutti i loro risparmi,oggi le case sono finite e si vedono ricattati per aumenti che partono da 20.000,00 in su. tagliate le palle a questi costruttori che lavorano con i soldi in contanti che diamo


  • Anonimo

    Concordo in pieno con la disamina di realista.


  • da uomo a donna

    Perchè l’avvocatessa dovrebbe cambiare foto, è così bella!!!! Un cliente non potrebbe resistere a tanta bellezza….l’ing. è solo simpatico.


  • il corsaro

    X REALISTA
    peccato però che nella realtà delle cose gli acquirenti siano costretti a subire le direttive dei costruttori-venditori se vogliono acquistare casa, in altre parole nel momento in cui si procede alla registrazione dovrebbero emettere fattura fiscale per gli acconti ricevuti, capisc a mè.


  • Alex

    Concordo con Vota Antonio. X il “Realista”, leggi l’art. meglio. Le tue opinioni sono rispettabili, così come il lavoro degli altri. Non si trova nessun invito a recarsi da qualcuno. Non capisco perchè in questo paese appena qualcuno cerca di difendere i cittadini vittime di soprusi si debba essere distruttivi ed offensivi.


  • Voce di Popolo

    Alla luce di quanto leggo nei vari commenti ribadisco ancora che le ISTITUZIONI dello STATO devono intervenire per arginare il prima possibile una situazione che potrebbe diventare allarmante ma la collaborazione degli utenti vittime deve essere decisiva e chiara.
    Capisco che collaborare mettendo nero su bianco come già detto in altre occasioni, potrebbe esporre a giochi forza nettamente superiori ma si deve avere FIDUCIA nello STATO e nelle ISTITUZIONI dello STATO.
    Non dimenticate mai ” LO STATO SIAMO NOI “.


  • controcorrente

    Diciamo la verità: quando mai i costruttori rilasciano fideiussione. Poi è facile dire che basta trascrivere il preliminare per stare in una botte di ferro, ma avviene sempre?? vogliamo piuttosto dire che se non la si fa si ha la possibilità di chiedere finanziamenti alle banche sugli stessi immobili???


  • capotribù

    Realista, l’articolo parla di preliminare ed invita a tutelarsi. non c’è scritto di non andare dal notaio o di andare dall’avvocato al posto del notaio. Invece tu sembri abbastanza tecnico, parli di costi e di sentenze e di decreti. non è che il lavoro te lo vuoi procurare tu? Scusa il cattivo gusto.


  • John

    Alcuni commenti mi sembrano rassegnati, le uniche direttive che bisogna seguire sono un percorso LEGALE nell’acquisto di una casa, i costi da affrontare sono impegnativi e non lasciano spazio all’approssimazione…


  • Voce di Popolo

    Caro john gli scenari in questo momento sono due -chi ha già acquistato- e -chi si accinge ad acquistare-.
    Per chi si accinge ad acquistare vale quello che quasi tutti abbiamo detto niente SOLDI in NERO e tutela LEGALE sempre ed in ogni caso.
    Per chi ha già acquistato incominciare gli accertamenti affidandosi a mani esperte e ciò vale sia per acquisti da privati che da cooperative. Una volta scoperta qualche anomalia non esitare poiché il tempo potrebbe essere a sfavore dell’acquirente, a denunciare il tutto alle ISTITUZIONI dello STATO.
    Un aiuto potrebbe venire dalla GUARDIA di FINANZA per incominciare a capire effettivamente cosa è stato già promesso in vendita e cosa no e come è stato promesso in vendita!
    So che in questo momento di crisi una indagine del genere comporterebbe uno spiego di risorse non indifferente.
    Un pensiero di conforto per chi è caduto in questa truffa messa i piedi da gente senza scrupoli.


  • John

    @ voce di popolo, quoto tuo commento…


  • giulio

    Ben detto, Voce di popolo. l’attenzione deve essere posta sulla gente che si trova in difficoltà. Ma cosa c’entrano i commenti sulle foto dei professionisti o il loro lavoro!!! Roba da matti!!!!davvero questo è il paese dei forbicioni e basta. Pensate ai problemi seri della gente.
    Grazie al Direttore della testata giornalistica.


  • spagna

    Ce ne vorrebbero di gente come l’Avvocato per far uscire fuoiri tutto il marciume che questo paese deve subire…
    La gente pensa di aver fatto un affare, ma l’affare lo hanno fatto solo i costruttori.
    Di una cosa sono sicuro, comprare solo quello che si può toccare con mano.


  • Scorre Gina

    Forse ci vorrebbe un po più fiducia nelle Forze dell’Ordine e un Magistrato come Seccia!


  • Ali_Baba

    Nominando il Magistrato Seccia farai sussultare qualcuno dalla “poltrona” sig.na Gina.


  • Pasqualino

    La stragrande maggioranza delle persone che vogliono acquistare un immobile ignora quali sono gli innumerevoli rischi connessi con tale operazione. Comprare una casa è come camminare su un campo minato. Fidarsi del costruttore-venditore è praticamente un suicidio. Il notaio, nel migliore dei casi, può garantire solo ciò che viene scritto nell’atto di compravendita. Ma quello è solo il momento conclusivo del percorso accidentato.
    Morale della favola: quando si devono impegnare somme di denaro più o meno ingenti, se non si ha una adeguata preparazione, è necessaria l’assistenza di un consulente tecnico e/o legale di provata esperienza, serietà e fiducia.
    Tutto il resto è noia.


  • onestamente

    Due professionisti in cerca di pubblicità, non c’era bisogno di pubblicare foto e nomi. Per evidenziare un problema, bastava fare riferimento al problema ed indicare di rivolgersi al legale ed all’ingegnere. Chi ha tanto lavoro, non ha certo bisogno di farsi pubblicizzare sui giornali.


  • GIUSTIZIA CERCASI

    Le TRUFFE che sono state messe in atto e quelle che ancora stanno mettendo in atto questa è la vera Notizia. Della pubblicità ai due professionista non interessa nulla alla povera gente che ha perso tutto o che sta per perdere tutto con acquisti incauti dettati come ribadito in questo blog da un sistema messo in piedi con la complicità sicuramente di qualche mente suprema o “innominabile”.
    Non riesco a capire come possa una NOTIZIA di tale GRAVITA’ non aver destato l’attenzione dell’AMMINISTRAZIONE cittadina, nessun comunicato, nessuna presa di posizione. Stiamo parlando di cittadini che fanno parte di questa comunità Manfredoniana, sembra quasi un dire: “te la sei cercata”.
    Abbiamo forse dimenticato che se si è in quei banchi è per fare gli interessi dei cittadini…
    GIUSTIZIA CERCASI!


  • mi faccia il piacere

    X onestamente, se leggi questo quotidiano o altri trovi articoli con nomi e foto di altri professionisti, mediazione, tribunale del malato eccc…non si capisce perchè questa notizia che è grave fa supporre la pubblicità altre no. a volte è meglio tacere piuttosto che dire cose senza senso.


  • onestamente

    per mi faccia il piacere: Per me ogni volta che un professionista chiede la pubblicazione del proprio nome sul giornale, con tanto di foto è grave a prescindere se è riferito al tribunale del malato o mediazione. La sobrietà purtroppo appartiene a pochi e quella è solo una forma di pubblicità di due professionisti che evidetentemente hanno bisogno di pubblicità. D’accordo sulla gravità del problema, la finanza è una vita che indaga.


  • toto truffà

    concordo con onestamente….più sobrietà anche nella foto. non ho capito la soluzione al problema…avv. Katia Spagnuolo…dopo questo articolo cosa pensi di fare? una denuncia alla procura della repubblica? una class action?


  • TRUFFA alla manfredoniana

    la prima truffa è l’evasione fiscale che ha cifre astronomiche, immaginate che si sta costruendo una città nella città, la seconda è aver lasciato la gente, dopo anni di sacrifici, in lacrime per aver visto svanire nel nulla i propri risparmi fatto, questo, GRAVISSIMO!
    e più GRAVE ancora è vedere che si continua su questa strada proprio a significare “FACCIO QUELLO CHE VOGLIO”
    se l’intelligence delle forze dell’ordine non scende in campo con tutte le sue capacità per debellare questo sistema messo in piedi, non ci resta altro che PIANGERE.


  • toto truffà

    Concordo con truffa alla manfredoniana e con la disamina dell’avv. Spagnuolo, ma la ricetta qual’é? LA finanza è una vita che indaga. E’ tutta l’italia che è uno schifo. La vogliamo dire tutta? Anche agli acquirenti va bene così, in fondo se dichiarassero per intero il valore del bene acquistato anche l’iva da pagare aumenterebbe…capisci a me. Nel momento in cui il introdurrano il reato di evasione con pene severe, vedrai che cambieranno molte cose.


  • mi faccia il piacere

    X onestamente e x totò truffa, continuare a discutere della pubblicità dei professionisti è davvero banale di fronte al vero problema descritto. Ad ogni modo x i male informati la pubblicità è legale. Sobrietà nella foto??? è una normalissima foto tratta dal profilo facebook, anzi temo che più attaccate su questo discorso e più rendiate famosa L’Avvocato, visto che trattandosi di una bella presenza, solo la gelosia del gentil sesso o l’nvidia di qualche collega che vedrebbe assottigliarsi il proprio pacchetto di clienti potrebbe far dire il contrario. Volete sapere cosa farà l’avv. Spagnuolo dopo l’art???? Secondo me,ha già pronto il spastico di tutti i comparti ed andrà con l’ingegnere da Bruno Vespa a Porta a Porta: Ma fatemi il piacere e siate voi sobri ed intelligenti. Temo purtroppo che se agli acquirenti va bene così, “chi è artefice dei propri mali pianga se stesso”. Avete detto bene la Finanza è una vita che indaga, e lo sappiamo tutti, e se le cose non le trovano loro figuriamo un articolo che può fare.


  • non siete mai contenti

    Davvero sconcertante focalizzare l’attenzione sui professionisti invece che sul problema reale. Poi sentire cose senza giustificazione. In molti ricorderanno che L’Avvocato si occupò delle famose ordinanze sulla movida estiva sipontina. Ebbene, in quell’occasione venne definita da qualcuno “La Paladina dell’ordinanza”, ovviamente con la speranza di fare polemica. Ora tutti quelli che la contestarono dovrebbero essere contenti di tale foto, trattandosi di una foto giovanile. A Manfredonia ci sono tanti professionisti giovani e validi ed è giusto che lavorino. La cosa più importante che mi sento di dire è esprimere solidarietà alla gente in difficoltà. Davvero tutto il resto è noia.


  • mi faccia il piacere

    chiedo scusa ma ovviamente la parola era PLASTICO dei comparti, doverosa la precisazione.


  • Un imprenditore edile onesto

    Una semplice precisazione…ho costruito nel comparto CA9, sto consegnando tutti gli alloggi senza alcun problema con i miei clienti. Sono stato uno dei primi a consegnare, la mia ditta è solida e non ha mai frodato i clienti. Per evitare pubblicità evito di menzionare la ditta, pago regolarmente questo sito per pubblicizzarmi. Quanto alla movida, non è stato di sicuro l’avv. Spagnuolo a sollevare il problema del chiasso in centro, io personalmente ho presentato esposti alla procura e per conoscenza al sindaco facendo seguito ad un esposto presentato da altro avvocato che bob nomino per evitare pubblicità. Ho dovuto cambiare casa per il chiasso, vivevo nella centrale via Maddalena, quindi è proprio inesatto dire che grazie all’avv. Spagnuolo si è risolto il problema. Se si è risolto è perchè abbiamo insistito per anni, noi che abbiamo vissuto in centro. Per il resto è vero che esistono imprenditori poco onesti.


  • mi faccia il piacere

    X Imprenditore edile onesto, non c’è scritto che grazie all’avv. Spagnuolo si è risolto il problema della movida. Lei non dice il nome per non farsi pubblicità ma l’assicuro che si è capito bene chi sia. Sinceramente mi sembra più una corsa a screditare l’operato di una persona che altrettanto onestamente lavora come lei. C’è scritto.”L’Avvocato si occupò delle famose ordinanze sulla movida estiva sipontina.” Essendo noto che era stata convocata formalmente anche l’associazione dei consumatori che rappresenta, in occasione delle emissioni di quelle ordinanze, così come avviene nel resto d’Italia. Cosa resa pubblica a mezzo di articoli di giornali che non cito. nè tanto meno è affermato che il problema sia stato risolto. il mio messaggio era ironico e rispondeva alla polemica che qualcuno sollevava sulla foto del legale. non si capisce tutto questo clamore posto che l’articolo non dice niente di specifico n’è tanto meno si legge la parola “COMPARTO”. A mio modesto parere sarebbe meglio leggere con più attenzione l’articolo e i commenti della gente. X il resto è vero che ci sono stati diversi esposti.


  • Ci interessa la notizia

    Questo Le fa onore, prima come persona poi come imprenditore.
    Stia tranquillo che essere “onesto” forse non pagherà inizialmente perché la gente viene attratta dall’esca del “disonesto” di un prezzo sottomercato ma alla lunga dà i suoi frutti. Come si dice dalle nostre parti “la processione si vede quando rientra” e oggi la processione è rientrata denunciando fatti che questo articolo ha portato alla ribalta delle cronache cittadine destando l’attenzione di tutti all’infuori della amministrazione comunale.
    Che l’accaduto sia sentito dalla gente lo si capisce dal chiacchiericcio della stessa gente e lo si vede dai commenti scritti su questo blog.
    Allora per porre fine ad una sterile discussione che porta fuori dal tema vero della notizia e cioè “le truffe messe in atto e che possono essere messe in atto” dico che all’avvocatessa, alla testata giornalistica “Stato Quotidiano” ed alla testata giornalistica “Gazzetta del Mezzogiorno” si debba dare atto di aver avuto il coraggio di portare alla luce del giorno un evento di tale gravità.
    Per favore non distogliete l’attenzione dalla notizia vera “LA TRUFFA A DANNO DI IGNARI ACQUIRENTI”.


  • un imprenditore edile onesto

    La notizia, seppur generalizzata ha in fondo di verità, ma è generalizzata e questo nuoce all’intera categoria fatta anche di imprenditori onesti che hanno regalarmente consegnato le case ai propri clienti senza alcun problema. Ritorno al disocrso movida, per ribadire che noi abbiamo combattutto a carte bollate per anni, non è stato l’avv. Spagnuolo a far emettere due ordinanze, in verità una ordinanza identica all’ultima del sindaco Riccardi era già in vigore. Perdonatemi, ne ho passate di tutti i colori ed almeno, dopo aver combattuto per anni ed aver cambiato casa, lasciatemi almeno la soddisfazione di un risultato cui ho concorso ad ottenere.


  • un imprenditore edile onesto

    V’è stato un amico legale che si è preso la patata nella mani, facendo esposti su esposti, che si è messo contro i vigili, attività commerciali, ha avuto minacce di ogni genere, per cui, non mi sembra onesto dire che queste ordinanze sono il risultato dell’impegno dell’avv. SPagnuolo. Lo dico con estrema sincerità, non ci siamo fatti in quattro per anni, io ho persino montato telecamere per filmare abusi e proporre querele, per cui, almeno sotto questo profilo, per favore, non prendetevi meriti con non avete.


  • Saverio M.

    V’è stato un amico legale che si è preso la patata nella mani, facendo esposti su esposti, che si è messo contro i vigili, attività commerciali, ha avuto minacce di ogni genere, per cui, non mi sembra onesto dire che queste ordinanze sono il risultato dell’impegno dell’avv. SPagnuolo. Lo dico con estrema sincerità, non ci siamo fatti in quattro per anni, io ho persino montato telecamere per filmare abusi e proporre querele, per cui, almeno sotto questo profilo, per favore, non prendetevi meriti con non avete.


  • De Biase Michele

    V’è stato un amico legale che si è preso la patata nella mani, facendo esposti su esposti, che si è messo contro i vigili, attività commerciali, ha avuto minacce di ogni genere, per cui, non mi sembra onesto dire che queste ordinanze sono il risultato dell’impegno dell’avv. SPagnuolo. Lo dico con estrema sincerità, non ci siamo fatti in quattro per anni, io ho persino montato telecamere per filmare abusi e proporre querele, per cui, almeno sotto questo profilo, per favore, non prendetevi meriti con non avete.
    Copio per conferma quello che hanno scritto gli amici di via Maddalena con cui ho combattuto per la cosiddetta movida.


  • PER TUTTI

    CI FA’ PARLARE LA SCARSITA’ DI LAVORO..


  • TRUFFA alla manfredoniana

    chiedo all’imprenditore onesto come fare per mettere in guardia la popolazione Sipontina da una ipotetica TRUFFA per l’acquisto di quello che dovrebbe essere il sogno della vita – la CASA -?
    stia certo che questo sarà a tutto vantaggio, come lei dice di essere, degli imprenditori onesti.
    o lei ritiene il silenzio la miglior risposta alle TRUFFE messe in atto da gente (imprenditori onesti?) senza scrupoli?
    Sono sicuro che lei sarà molto apprezzato dai Sipontini se agisce come parla da ONESTO!


