Manfredonia

Manfredonia, “AMMI per la città”

Di:

Manfredonia. L’A.M.M.I (associazione delle mogli dei medici italiani), sezione di Manfredonia, in ottemperanza dei propri principi statutari e coerentemente con il proprio impegno sul territorio d’impostazione sanitaria e sociosanitaria, auspica che non vengano perseguite in questa nostra già martoriata città scelte di sviluppo economico non ecocompatibili, tanto in riferimento all’ambiente naturale marino del nostro golfo quanto per ciò che concerne l’habitat umano e sociale di questo territorio, già provato dall’industrializzazione d’assalto.
Sappiamo, da tempo, che ambiente, sicurezza e lavoro non sono valori antitetici e da contrapporre barbaramente (come, forse, troppo a lungo ci hanno fatto credere); al contrario, elementi essenziali di un unico circuito virtuoso che solo attraverso la valorizzazione di un elemento per l’altro dà valore e vivifica la dignità e la speranza delle singole persone, come dell’intera comunità.

Come donne di questa città, sappiamo di essere in un momento importante in cui viene richiesto ai cittadini impegno, consapevolezza e responsabilità d’azione. Siamo certe che la gente saprà informarsi, comprendere, valutare e alla fine scegliere circa il futuro sviluppo, non solo economico, della città. Speriamo prediligendo la vocazione turistica e la salvaguardia dell’ambiente naturale così bello in cui madre natura ha voluto incastonarci.

Si fa appello alla responsabilità dei cittadini, non meno come cittadine chiediamo conto della responsabilità della classe politica tutta al timone di questa città al bivio.
Vogliamo che i nostri figli e nipoti, e i figli e nipoti di tutta la comunità sipontina possano vivere in sicurezza e serenità senza immaginare che lavoro significhi, in qualunque modo, deprivazione di salute, o di aspettativa di vita. Una comunità che non ricordi il proprio passato è una comunità che procede alla cieca; noi non possiamo permettercelo. Ciechi si sbaglia ancora.
Fermamente convinte che fare divulgazione e prevenzione sociosanitaria significhi, quando occorre, allargare la prospettiva e parlare alla memoria di vita della comunità come ai rischi possibili del presente. “Libertà è partecipazione”, con Gaber invitiamo i cittadini alla partecipazione e all’interesse per il nostro futuro di sviluppo. Chiudendo gli occhi, nella mente i fantasmi del passato e guardando il nostro mare sapremo la direzione. Salute e benessere di comunità non sono compatibili con paure e visioni tunnel ricattatorie. Vogliamo tornare a respirare a pieni polmoni la speranza, quella vera e tenacemente concreta di chi ha voglia di crescere dentro più dignitosi orizzonti, e non perdersi ancora. Anche noi, al fianco della città.

Sezione Ammi Manfredonia
Presidente dott.ssa Michela D’errico

Vicepresidente nazionale
Pagina facebook
https://it-it.facebook.com/AMMI-MANFREDONIA



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • cittadino in difesa di Manfredonia

    AMMIREVOLE ED ELEGANTE AUTOREVOLEZZA TUTTA FEMMINILE PER DIRE : NO ENERGAS!! SAREBBE AUSPICABILE SENTIRE ESPRIMERSI ANCHE LA LEGA NAVALE TRA LE ASSOCIAZIONI DI MANFREDONIA CHE , ALL”INTERNO DEI SUOI PRINCIPI STATUARI , CONTEMPLA LA PROTEZIONE DEL MARE !!


  • Manfredonia e il suo declino dovuto ai falsi politici

    Complimenti per questa bellissima lettera.Purtroppo , pero’, c’e’ ancora chi ha dubbi e false notizie.C’E’ tanto da fare….


  • Zuzzurellone Sipontino

    Complimenti, no al bombolone. Combattete come mogli e madri anche, contro l’ignoranza scientifica che purtroppo troppi danni fà. Favorire con le vostre iniziative la vaccinazione a tappeto dei/lle bambini/e e dei/lle adolescenti. Per la diffusione della Ru486. Contro i rimedi omeopatici, i fiori di bach, agopuntura, ecc. Impegnarsi sempre arrendersi mai. Ciao belle ed eleganti sipontine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati