Cinema

Django Unchained – Q. Tarantino, 2012


Di:

Quentin Tarantino sul set di Django Unchained (fonte: myreelpov.wordpress.com)

Questa scheda è spoiler-free: nel rispetto del lettore vergine della visione del film verranno isolate, nell’arco della recensione, eventuali rivelazioni critiche di trama (spoiler) su note a piè pagina, oltre a essere suggerito, a fine articolo, un indice della presenza di punti sensibili nell’opera il cui svelamento accidentale possa incidere su una sua corretta fruizione

Titolo originale: Django Unchained
Nazione: Stati Uniti
Genere: western

BARDATO da cinque nomination agli Oscar 2013, giunge in sala con uno strepitoso successo di pubblico nella sola prima settimana di proiezione, l’ultimo lavoro del regista cult Quentin Tarantino, Django Unchained, omaggio al Django di Corbucci del 66.
Nella rivisitazione tarantiniana, Django è uno schiavo di colore che si vedrà liberato da un cacciatore di teste per aiutarlo a rintracciare dei ricercati. Si alleeranno e non solo per lavoro.

Django Unchained - poster

Fantasma onnipresente nelle fantasie cinematografiche recenti di Tarantino, il western aveva ormai acquisito le connotazioni di un enorme brufolo che non poteva non esplodere in una pura pellicola di genere, ammiccante – neanche a dirlo! – alla produzione strettamente italiana del filone. Nasce, così, dalla creatività dell’autore di Pulp Fiction l’avventura di questo Spartaco di colore, interpretato da un valido Jamie Foxx, e del raffinato King Shultz, un chirurgico Christoph Waltz già apprezzato nel precedente Bastardi senza gloria.
In quasi tre ore di cinema, Tarantino si diverte a dar sfogo alle sue mitologie e nostalgie adolescenziali con mano ferma ed educata, sobrio nel suo adattarsi ad un genere senza piegarlo a tutti i costi ad uno stile, il proprio, vincente ma potenzialmente invasivo e ripetitivo. Per questo sorprende e spiazza, per la terza volta dopo Jackie Brown e Bastardi senza gloria, cambiando registro e servendo sul tavolo qualcosa di sostanzialmente lontano dalle pietanze ormai diventate un marchio di fabbrica, un mood imitato, glorificato e quasi canonizzato. E’ scelta coraggiosa, quella che può permettersi solo chi è padrone del mezzo e non si esaurisce nel rimescolamento dal proprio piccolo parco giochi dorato, l’ennesima prova che, oltre il nerd cinefilo a tratti onanista, si nasconde un abile artigiano molto più pregiato dello stesso cinema che omaggia.

Django Unchained - poster

Ma Django Unchained non è un intoccabile, tutt’altro, e non è tra le sue migliori pellicole.
Se la sceneggiatura è pulita e lineare, senza significativi problemi di sviluppo, quel che ne risulta nel complesso non va molto oltre un buon prodotto a cavallo tra l’azione, la provocazione da cinema d’exploitation e l’omaggio al filone western. Stupisce l’esecuzione composta e mai fuori dalle righe, l’inatteso rientro di Tarantino su canoni cinematografici più tradizionali, ma sembra mancare una firma potente da un lato o un altissimo livello di fattura dall’altro. Si è al di sopra del mero esercizio tecnico giacché c’è ambizione, ricerca e, a sprazzi, soluzioni personali che ricordano stili e abilità ([…]1), ma è troppo poco per consacrare questo Django Unchained tra i film epici d’autore e tra i best movie di Tarantino.

La rivisitazione stilistica personale in parte fallisce e tante volte non emerge dalla buona, o anche ottima, riproposizione con piccole variazioni sul tema, e l’originalità è scatenata più dalla unicità, oggi, di pellicole del genere sugli schermi quanto dall’impronta esclusiva del regista. A voler essere inclementi manca molta della stoffa tarantiniana, ma la grinta del soggetto, la sua efficacia da evergreen, le interpretazioni e qualche bella invenzione cercano di farne dimenticare l’assenza.
Tanti i segnali di questo deficit generalizzato, evidenziati per contrasto proprio dagli sporadici e incauti tentativi di riaffermare il proprio vecchio stile. I dialoghi, ad esempio, sono tutti funzionali ma poche volte memorabili, ed irrita vedere Tarantino autocitarsi nel simpaticissimo ma inopportuno battibecco sui sacchetti copri-volto, quasi a sventolare la sua presenza a coloro che l’avessero nel frattempo dimenticato. Gli stessi sofisticati e amabili dialoghi consegnati al bravissimo Christoph Waltz appaiono parenti troppo stretti delle fredde e cerebrali conversazioni dello spietato nazista di Bastardi senza gloria, e, pur senza essere fuori luogo, tradiscono un ritorno nell’area di sicurezza collaudata.

Django Unchained - poster

E non sono, queste, le uniche citazioni e (auto)celebrazioni che si fanno perdonare quando integrate in un innovativo tessuto ma diventano infantili se lasciate appese a far mostra di sé come macerie di una filosofia: triste il cameo di Franco Nero, di scarso valore attoriale ma involontariamente meritocratico nel rammentare, per confronto con la restante ottima compagine di interpreti, quanta e quale differenza qualitativa vi sia tra produzione omaggiata e l’omaggio; poco meno triste ma sciocco il cameo dello stesso regista, debole come attore, che non riesce a fare a meno di ritagliarsi dialoghi su misura per recitare come se fosse perennemente in un pulp movie anche quando non ne è il caso; simpatica ma di poco spessore, infine, la rievocazione conclusiva da Il buono, il brutto, il cattivo, l’esternazione felice e soddisfatta di un bambino che “doveva dirla” e l’ha detta.

Tarantino, con Django Unchained, cerca di allontanarsi ancora una volta dal taglio ben noto al grande pubblico, è coraggioso e sforna un delizioso film d’intrattenimento con una buona regia, ma l’oggettino non brilla di luce propria, e, non appena sembra ripensarci, il ritorno al vecchio stile si palesa in passaggi forzati o mal integrati. Non ci si sente delusi dalla qualità dell’opera in generale né dalla confermata abilità di questo regista di saper andare oltre il suo consolidato tratto e il suo altrettanto consolidato genere, ma fuori dai suoi storici recinti questa volta, solo questa volta, sembra non esserci molta novità né una visione personale stravolgente bensì quasi solo rievocazione, rifacimento, riproposizione.

CANDIDATURE agli Oscar 2013 – Miglior film (Quentin Tarantino), Miglior attore non protagonista (Christoph Waltz), Miglior sceneggiatura originale (Quentin Tarantino), Migliore fotografia (Robert Richardson), Miglior montaggio sonoro (Wylie Stateman)

Valutazione: 7/10
Spoiler: 9/10

altreVisioni

Fear X, N. Winding Refn (2003) – enigmatico thriller psicologico che cerca il punto di forza su atmosfere lynchiane e sospese. Solo parzialmente riuscito * 5.5

In Stato d’osservazione

Frankenweenie, T. Burton (2012) – ultima stop motion di Burton * 17gen
Lincoln, S. Spielberg (2012) – 12 nomination Oscar 2013 * 24gen
Flight, R. Zemeckis (2012) – drammatico, 2 nomination Oscar 2013 * 24gen
In Darkness, A. Holland (2011) – drammatico, nomination Oscar 2012 miglior film straniero * 24gen
Quartet, D. Hoffman (2012) – commedia * 24gen
Looper, R. Johnson (2012) – scheda * 31gen


[…]1 la caduta al ràlenti di uno dei tre fratelli Brittle colpito a morte, il lento avvicinarsi degli hillbilly al corpo di un nero straziato dai cani, la minacciata evirazione di Django, parte della straordinaria carneficina pre-finale

Django Unchained – Q. Tarantino, 2012 ultima modifica: 2013-01-27T13:51:41+00:00 da Alessandro Cellamare



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • PAOLO

    Da semplice critico spettatore, nonché ammiratore di Tarantino, anche Lei ,come Mario Turco, credo non abbia azzeccato neanche una delle critiche e, quindi le scrivo la stessa cosa “…centrato e consolidato la solita, becera diseducazione dei critici cinematografici italiani invidiosi di siffatte pellicole. Schiavi di termini e linguaggi che per leggere una vostra critica bisogna farsi le ore serali alla Bocconi (come i politici)…Sarebbe meglio stimolare il cinema italiano per darsi da fare specie verso i giovani a cui piace un casino il cinema di Quentin; per non parlare degli sponsor che pensano solo alle partite di calcio.
    Ma infatti la realtà è questa: stiamo dalla finestra a guardare come degli insolenti e petulanti spettatori ciò che accade in strada senza mai pensare ad uscire dal portone e fare noi gli attori…
    Cordialmente, Paolo.

  • Un bel film da vedere al cinema..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This