  • un imprenditore onesto

    Presto avv. Spagnuolo, replicherò al suo articolo con un altro articolo di cui chiederò la pubblicazione, rispondendo a quelle che sono le sue giuste domande. Le imprese hanno un nome ed una serietà, quando ci si rivolgono ad imprese senza una storia, o a cooperative i problemi possono esserci, anche perchè a volte sono i soci stessi che nn pagano. IL problema è molto più complesso ed avrà modo di leggerlo nella replica. Sulla movida per favore, visto che ho il dente avvelenato, non prendetevi meriti che non avete.


  • katia spagnuolo

    Gentile Imprentitore onesto, che ovviamente ho capito chi sia oltre al collega di cui parla, io non mi sono presa nessun merito. E se devo dire qualcosa ci metto nome e foto. io a lei non ho fatto nessuna domanda pertanto sarà libero di pubblicare tutti gli articoli che crede. Credo che sia andato fuori tema, pertanto, la invito gentilmente a desistere dal rivolgermi pubblicamente ulteriori commenti o giudizi sul mio operato. Distinti Saluti. Katia Spagnuolo.


  • katia spagnuolo

    Gentile Direttore,
    conosco lo spirito del quotidiano ma le ricordo che il direttore ha l’obbligo di moderare i commenti. Pertanto, preso atto che è in essere nei miei confronti un vero e proprio attacco personale e professionale, la invito a provvedere al taglio delle frasi offensive nei miei riguardi e della mia professione. Un conto è esprimere giudizi sulla notizia pubblicata, altro è parlare di cose che esulano e vanno sul personale sul professionale. Riservandomi se necessario di tutelarmi nelle opportune sedi. Distinti Saluti. Avv. Katia Spagnuolo.


  • Redazione

    Gent.le Avv. Spagnuolo,
    cercheremo naturalmente di censurare tutti i commenti che potrebbero ledere la Sua dignità personale e professionale.

    L’invito per tutti, con profonda amarezza, è quello di moderare i commenti, di firmare soprattutto le vs considerazioni e di essere pronti alla cancellazione degli stessi.

    Grazie, RED.


  • Amoruso M.

    Gentilissima Avvocatessa Spagnuolo, come cittadino e come lettore di questo articolo, non voglio pensare che ci sia una regia per sviare l’attenzione da quella che è la vera informazione “I RISCHI PER L’ACQUIRENTE IMMOBILIARE DI RITROVARSI TRUFFATO”.
    Lei ha avuto il coraggio, di portare alla luce una situazione a dir poco spinosa.
    Ed i ripetuti tentativi di portare la notizia fuori tema ne sono la prova.
    Voglio associarmi a quanti, tanti, hanno ringraziato Lei Avv. Spagnuolo, il Direttore della testata “Stato Quotidiano” e la testata “Gazzetta del Mezzogiorno” per il servigio svolto alla comunità.


  • un imprenditore edile onesto

    Egregio Direttore, quando si generalizza e si spara nel vuoto, si rischia di infangare anche il buon nome di imprese edili che non praticano quei comportamenti denunciati dall’avvocato, pertanto, ritengo che l’articolo avrebbe dovuto avere ben altra impostazione, o meglio, quando una persona subisce azioni di quel tipo vi sono rimedi civili e penali per reagire. Se vi sono prove che alcune imprese abbiano agito in mala fede allora che vengano denunciate e l’avvocato faccia nomi, altrimenti, una denuncia così grave e non circostanziata, rischia solo di creare danni alle imprese che lavorano seriamente, in un momento di forte crisi con risvolti anche sul piano occupazionale. La denuncia che è stata fatta è forte, consiglio all’avvocato di procedere con denuncie per i propri associati. Io come impresa valuterò se tale articolo lesivo del buon nome della mia ditta.


  • un imprenditore edile onesto

    Infine, non mi sembra che i miei commenti siano lesivi della sua professionalità. Se un professionista firma un articolo nel quale vengono denunciate cose gravi che possono avere dei risvolti economici per le imprese, già al collasso, se permette, ho il diritto, seppur con uno pseudonimo di contrastare quello che lei afferma, o meglio far emergere che non tutte le imprese adottino quel modo di agire. Siamo in democrazia, lei si sente chiamata in causa solo perchè è comparso il suo nome e la sua foto, ma deve comprendere anche il nostro punto di vista di imprenditori, in un momento di grave crisi economica e con problemi di ogni genere. Abbiano o no il diritto di replicare o la replica è vista solo con un ledere la sua professionalità? Probabilmente qualche suo cliente avrà avuto qualche fregatura, ma ci sono imprese che lavorano da oltre 30 anni che hanno professionalità ed onorabilità da vendere, per cui, ho ritenuto di precisarlo, fermo restando il suo diritto di responsabile della confconsumatori di denunciare eventuali condotte illecite. Tuttavia, spero che a seguito di questo articolo, lei abbia anche proposto azioni o civili o penali nelle opportune sedi per l’accertamento di tali condotte, affinchè vengano isolati quegli imprenditori “poco onesti” che lei ha denunciato pubblicamente.


  • Redazione

    Grazie, di cuore. Red.


  • katia spagnuolo

    Gentile Imprenditore Onesto,
    lei ha fornito così tanti particolari da essere ben identificabile insieme alla sua Ditta. Ha ovviamente il diritto di replica, ma questo deve avere lo stesso oggetto pubblicato e rispetto delle persone interessate. In punto di diritto le ricordo che è la persona offesa che decide di agire. Io mai ho fatto riferimento ad alcuno, meno che a Lei, pertanto se permette, espressioni quali : “non è stato l’avv. Spagnuolo..”, “..non prendetevi meriti che non avete.” …ecc. sono lesive della mia professionalità. Ho trovato davvero poco elegante colpire su una questione che non c’entrava con l’articolo, posto che io non ho mai negato quali fossero i Suoi meriti nè mai affermato che Lei o gli Amici di via Maddalena non avessero combattuto per il chiasso. Poi posto che mi conosce, ritengo grave che Lei abbia strumentalizzato il Collega al quale fa riferimento con lo scopo di creare polemica. Tutti conoscono la serietà della Sua Ditta, l’impegno che avete profuso per far valere un vostro sacrosanto diritto, quale è quello della quiete e del riposo notturno, l’impegno e la serietà del Collega in campo lavorativo e nella vicenda menzionata. Ciò da me affermato è stato già siglato da una guida al Consumatore firmata da tutte le Associazioni di Consumatori, nonchè anche la mia, insieme a quella dei Notai, essendo la fattispecie descritta un problema a livello Nazionale. Posso tranquillamente affermare che a Manfredonia ci sono tanti Imprenditori Onesti, ma ci sono anche TANTE persone che stanno soffrendo per aver subito soprusi. Con stima rinnovata. Katia Spagnuolo.


  • Redazione

    Tanto per “l’imprenditore edile onesto” quanto per l’avvocato K.Spagnuolo: la Redazione ringrazia entrambi per l’apporto fornito sulla vicenda, in termini di moderata dialettica. Che sia di esortazione per le altre parti attive della cittadina. Grazie, Red.


  • spagna

    Scusate ,ma se stò imprenditore onesto è onesto ..di che cosa si preoccupa?
    Visto che sono in cerca di casa perchè gli onesti imprenditori non scrivono i loro nomi per dissociarsi dai “imprenditori onesti” come gli indignati?
    Almeno anche noi cittadini sapremmo a chi rivolgerci….. Anche io… penso di essere buono!!!


  • Italia

    Per Spagna: di ditte serie a Manfredonia ce ne sono diverse che operano da anni senza aver mai bucato nessuno: Ricucci, Rotice, Sdanga, Di Trani Costruzioni, Tomaiuolo Pietro ecc…solo per fare qualche esempio….quando una ditta dovesse truffare con le modalità indicate dall’avv. Spagnuolo è possibile denunciare per truffa la ditta. Prima di acquistare informatevi sulla solidità e serietà della ditta, per non avere spiacevoli inconvenienti.


  • va bè

    a questo punto sarà il tempo a giudicare!


  • Italia

    certo che sarà il tempo, ma non solo il tempo, sarà la magistratura ad accertare se esistono pratiche illecite, che pare siano all’ordine del giorno, da parte degli imprenditori edili. Probabilmente qualche piccolo imprenditore è incorso in qualche debacle, ma state certi che i grossi imprenditori di queste truffe non ne fanno e sfido a dimostrare il contrario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This