Attualità
Folli, maniaci o burloni non è ancora chiaro

Pagliacci terrorizzano le città, dagli USA arriva la “Clown-Hysteria”

Il fenomeno, nato negli USA, è giunto in Europa; alcuni pensavano si trattasse di una campagna promozionale per il remake di “It” ma Stephen King ha smentito l’ipotesi di marketing su Twitter

Di:

Foggia. Scene da film, tanto folli quanto insensate, che non ci aspetteremo mai di vedere nella vita di tutti i giorni. Accade periodicamente invece negli Stati Uniti e di recente anche in Europa (precisamente in Inghilterra). Saltano fuori dai cespugli o altri nascondigli terrorizzando le coppiette, sorprendendo gli automobilisti per strada, spaventando i bambini all’uscita da scuola o nel peggiore dei casi, bussando alla porta dei malcapitati a notte fonda, armati di coltello. Sono decine le segnalazioni e gli altrettanti arrestati, al punto che i media di tutto il mondo l’hanno definita “Clown-Hysteria” (Isteria del pagliaccio).

Il fenomeno a dir la verità è iniziato già alcune decine di anni fa, ma si trattata di casi isolati e squilibrati finiti poi in manette (o peggio ancora sulla sedia elettrica, dal momento che alcuni di loro hanno anche ucciso): è il caso di John Wayne Gacy, uno spietato serial killer che tra il 1972 e il 1978 ha rapito, torturato, sodomizzato e ucciso 33 persone, seppellendole poi nei giardini o nelle fondamenta delle loro abitazioni. Gacy adescava le sue vittime proprio grazie al suo travestimento, quello di “Pogo il clown” e intratteneva i bambini alle loro feste di compleanno. Dal giorno del suo arresto, la figura del pagliaccio non è più stata il simbolo di gioia e divertimento. A fine agosto 2016, a Greenville, nella Carolina del Sud, un bambino ha raccontato alla mamma che due uomini vestiti da clown avevano provato ad attirarlo nel bosco. Da quell’episodio c’è stata una vera e propria ondata di avvistamenti e segnalazioni, per fortuna senza gravi conseguenze. Immediate le risposte da parte delle istituzioni: nello stato del Connecticut è stato imposto il divieto di vestirsi da pagliacci mentre in Tennessee la polizia ha pubblicato le foto di due clown avvisando: “Cercano di attirare i bambini, sono pericolosi: chiamate il 911”.

Complessivamente più di 37 stati americani hanno riportato avvistamenti di clown sinistri: tra i sospettati finiti in manette ci sono persone di tutte le età, dai 15 ai 60 anni. Intanto studenti e cittadini terrorizzati si sono organizzati in ronde dando inizio ad una vera e propria caccia al clown.

I casi in Europa

L’orrenda mania è arrivata anche in Europa, contaggiando il Regno Unito; nella terra della regina infatti si sono verificati già diversi inquietanti episodi. A Newcastle alcuni uomini travestiti da pagliacci hanno terrorizzato i ragazzi saltando fuori dai cespugli e rimanendo in agguato all’uscita da scuola mentre a Sheffield è stato ha avvistato un clown che camminava per strada su una carrozzina elettrica e il video è stato pubblicato su Facebook.

Anche in Inghilterra c’è un “paladino della giustizia” contro i clown: si tratta di un uomo che vigila di notte, travestito da Batman.. (http://www.telegraph.co.uk/news/2016/10/12/man-dressed-as-batman-chases-killer-clowns-in-cumbria/)

Una trovata pubblicitaria?

Alcuni hanno cominciato a pensare che si trovasse di una campagna promozionale in vista dell’uscita di “It”, un remake dello storico film di Stephen King, in uscita per l’anno prossimo. Lo stesso King però ha smentito l’ipotesi della grossa trovata di marketing con un post su twitter: “Ehi, ragazzi, è tempo di raffreddare l’isteria, la maggior parte dei clown sono buoni, rallegrano i più piccoli e fanno ridere la gente”.

Gli episodi in Italia

Quanto successo non è estraneo allo stivale che già nel 2014 ha registrato alcuni casi. Esemplari sono i video di DM PRANKS alias Matteo Moroni (nome rivelato da dailybest.it) l’italiano che per primo ha messo su YouTube lo scherzo del clown assassino, che in seguito è diventato virale.

Il fenomeno sembra per adesso sfociare nella sola isteria magari di chi, come DM PRANKS, vuole solo realizzare video da postare in rete dal momento che, diverse armi impugnate dai clown, si sono rivelate finte. Il consiglio resta quello di restare con gli occhi aperti fuori e dentro casa, di non circolare da soli negli orari notturni e, naturalmente, di avvisare la polizia nel caso di avvistamenti sospetti.

(A cura di Antonio Piazzolla, Foggia 26.10.2016)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati