CapitanataCerignolaCronaca

Cerignola, controlli a tappeto delle forze dell’ordine

Di:

Cerignola. L’ondata di criminalità che sta invadendo Cerignola ha portato le forze dell’ordine presenti in città ad effettuare controlli e perquisizioni di interi quartieri, al fine di arginare i fenomeni delinquenziali che hanno scosso l’opinione pubblica. L’operazione ha avuto inizio martedì scorso con diverse perquisizioni domiciliari e controlli, a carico di pregiudicati ritenuti elementi vicini ai personaggi che in quest’ultimo periodo hanno compiuto rapine in danno di autotrasportatori e autovetture di grossa cilindrata. Nello specifico, in quella giornata, si effettuavano 12 perquisizioni domiciliari che portavano al rinvenimento di circa 250 gr. di hashish, 12 gr. di cocaina e 200 gr. di marijuana, il tutto già suddiviso in dosi e pronte per lo smercio. Nella stessa giornata, un ragazzo veniva segnalato alle autorità competenti per uso personale di sostanza stupefacente in quanto, durante un controllo, veniva trovato in possesso di una dose di sostanza stupefacente del tipo marijuana.

L’apice dell’operazione interforze si raggiungeva nella giornata di ieri 25 novembre, quando le forze di polizia facevano irruzione all’interno del quartiere denominato “Gran Sasso”, bloccando tutte le vie di fuga, ed effettuavano 23 perquisizioni domiciliari a carico di elementi di spicco delle criminalità, nonché il controllo di tutti gli stabili presenti, al fine di rinvenire armi e sostanza stupefacente.

Nel corso dell’operazione due persone venivano arrestate, rispettivamente per Spaccio di sostanza stupefacente e resistenza a P.U., tre persone venivano denunciate in stato di libertà, in particolare T.G., classe 1971, veniva denunciata per ricettazione perché, durante una perquisizione domiciliare, veniva trovata in possesso di un Tablet provento di rapina in danno di un automobilista, avvenuta lo scorso mese di maggio sulla S.S. 16 bis; B.D., classe 1979, veniva denunciato a P.L. in quanto veniva trovato alla guida di un veicolo, con la patente sospesa. Da un controllo all’interno dell’autovettura gli agenti rinvenivano un bastone di grosse dimensioni, una pistola giocattolo e un fucile da pesca con fiocina inserita; pertanto denunciato alle autorità competenti.

Nel corso delle perquisizioni, all’interno di un garage, si rinveniva diverso materiale archeologico che veniva opportunamente sottoposto a sequestro, con la denuncia a P.L. di D.M, classe 1966 alle autorità competenti. Durante il controllo all’interno di tutti i garage presenti e di tutti gli stabili, si riusciva a rinvenire e a sottoporre a sequestro complessivamente 2 kg di sostanza stupefacente del tipo hashish, 1,5 KG di marijuana, 200 grammi di marijuana e 32 gr. di cocaina, il tutto pronto per essere smerciato, occultato nei vani ascensori o nei vani tecnici posti sul terrazzo.

Nelle medesima operazione venivano controllati oltre 100 box, tutti gli spazi condominiali, 325 veicoli e 184 persone.

Questa, per il momento, è la risposta dello stato che è stata data alla lunga scia di atti criminali che ha invaso nell’ultimo periodo la città di Cerignola, ottenendo considerevoli risultati investigativi. Appare rilevante la circostanza che, a meno di dieci giorni da analogo servizio svolto dalla locale Compagnia Carabinieri nel medesimo quartiere, si siano ottenuti i suddetti risultati che mettono in evidenza la sfrontatezza dei criminali locali.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati